Resistenza al trattamento in oncologia – Südtirol News

Bolzano – Nonostante le sfide portate dal virus COVID-19, la ricerca sul cancro non è solo inattiva. È esattamente ciò che sta facendo p-care, un nuovo progetto europeo transfrontaliero tra Italia e Austria, sul tema del cancro e del cancro resistente ai farmaci.
La comunità di p-care sta ora iniziando il suo primo evento sulla medicina personalizzata contro il cancro, tutto online. Al workshop parteciperanno scienziati italiani e austriaci che discuteranno le strategie alla base dell’immunoterapia del cancro e le debolezze del cancro chimicamente resistente. Partner informati del progetto, studenti, scienziati, medici e cittadini interessati si incontreranno virtualmente per discutere alcuni degli ultimi e più grandi sviluppi nella ricerca sul cancro.

Venerdì 4 dicembre 2020: inizia alle 11:00 online il primo workshop di p-care sulla medicina di precisione per il controllo del cancro.
L’evento, che sarà trasmesso in diretta, ospiterà lo scienziato italiano Gustavo Baldasari del Centro di riferimento per l’oncologia di Aviano e il professor Dominic Wolf, direttore della Facoltà di Medicina dell’Università di Innsbruck.

Perché i trattamenti contro il cancro a volte non possono portare a trattamenti permanenti? Come può stimolare il sistema immunitario del paziente a combattere il cancro? A queste e molte altre domande trovano risposta i nostri partner del progetto di cura personale e gli esperti ospiti.

Nonostante i progressi nel trattamento del cancro negli ultimi decenni, una delle principali sfide rimanenti è la resistenza del tumore alla chemioterapia o l’ultima generazione di trattamenti. La capacità di alcune cellule maligne di non rispondere al trattamento è una delle principali cause di recidiva della malattia e morte per cancro.

Con tutti i tipi di cancro, c’è una grande percentuale di pazienti che non rispondono al trattamento. Pertanto, la ricerca di nuovi approcci terapeutici è di primaria importanza.
P-CARE è una collaborazione transfrontaliera tra istituti di ricerca italiani e austriaci che operano nei settori della genetica, delle biotecnologie e dell’oncologia clinica, e ha raccolto questa sfida. Finanziato dall’Unione Europea, dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale e dal programma Interreg VA Italia-Austria 2014-2020, i partner di p-care svilupperanno una piattaforma tecnologica comune per identificare farmaci per colpire i tumori resistenti alle terapie antitumorali convenzionali. Il paziente deve essere rivitalizzato e superare la resistenza alle immunoterapie.

READ  Rugby a sei nazioni | Vota il tuo tour della Guinness delle Sei Nazioni

Le tecnologie e le conoscenze sviluppate nell’ambito di P-CARE saranno utilizzate da altri ricercatori accademici e clinici, studenti e altri professionisti biomedici all’interno e all’esterno delle regioni transfrontaliere del Friuli-Venezia Giulia e dell’Alto Adige in Italia e del Tirolo in Austria, i partecipanti al progetto hanno presentato.

Questo evento è solo una delle iniziative che P-CARE intende organizzare per promuovere la diffusione della conoscenza e il confronto su questi temi. “Questo è il primo workshop che terremo ogni anno per tutta la durata del progetto. Siamo orgogliosi di aver accettato la sfida posta dalle misure per combattere COVID-19 e di adattare la nostra forma di conseguenza”, afferma Stefan Schoftner, professore di biologia molecolare presso la Scuola di Scienze Biologiche dell’Università di Trieste e coordinatore del Progetto P. CARE . Il workshop si svolgerà su una piattaforma online e sarà molto interessante. Tratterà l’immunoterapia e discuterà alcuni dei recenti sviluppi nella comprensione dei meccanismi alla base della resistenza ai farmaci antitumorali. Sarà un’opportunità unica, creeremo uno spazio virtuale dove le persone potranno confrontarsi, imparare e creare nuove relazioni “.

123rf

Progetto P-CARE

Attraverso la collaborazione di franchisee italiani e austriaci nei campi della genetica, clinica e biotecnologia, il progetto transfrontaliero P-CARE sulla resistenza ai farmaci contro il cancro mira a sviluppare strategie di trattamento innovative per ri-desensibilizzare le cellule tumorali e stimolare il sistema immunitario a combattere il cancro.

A partire dal materiale biologico del paziente, P-CARE genererà sistemi cellulari in grado di simulare in vitro la complessità del tumore e il microambiente dei tessuti circostanti e riprodurre la risposta immunitaria del paziente. Questi sistemi avanzati si basano su una miscela di cellule diverse, cellule tumorali e cellule non cancerose, tutte prelevate dal paziente. Insieme ad altri modelli, sarà utilizzato per riprodurre la resistenza a diversi tipi di farmaci in laboratorio e per testare nuovi metodi di trattamento al fine di trovare combinazioni di sostanze attive in grado di superare la resistenza o stimolare il sistema immunitario contro le cellule tumorali.

READ  Recensione Armani Privé Haute Couture SS21

In questa azienda, i partner P-CARE non iniziano da zero. Infatti, le basi del progetto sono state create attraverso la precedente iniziativa Interreg Italia-Austria, il progetto PreCanMed, che è stato finanziato come sponsor dal Fondo di Sviluppo Regionale dell’Unione Europea. Basandosi su questa esperienza, i partner di p-Care stanno applicando nuove tecnologie innovative e nuovi approcci ai test antidroga, che sosterranno lo sviluppo di strategie di trattamento più efficaci.
Nel progetto sono coinvolti quattro centri di eccellenza per la ricerca e la cura del cancro: l’Università di Trieste per il Friuli Venezia Giulia e l’Azienda Medica dell’Alto Adige in Italia, l’Istituto Austriaco per l’Esame dei Medicinali (ADSI) di Innsbruck con l’Università di Medicina di Innsbruck in Tirol, Austria.

Azienda Sanitaria Altoatesina partecipa al progetto con i distretti sanitari di Bolzano e Bressanone in qualità di partner delle seguenti divisioni: il Dipartimento di Oncologia Medica del Distretto di Bolzano, il “Principal Investigator” del progetto, Emanuele Vattemi, nonché i biologi e coordinatori dello studio Claudia Mazzarici e Alessandra Marabisi; Chirurgia generale sotto la direzione di Antonio Ferina; Anatomia e istopatologia sotto la direzione di Guido Mazzolini; Chirurgia toracica sotto la direzione di Francesco Zaraca e Reinhold Berkman, Dipartimento di Gastroenterologia diretto da Andrea Mega. Nella regione di Bressanone l’ambulatorio oncologico, diretto da Gilbert Spitzo e coordinatore del progetto, e in qualità di biologo e coordinatore dello studio, Claudia Mazzaresi, nonché il reparto di chirurgia diretto da Joseph Weidmann; Dipartimento di Ginecologia, responsabile di Sonia Prader. Infine, Mirta Fedritzi è la Coordinatrice del Comitato Etico ed Amministrazione Distrettuale della Regione Bolzano.

Per saperne di più sul progetto e sull’evento online, visitare www.p-care.eu o contattare il team di p-care all’indirizzo [email protected]

READ  Paul Gascoigne offre intrattenimento in Italia con difficoltà linguistiche

Da: Ka

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *