Stati Uniti: il Mukhtar che divenne ricco vendendo bambini

Un politico americano era dietro il contrabbando di adozioni illegali, approfittando delle madri in difficoltà nelle Isole Marshall, una regione duramente colpita dalla crisi climatica.

L'arcipelago delle Isole Marshall potrebbe essere sommerso entro il 2080.

L’arcipelago delle Isole Marshall potrebbe essere sommerso entro il 2080.

Francia Agenzia di stampa

Per quasi tre anni, un ex politico dell’Arizona “ha manipolato le madri appena nate per acconsentire a un’adozione che non capivano appieno”, ha affermato un attore. secondo L’indipendenteL’uomo dietro almeno 70 casi di adozione illegale in Arkansas, Utah e Arizona.

E nelle Isole Marshall, in Oceania, ha fondato la sua sinistra agenzia. In questo arcipelago della Micronesia, duramente colpito dalla crisi climatica, l’innalzamento del livello dell’acqua costringe un’intera parte della popolazione alla fuga. (Vedi riquadro). L’ex politico, avvocato di professione, ha approfittato di questo difficile contesto per incoraggiare le donne, molto povere a lasciare il Paese, ad affidare i propri figli a famiglie americane per pochi dollari.

“Mi è stato detto che sarebbero tornati.”

Va detto che l’uomo conosce bene la regione. In quanto membro della chiesa mormone, ha lavorato in precedenza come missionario nelle Isole Marshall, dove parla correntemente. Quindi ha affermato di aver implementato centinaia di adozioni legali dopo aver identificato case per bambini vulnerabili e aiutato le madri bisognose che desiderano un futuro migliore per i loro figli.

Una donna che ha usato l’agenzia dell’ex funzionario eletto quando aveva 20 anni è stata fatta prigioniera “Newyorkese”. Ha spiegato che è stata trasferita negli Stati Uniti nel suo settimo mese di gravidanza nel 2015 e ha guadagnato $ 1.500 per le sue spese. Subito dopo la nascita, il suo bambino è stato dato a una coppia nello Utah. Aveva firmato i documenti di adozione utilizzando un traduttore fornito dall’agenzia.

Marshall ha poi avuto altri due figli che l’agenzia ha messo anche loro. “Mi è stato detto che sarebbero tornati da me quando avevano 18 anni”, ha detto alla rivista New York. Che i genitori adottivi dicano ai bambini di me quando finiscono la scuola. “

Stile di vita lussuoso

Durante il suo processo in Arkansas, riportato da The Independent, l’ex politico ha affermato di ritenere di agire entro i limiti della legge, ma in seguito si è reso conto che ciò che stava facendo era illegale. Ha anche affermato che le sue azioni non erano indicative di chi fosse veramente e si è scusato per qualsiasi madre neonata che si sentisse offesa.

Dopo essersi infine dichiarato colpevole di aver cospirato per commettere traffico di esseri umani, ha detto di essere inorridito nell’apprendere che alcuni dei suoi subordinati avevano maltrattato le madri, di cui non era a conoscenza e che non avrebbe tollerato. “Ho la responsabilità di non essere supervisionato”, ha aggiunto.

Le osservazioni hanno avuto scarso impatto sul giudice, che ha descritto la pratica dell’adozione come una “fonte di sostentamento criminale”. Va detto che questa attività era specificamente utilizzata per finanziare il suo lussuoso stile di vita, compresi viaggi stravaganti, auto raffinate e numerosi alloggi.

Nonostante tutte le sue azioni, l’ex politico dell’Arkansas è stato condannato a sei anni di prigione. Ma questa è solo la prima di tre condanne che deve affrontare mentre affronta condanne anche nello Utah e in Arizona.

Le Isole Marshall sono un paese in pericolo. L’arcipelago si trova a diverse migliaia di chilometri dai suoi “vicini” in Giappone, Hawaii e Papua Nuova Guinea, ed è a meno di due metri sul livello del mare. Uno studio recente Dall’Università delle Hawaii che l’area ei suoi 58.000 residenti potrebbero essere sommersi entro il 2080.

Questo contesto teso, unito alla scarsità di acqua dolce e alla povertà, sta spingendo parte delle Isole Marshall a partire. Principalmente per gli Stati Uniti, che erano sotto tutela fino al 1986.

Secondo The New-Yorker, il tasso di natalità è elevato anche nelle Isole Marshall e le pratiche di adozione differiscono ampiamente da quelle negli Stati Uniti. Sulle isole, l’adozione è molto comune ei bambini vivono in famiglie e mantengono stretti rapporti con i loro genitori biologici.

Pertanto, la crisi climatica, le barriere linguistiche e le differenze culturali spiegano perché alcune donne Marshall sono determinate a consegnare i propri figli in adozione. Senza comprendere appieno che potrebbero non rivederli mai più.

READ  Inondazioni e piogge torrenziali rallentano i soccorsi mentre un ciclone mortale colpisce il sud-est asiatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *