L’Iran promette vendetta per l’attacco mortale attribuito a Israele

L’Iran promette vendetta per l’attacco mortale attribuito a Israele

Commenta la foto,

I manifestanti hanno bruciato bandiere israeliane e americane durante una protesta a Teheran lunedì sera, poche ore dopo il raid mortale in Siria.

L'Iran ha promesso di rispondere a quello che ha definito un attacco israeliano lunedì che ha distrutto l'edificio del consolato iraniano nella capitale siriana, Damasco.

Il leader supremo, l'Ayatollah Ali Khamenei, ha affermato che Israele “si pentirà di questo crimine”, mentre il presidente Ebrahim Raisi ha insistito che “non rimarrà senza risposta”.

La televisione di stato iraniana ha riferito che sette membri della Guardia rivoluzionaria, tra cui due generali, e sei siriani sono stati uccisi.

L'esercito israeliano ha affermato di non commentare quanto riferito dai media stranieri.

Ma un anonimo alto funzionario del governo israeliano ha detto all'agenzia di stampa Reuters che le persone uccise “erano dietro diversi attacchi contro risorse israeliane e americane e avevano in programma di lanciare ulteriori attacchi”. Hanno anche insistito sul fatto che l’ambasciata “non era un obiettivo”.

Il New York Times ha anche citato quattro funzionari israeliani che hanno confermato che Israele ha effettuato il raid, ma hanno negato che l'edificio avesse status diplomatico.

Israele ha ammesso di aver effettuato centinaia di attacchi negli ultimi anni contro obiettivi in ​​Siria che ritiene siano collegati all’Iran e ai gruppi armati alleati armati, finanziati e addestrati dalla Guardia rivoluzionaria.

Secondo quanto riferito, gli attacchi si sono intensificati da quando è iniziata la guerra a Gaza nell’ottobre dello scorso anno, in risposta agli attacchi transfrontalieri contro il nord di Israele da parte di Hezbollah e di altri gruppi sostenuti dall’Iran in Libano e Siria.

L'Iran ha finora evitato il confronto diretto con Israele durante il conflitto, ma l'attacco di lunedì è considerato una pericolosa escalation.

Spiegazione video,

Il consolato iraniano in Siria viene distrutto dopo un attacco aereo mortale.

Il presidente iraniano ha detto martedì che i comandanti delle Guardie rivoluzionarie erano in Siria “come consiglieri senior nella difesa del sacro santuario” – un evidente riferimento a un luogo sacro alla periferia di Damasco che si ritiene ospiti la tomba di Sayyida Zeinab, il grande imam. figlia. Il primo imam sciita.

“Dopo aver fallito nel distruggere la volontà del Fronte della Resistenza, l’entità sionista [Israel] Raisi ha aggiunto: “Ha rimesso gli omicidi ciechi nella sua agenda per salvare se stessa. Deve sapere che non raggiungerà mai i suoi obiettivi e che questo crimine codardo non rimarrà senza risposta”.

Successivamente, il leader supremo dell'Iran ha anche promesso di vendicare l'uccisione delle guardie rivoluzionarie, che ha descritto come una “enorme perdita” per il suo paese.

L'Ayatollah Khamenei ha detto: “Il regime malvagio sarà punito dai nostri uomini coraggiosi. Faremo loro rimpiangere questo crimine e altri simili”.

La missione dell'Iran presso le Nazioni Unite a New York ha inoltre affermato che l'attacco costituisce una “flagrante violazione della Carta delle Nazioni Unite, del diritto internazionale e del principio fondamentale dell'inviolabilità degli edifici diplomatici e consolari”.

Nel frattempo, uno dei consiglieri dell'Ayatollah Khamenei, Ali Shamkhani, ha affermato che gli Stati Uniti “restano direttamente responsabili, a prescindere dal fatto che fossero consapevoli o meno dell'intenzione di effettuare questo attacco”.

La portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Adrienne Watson, ha affermato che il consiglio “non ha avuto alcun ruolo nell’attacco” e “non ne era a conoscenza in anticipo”.

Il ministero della Difesa siriano ha affermato che lunedì pomeriggio aerei israeliani hanno lanciato missili contro l'edificio del consolato iraniano, che si trova accanto all'ambasciata iraniana su un'autostrada nella zona di Mezzeh, a ovest di Damasco, dalle alture di Golan occupate.

Ha aggiunto che l'edificio è stato completamente distrutto, provocando la morte e il ferimento di tutti coloro che si trovavano all'interno, senza fornire ulteriori dettagli.

L'ambasciatore iraniano Hossein Akbari ha affermato che il raid è stato effettuato da aerei da combattimento F-35 israeliani e “ha preso di mira il mio luogo di residenza e la sezione consolare dell'ambasciata, insieme agli addetti militari iraniani”.

Lunedì sera, la Guardia rivoluzionaria iraniana ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che sette dei suoi ufficiali sono stati uccisi, tra cui il generale di brigata Mohammad Reza Zahedi e il generale di brigata Mohammad Hadi Haji Rahimi.

I media iraniani hanno affermato che Zahedi (63 anni) era una figura di spicco nella Forza Quds – il braccio delle operazioni estere delle Guardie rivoluzionarie – e ha lavorato come comandante in Libano e Siria tra il 2008 e il 2016. Nel frattempo, Haji Rahimi è stato identificato come il vice di Zahedi.

Zahedi è una delle figure iraniane più importanti che si ritiene siano state uccise da Israele nella lunga campagna di omicidi del paese.

Martedì la televisione di stato iraniana ha riferito che il bilancio delle vittime è salito a 13, inclusi sei siriani uccisi insieme alle Guardie rivoluzionarie.

L'Osservatorio siriano per i diritti umani, un gruppo di monitoraggio con sede nel Regno Unito, ha riferito che 11 membri del cosiddetto “asse della resistenza” iraniano sono stati uccisi. Ha aggiunto che i detenuti sono otto iraniani, tra cui sette leader, due siriani e un libanese.

Fonti della sicurezza libanesi hanno anche detto a Reuters che un membro del gruppo Hezbollah sostenuto dall'Iran è stato ucciso.

La settimana scorsa, presunti raid israeliani su Damasco e sulla città settentrionale di Aleppo avrebbero ucciso 53 persone, tra cui 38 soldati siriani e sette membri del gruppo armato libanese Hezbollah, sostenuto dall'Iran.

L’Iran ha detto che le Guardie Rivoluzionarie sono state inviate in Siria per “consigliare” le forze del presidente Bashar al-Assad nella guerra civile del paese, ma ha negato il loro coinvolgimento nei combattimenti o nella creazione di basi.

READ  Il gateway da Dublino a New York è stato chiuso a causa di un comportamento “inappropriato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *