E Jane Carroll non cerca più l’approvazione per diffamazione di Trump

Roberta Kaplan, in rappresentanza di Carroll, ha detto ai giornalisti dopo un’udienza della corte federale durata quasi un’ora martedì che hanno cambiato idea a causa della storia delle controversie dell’ex presidente e del desiderio di comparire in tribunale il più rapidamente possibile.

Tuttavia, Kaplan sta ancora cercando un campione del DNA di Trump.

Carroll ha citato in giudizio Trump nel 2019 sostenendo di averla diffamata quando ha negato le sue accuse secondo cui Trump l’ha violentata nello spogliatoio di un grande magazzino di New York a metà degli anni ’90, dicendo che non era il suo tipo e sostenendo che avrebbe aumentato le vendite di il suo libro. . Trump ha negato l’attacco.

Carroll ha detto ai giornalisti martedì che “non avrebbe mai risolto” il caso, dicendo che stava combattendo non solo per se stessa ma per tutte le donne che sono state aggredite.

Kaplan si è detta “assolutamente felice” di interrogare Trump sul banco dei testimoni, se il caso dovesse andare in giudizio, e ha descritto la causa come “come ha detto”.

Dopo l’udienza in tribunale, l’avvocato di Trump, Alina Heba, ha affermato che la decisione di non chiedere la testimonianza di Trump è stata “sorprendente” e che è stata “la prima volta che ho sentito parlare di lui”.

Il cambiamento di strategia è stato sollevato in un’udienza in tribunale martedì in relazione agli sforzi di Trump di modificare la sua risposta alla causa per diffamazione di Carroll e alla contro-querela ai sensi dell’Amended Anti-SLAPP Act di New York, che può essere utilizzato per contrastare frivole cause legali per diffamazione.

READ  Soccorso subacqueo: subacquei spagnoli liberano una balena intrappolata in una rete da pesca illegale

Gli avvocati di Trump hanno affermato nella causa che Carroll ha citato in giudizio Trump, definendolo “ritorsione” per le sue dichiarazioni oneste e “al solo scopo di molestare, punire o impedire l’esercizio doloso della sua libertà di espressione”.

Gli avvocati di Carroll hanno contestato la proposta, dicendo che Trump ha aspettato troppo a lungo per intentare la causa e suggerendo che fosse una tattica di ritardo. “L’indecenza nell’aggiornamento ingiustificato di Trump è amplificata dalla sua coerenza con un modello più ampio di malafede e azioni bloccate durante questo contenzioso”, hanno scritto i suoi avvocati nella nota del tribunale.

Martedì il giudice Lewis Kaplan ha messo in dubbio le affermazioni dell’avvocato di Trump in tribunale.

“L’intera faccenda non può essere applicata in un tribunale federale. Punto. Punto esclamativo”, ha detto il giudice.

Heba ha sostenuto che c’erano questioni più ampie di ordine pubblico e che questa decisione renderebbe le leggi anti-PFLP sdentate e porterebbe allo shopping nei forum.

“A volte è il prodotto di un sistema federale”, ha detto il giudice Kaplan. Non ha giudicato le argomentazioni.

Il procedimento per diffamazione è ancora pendente in attesa della decisione delle parti dalla Corte d’Appello Sulla possibilità di perseguire la causa per diffamazione di Carroll.

Trump e il Dipartimento di Giustizia stanno facendo appello alla precedente sentenza del giudice Kaplan secondo cui può andare avanti. Trump e il Dipartimento di Giustizia hanno sostenuto che Trump era un impiegato federale e che le sue dichiarazioni di negazione delle accuse di Carroll sono arrivate in risposta alle domande dei giornalisti mentre era alla Casa Bianca. Hanno sostenuto che il Dipartimento di Giustizia dovrebbe essere sostituito come imputato, il che porrebbe fine alla causa perché il governo non poteva essere citato in giudizio per diffamazione.

READ  Funzionario ucraino afferma che gli attacchi aerei su Kiev hanno colpito un memoriale dell'Olocausto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.