Che cos’è la tecnologia dei combustibili solidi e perché la Corea del Nord la sta sviluppando? | Notizia

Che cos’è la tecnologia dei combustibili solidi e perché la Corea del Nord la sta sviluppando?  |  Notizia

Uno sguardo alle caratteristiche della tecnologia dei combustibili solidi e a come può aiutare la Corea del Nord a migliorare i suoi sistemi missilistici.

La Corea del Nord ha affermato di aver testato con successo un nuovo missile balistico intercontinentale a propellente solido (ICBM), il primo uso noto di propellente in un proiettile a lungo raggio.

Ma cos’è esattamente un razzo a combustibile solido e perché è importante averne uno?

Cos’è la tecnologia dei combustibili solidi?

Il combustibile solido è una miscela di combustibile e comburente. Le polveri metalliche come l’alluminio servono spesso come combustibile e il perclorato di ammonio, che è il sale dell’acido perclorico e dell’ammoniaca, è l’agente ossidante più comune.

Il combustibile e l’ossidante sono tenuti insieme da un solido materiale in gomma e racchiusi in un involucro metallico.

Mentre il combustibile solido brucia, l’ossigeno del perclorato di ammonio si combina con l’alluminio per generare enormi quantità di energia e temperature superiori a 5.000 gradi Fahrenheit (2.760 gradi Celsius), spingendo il razzo e sollevandolo dalla piattaforma di lancio.

Qual è il vantaggio di questa tecnica?

I combustibili solidi sono densi e bruciano molto rapidamente, generando spinta in un breve periodo di tempo. Separatamente, può rimanere in deposito per lungo tempo senza decomporsi o rompersi, un problema comune con i combustibili liquidi.

I missili a propellente solido sono più facili e più sicuri da usare, ha affermato Van Van Diepen, un ex esperto di armi del governo degli Stati Uniti che ora fa parte del progetto di sorveglianza della Corea del Nord con sede a Washington, 38 North. Richiedono anche meno supporto logistico, il che le rende più difficili da rilevare e sopravvivere rispetto alle armi a combustibile liquido.

READ  Putin punta sullo "scenario coreano" per l'Ucraina, afferma il capo dell'intelligence militare ucraina

Secondo Joseph Dempsey, ricercatore associato presso l’International Institute for Strategic Studies, uno dei principali vantaggi è che i missili a propellente solido possono essere “alimentati dal punto di produzione”.

“Consentono quindi agli operatori di mantenere un elevato stato di prontezza e la possibilità di lanciarsi in pochi minuti, a seconda della base”, ha scritto Dempsey in una lettera. analisi all’inizio di quest’anno.

Al contrario, un missile balistico intercontinentale alimentato a liquido deve essere sottoposto a un processo di rifornimento prima del lancio, ha affermato Dempsey. Questo può richiedere ore, dando all’avversario il tempo di identificarlo, reagire e neutralizzarlo prima che venga rilasciato.

Chi possiede questa tecnologia?

I propellenti solidi risalgono alla pirotecnica sviluppata dalla Cina secoli fa, ma hanno fatto un enorme passo avanti a metà del XX secolo, quando gli Stati Uniti hanno sviluppato propellenti più potenti.

L’Unione Sovietica mise in campo il suo primo missile balistico intercontinentale a combustibile solido, l’RT-2, nei primi anni ’70, seguito dallo sviluppo da parte della Francia del suo S3, noto anche come SSBS, un missile balistico a medio raggio.

La Cina ha iniziato a testare missili balistici intercontinentali a combustibile solido alla fine degli anni ’90.

La Corea del Sud ha dichiarato venerdì di aver già acquisito la tecnologia dei missili balistici a combustibile solido “efficace e avanzata”.

Perché la Corea del Nord sta investendo in missili balistici intercontinentali a combustibile solido?

La Corea del Nord ha affermato che lo sviluppo del suo nuovo missile a combustibile solido, l’Hwasong-18, “migliorerebbe radicalmente” la sua capacità di contrattacco nucleare.

L’agenzia di stampa ufficiale KCNA ha citato il leader Kim Jong Un che afferma che l’Hwasong-18 sosterrà ulteriormente una strategia militare aggressiva che si impegna a mantenere “armi nucleari e uno scontro a tutto campo” contro gli avversari della Corea del Nord.

READ  Putin sta valutando le opzioni se l'Occidente rifiuta le garanzie che la NATO non si espanderà in Ucraina
Il leader nordcoreano Kim Jong Un e sua figlia Kim Ju Ae partecipano a un lancio di prova di un missile balistico intercontinentale a combustibile solido, l’Hwasong-18, in una località sconosciuta. [Reuters]

cosa c’è dopo?

Il ministero della Difesa della Corea del Sud ha cercato di minimizzare il test, affermando che la Corea del Nord avrà bisogno di “più tempo e sforzi” per perfezionare la tecnologia.

Ankit Panda, membro anziano del Carnegie Endowment for International Peace con sede negli Stati Uniti, ha affermato che il Nord potrebbe avere difficoltà a garantire che un missile così enorme non si disintegri quando il diametro del missile aumenta.

Anche se il missile Hwasong-18 potrebbe non essere un “punto di svolta”, ha detto, molto probabilmente complicherà i calcoli degli Stati Uniti e dei suoi alleati durante il conflitto.

Panda ha dichiarato: “L’interesse più importante degli Stati Uniti e dei suoi alleati è ridurre i rischi di uso nucleare e l’escalation derivante dal possesso di queste armi da parte della Corea del Nord”.

Dopo il lancio della Corea del Nord venerdì, la Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno condotto un’esercitazione aerea congiunta che ha coinvolto un bombardiere statunitense B-52.

Uno schermo televisivo mostra le immagini del lancio di un missile nordcoreano durante un programma di notizie alla stazione ferroviaria di Seoul a Seoul, in Corea del Sud. [Ahn Young-joon/AP]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *