Scorsese balla il valzer con David Johansson in ‘Personality Crisis’ – Notizie di intrattenimento

Scorsese balla il valzer con David Johansson in ‘Personality Crisis’ – Notizie di intrattenimento

Martin Scorsese si stava preparando per “Killers of the Flower Moon” quando Mara Hennessy ha esteso l’invito a vedere David Johanssen. L’ex frontman della band principale dei New York Dolls degli anni ’70, nonché marito di Hennessy, si è esibito in un nuovo spettacolo al Carlyle Café.

Scorsese, un fan di lunga data di Johanssen (ha interpretato i burattini per stuzzicare i suoi attori per una scena di combattimento), si è scatenato con una manciata di altri, incluso il suo frequente collaboratore di documentari David Tedeschi. Lì, hanno visto Johansen compiere un atto di audacia e grazia.

Qui una volta c’era un edificio del centro che è stato trasferito in una delle stanze più lussuose di Uptown. Come suo alter ego, Buster Poindexter, Johansen eseguiva versioni ridotte delle sue stesse canzoni e canzoni di marionette, con molti intermezzi riflessivi e comici. Scorsese, colpito dalla performance di Johansen, decise immediatamente di girarlo: l’eco ancora clamorosa di una New York scomparsa.

“Era solo una sensazione naturale: dobbiamo farlo”, ha spiegato Scorsese in un’intervista. “Dobbiamo prenderla prima che se ne vada.”

Il risultato è “Personality Crisis: One Night Only”, che debutta venerdì a Showtime, mescolando filmati di Scorsese e del co-regista David Tedeschi girati in due notti a Carlyle nel gennaio 2020 con flashback della variegata carriera di Johansen e interviste intime registrate durante la pandemia di Johansen e della figlia di Hennessy, Lea.

READ  Chappelle porta Jay-Z nel rock and roll e la stuzzica con Sarandos

Come la recente serie Netflix di Scorsese “Pretend It’s a City” con Fran Lebowitz, è anche un ritratto della voce newyorkese ancora vibrante in una città ora diversa da quella in cui tutto è stato modellato.

“L’ambiente da cui è uscito negli anni ’70 è, in un certo senso, ancora lì”, dice Scorsese, il cui terzo lungometraggio, “Mean Streets”, è uscito lo stesso anno dell’album di debutto dei Dolls. “Riguarda New York perché viviamo a New York. Non vado a Los Angeles, non vado a Chicago. Vivo a New York. E questo fa parte delle mie origini. Si scopre che è cambiato, è finita, è andato, sta andando da qualche altra parte.”

Il tempo è molto presente nella mente di Scorsese, 80 anni, che tra un mese debutterà a Cannes “Killers of the Flower Moon”, il suo tentacolare adattamento del best-seller di David Grann su una serie di assassini di Osage in Oklahoma. . La portata del rilascio di Apple – con un budget di $ 200 milioni e quasi quattro ore di autonomia – lo rende, come The Irishman, uno dei più grandi progetti di Scorsese.

“Crisis of Personality”, inserita tra due capolavori monumentali, in un contrasto emozionante e intimo.

“Sono rimasto sorpreso da quanto mi è piaciuto”, dice Johansen. “Non ho quasi rabbrividito.”

Johansen, nato a Staten Island, ora 73enne, è stato una figura centrale nell’East Village New York degli anni ’70 e i New York Dolls hanno annunciato il movimento punk. Da allora si è reinventato come Buster Poindexter, che ha cantato la hit degli anni ’80 “Hot Hot Hot” (una canzone che Johanssen ora più o meno rinnega). Ha recitato anche lui. Molti ricorderanno Johansen come il fantasma tassista del Natale passato in “Scrooged”.

READ  Chi è stato votato stasera e chi ha vinto l'HOH? - Rete del Grande Fratello

Parte del divertimento di “Personality Crisis” è che prende Johansen—spesso associato a certe epoche rock—da quei contesti. Qui è semplicemente una lucertola da salotto dalla voce roca, un sopravvissuto al rock’n’roll con aneddoti che lo accompagnano.

“Non è un dottore del rock”, dice Hennessey. “Per me, è il ritratto di un artista.”

Quasi dall’inizio, Scorsese ha alternato lungometraggi narrativi e documentaristici, anche se a lui e Tedeschi non piace molto il termine “documentario”. (“Preferiremmo divertirci”, dice Tedeschi.) Ognuno è solo film, dice Scorsese, con ritmi, coreografie e regole diverse. E si raccontano, una chimica avanti e indietro iniziata con “The Italian American” del 1974, un dialogo con i suoi genitori innescato tra “The Streets of Maine” e “Alice Doesn’t Live Here Anymore”.

“Questi sono i film che io e David mi permettono di pensare in modo diverso ai lungometraggi che realizzo. I lungometraggi che realizzo diventano più simili a romanzi. Questi non sono esattamente la stessa cosa”, dice Scorsese. “Italoamericano”, ho tenuto la macchina fotografica davanti a mia madre e mio padre che parlavano ed è stato divertente. Ha cambiato tutto per me”.

La “crisi della personalità” ha influenzato in modo simile “The Venus Moon Killers”. Molte delle canzoni che Scorsese ha ascoltato durante l’ascolto del programma radiofonico satellitare ad ampio raggio di Johansen sono entrate nel “Palace of Fun” di Johansen, tra cui “Crazy Blues” di Mamie Smith. Charlie Musselwhite suona l’armonica insieme a Johansson in “Personality Crisis”. È anche, per coincidenza, un attore in “Killers of the Flower Moon”.

“Sembrano essersi uniti”, dice Scorsese dei suoi film, sia reali che immaginari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *