Come un iPad perso 6 anni fa in Italia è tornato a Marystown, NL

Kayla Walters ha accidentalmente lasciato il suo iPad in un ostello mentre era a Firenze, in Italia, nel 2015. (Fornito da Kayla Walters)

Nel 2015, durante la navigazione in Europa, Kayla Walters ha dormito il giorno in cui avrebbe dovuto prendere un treno da Firenze, in Italia, a Nizza, in Francia.

Salì sul treno, ma il suo sollievo fu interrotto quando si rese conto che nella fretta di lasciare l’ostello aveva dimenticato il suo iPad sotto un cuscino sul suo letto a castello.

Walters ha detto in un’intervista a The strada. Spettacolo mattutino di John. “All’epoca era il mio tablet principale. Sai, lo usavo per tutto.”

Sei anni dopo, il giorno del suo compleanno, Walters, originaria di Marystown, ha ricevuto un messaggio sorprendente da sua madre: il suo iPad è miracolosamente tornato.

Ora che il suo iPad è finalmente tornato, Walters ha presentato un altro mistero: chi ha riportato indietro il dispositivo e perché ci è voluto così tanto tempo?

Quando ha perso il suo iPad nel 2015, Walters ha cercato di riaverlo. Dopo essere tornata in Canada, ha mandato e-mail avanti e indietro con i proprietari dell’ostello di Firenze, che alla fine hanno trovato il suo tablet.

I proprietari dell’ostello le hanno chiesto di inviare denaro per le spese di spedizione. Walters ha inviato i soldi, ma quando l’iPad non si è presentato, ho pensato che fosse stato perso durante il trasporto. Dopo alcuni mesi ho perso le speranze.

“Ho dovuto solo staccare un morso e sostituirlo”, ha detto.

Quando il mio iPad è apparso inaspettatamente la scorsa settimana, ho cercato la persona che lo aveva inviato su Facebook. C’era un solo risultato: un uomo del Quebec.

Ha inviato un messaggio spiegando la sua storia e chiedendo se fosse stato lui a inviare l’iPad, e sicuramente lo era.

“Era così eccitato perché era lui”, ha detto Walters.

È un piccolo mondo

Il ragazzo è stato in grado di compilarlo durante il viaggio di ritorno a casa su iPad.

I proprietari della locanda di Firenze hanno perso il suo indirizzo, ma avevano ancora l’indirizzo della banca a Marytown dalla banconota che ho inviato. Walters ha detto che per paura di perdere il pacco in transito dall’Italia al Canada, lo hanno dato all’uomo per posta dal Quebec.

L’uomo – che è nell’esercito – ha spiegato che aveva intenzione di spedire l’iPad al suo ritorno in Canada, ma è stato pubblicato due giorni dopo il suo ritorno a casa.

Le disse che era tornato di recente in Quebec, aveva trovato un iPad in una scatola da imballaggio e alla fine l’aveva rispedito indietro, senza sapere se sarebbe mai arrivato al suo proprietario.

Poco tempo dopo, l’iPad arriva alla Marystown Bank, dove lavora la madre di Walters, e dice che è ancora funzionante.

L’iPad di Walters è arrivato alla Bank of Montreal per il suo compleanno. La nota allegata recita: “Ho provato ad accedervi ma senza risultato”. (Fornito da Kayla Walters)

“Sembra surreale, come se accadesse solo nei film o, sai, a persone che non conosco mai su Facebook, ma è successo solo a me ed è stata una grande esperienza. Ma è successo il giorno del mio compleanno, è stato proprio quello che successo”, ha detto Walters.

Stava parlando con l’uomo che ha inviato l’iPad e ha scoperto che la sua città natale era vicino alla città da cui proveniva la sua famiglia in Quebec.

“Adoro questo, sai, il mondo è davvero, davvero piccolo”, ha detto.

Walters, che ora vive a St. John’s, non ha ancora visto l’iPad di persona. È entusiasta di riscoprire gli appunti e i diari di viaggio che teneva sul dispositivo.

Dice anche di essere grata che qualcuno abbia fatto lo sforzo di inviare un iPad dopo tutti questi anni.

“È incredibile”, ha detto Walters. “Sapere che ci sono persone davvero brave nel mondo.”

Leggi di più da CBC Terranova e Labrador

READ  La nuova ondata durerà più a lungo dell'onda precedente. Serve la responsabilità »- Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *