“La Seconda Nakba”: echi del 1948, quando Israele ordina ai palestinesi di andarsene | Notizie da Gaza

“La Seconda Nakba”: echi del 1948, quando Israele ordina ai palestinesi di andarsene |  Notizie da Gaza

Migliaia di persone si sono trasferite nel sud di Gaza dopo l’emissione dell’ordine, ma altri affermano che nessun posto è al sicuro dai bombardamenti israeliani e che preferiscono morire nelle loro case.

Città di Gaza, Gaza – Ahmed Al-Saadi e la sua famiglia sono finora sopravvissuti alla campagna di bombardamenti israeliani che ha raso al suolo interi quartieri e ucciso più di 1.900 persone nella Striscia di Gaza da sabato scorso.

Ma dopo essersi rifugiati in una scuola delle Nazioni Unite, anche quella scuola è stata attaccata più volte dall’aria, ha detto Al-Saadi.

“Alcune persone sono state uccise. Se le scuole non sono sicure, dove andiamo? Dove può trovare sicurezza un intero popolo?” Chiesto.

La domanda di Al-Saadi è al centro di un crescente mix di disperazione e sfida nell’enclave costiera assediata, mentre Israele si prepara ad un attacco di terra su Gaza.

Israele ha emesso un ordine militare ai residenti della Striscia di Gaza settentrionale e centrale di evacuare le loro case, poiché Israele ora classifica queste aree come “zona di guerra”. Giovedì sera, l’ordine ha concesso agli abitanti di Gaza, e anche al personale delle Nazioni Unite di stanza lì, solo 24 ore per evacuare.

L’esercito israeliano ha distribuito volantini dal cielo e ha effettuato telefonate preregistrate per informare i residenti della loro intenzione di prendere di mira “siti terroristici” collegati a Hamas e ad altri gruppi armati.

L’esercito ha detto: “Non potrete tornare a Gaza City finché non verrà emesso un altro annuncio che lo consenta”. “Non avvicinatevi all’area della recinzione di sicurezza con lo Stato di Israele”.

READ  Mentre la Palestina chiede di diventare membro a pieno titolo delle Nazioni Unite, cosa si frappone? | Notizie della guerra israeliana a Gaza

Le Nazioni Unite hanno descritto il passo come “impossibile” e hanno messo in guardia da “conseguenze catastrofiche”, mentre l’ufficio stampa governativo di Gaza ha commentato che questa decisione israeliana rivela il vero “volto criminale” di Israele.

Ciò ha spinto venerdì migliaia di persone a Gaza a spostarsi verso il sud della Striscia.

Un uomo trasporta materassi e cuscini su una motocicletta a Gaza City [Abdelhakim Abu Riash/Al Jazeera]

Tuttavia, gli aerei da guerra israeliani hanno preso di mira due camion e un’auto in tre punti separati sulle strade Salah al-Din e al-Rashid. A bordo di questi veicoli c’erano famiglie che erano in viaggio verso il sud della Striscia di Gaza.

L’ufficio stampa governativo di Gaza ha affermato che almeno 70 palestinesi sono stati uccisi negli attacchi, la maggior parte dei quali donne e bambini, e più di 200 altri sono rimasti feriti.

Per molti palestinesi, questo momento riecheggia le esperienze dei loro antenati nel 1948, quando le milizie e poi il nuovo esercito israeliano distrussero più di 500 villaggi e città palestinesi. Migliaia di persone furono uccise e più di 750.000 palestinesi furono sradicati dalle loro terre e costretti a fuggire. I palestinesi si riferiscono a quel periodo come alla Nakba o catastrofe.

Anche allora nessuno fu risparmiato, né le donne né i bambini; Né gli anziani, né coloro che fuggono dagli attacchi israeliani. Coloro che furono sfollati nel 1948 non poterono mai tornare. Per coloro che fuggono su ordine israeliano, la prospettiva di una ripetizione sembra reale – sempre che qualcuno resti per tornare.

Un uomo della famiglia Al-Gharbawi ha detto in una conferenza stampa che stava viaggiando verso sud con più di 20 parenti e membri della famiglia Abu Ali.

“La maggior parte di loro erano donne e bambini”, ha aggiunto. “Ho perso conoscenza dopo che il primo attacco israeliano ci ha preso di mira. Mi sono svegliato, mi sono guardato intorno e ho visto la mia famiglia uccisa o ferita. Il cervello di una delle ragazze le usciva dalla testa.”

READ  Israele demolisce la Torre Palestinese durante i bombardamenti mortali su Gaza | Notizia

Quando le ambulanze sono arrivate sul posto, si è verificato di nuovo un altro attacco aereo israeliano.

“Mi sono nascosto dietro il muro”, ha detto l’uomo. “Te lo giuro, c’è stato un terzo attacco aereo. “È come se volessero uccidere tutte le donne e i bambini.”

Donne palestinesi sedute sul marciapiede, con pochissimi averi in mano [Abdelhakim Abu Riash/Al Jazeera]

Tuttavia, mentre migliaia di persone stanno evacuando, molte altre si rifiutano di farlo – e il sostegno generale alla resistenza armata di fronte agli attacchi israeliani sembra immutato. Venerdì folle di persone si sono radunate nelle strade di varie zone della Striscia di Gaza, scandendo slogan e sottolineando che non avrebbero lasciato le proprie case.

I bombardamenti sui convogli di persone dirette a sud hanno rafforzato questi sentimenti.

“Se comunque ci bombardassero ovunque, perché dovremmo andarcene? Restiamo a casa e vogliamo morire a casa”, ha detto ad Al Jazeera Karam Abu Qatta, un residente di Gaza City che si è rifiutato di evacuare.

Israele ha continuato il suo blocco totale di Gaza per il settimo giorno consecutivo, spingendo ulteriormente il panorama umanitario verso lo sviluppo e impedendo l’ingresso di attrezzature mediche urgenti e di beni di prima necessità nella Striscia.

“Ci stanno tagliando l’acqua, il cibo e l’elettricità, e ora ci stanno costringendo a lasciare le nostre case. Perché ci fanno questo? È solo perché siamo palestinesi che vivono a Gaza?” Un residente di Gaza City ha detto ad Al Jazeera, esprimendo sentimenti di frustrazione e un diffuso senso di ingiustizia tra la gente.

READ  Il segretario alla Difesa Lloyd Austin si scusa per il ricovero segreto in ospedale

“Questa è una seconda Nakba. Ma l’occupazione deve capire che continueremo a rimanere radicati nella nostra terra e a difendere i nostri giusti diritti alla libertà, alla pace e alla sicurezza”.

Gli uomini portano con sé piccole borse quando escono di casa, alcuni dei quali sono già sfollati dall’inizio della guerra dopo essersi rifugiati nelle scuole dell’UNRWA. [Abedelhakim Abu Riash/Al Jazeera]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *