Algarve Pro Racing vince 4H Le Castellet dopo un finale da mangiarsi le unghie

Algarve Pro Racing vince 4H Le Castellet dopo un finale da mangiarsi le unghie

La Gibson ORECA 07 numero 25 dell’Algarve Pro Racing ha ottenuto una memorabile vittoria alla 4 Ore da Le Castellet questo pomeriggio, dopo un’entusiasmante ultima ora che ha visto il comando della classifica generale passare di mano tre volte.

James Allen, Alex Lane e Kevin Simpson si sono uniti per segnare quella che è stata la prima vittoria assoluta per APR (sotto la propria bandiera). Tutti e tre i piloti sono stati veloci e hanno permesso al Paul Ricard di essere premiato per i loro sforzi.

Questo è stato un thriller per la gara ELMS, che si è ridotta a una gara tra diverse vetture LMP2 in testa nella seconda metà, e ha lasciato indovinare tutti fino alla fine.

Dopo l’ultima serie di pit stop programmati, la gara di IDEC Sport era da perdere. Paul-Loup-Chatain ha ereditato il comando dal secondo posto quando il team ha deciso di fermarsi per fare rifornimento solo a poco più di mezz’ora dalla fine, mentre il numero 30 Duqueine ORECA che era stato in testa nell’ultima ora ha preso le gomme ed è sceso al quarto posto.

Ma l’avventura non darà i suoi frutti, poiché Chatin dovrà venire per una sosta non programmata per una buca lenta. Questo ha dato il comando all’LMP2 Pro-Am # 34 Racing Team Turkey ORECA che è risalito al secondo posto dopo una spinta di Charlie Eastwood e successivamente di Louis Deletraz dopo l’unica safety car della gara. La neutralizzazione ha richiesto detriti in pista poco prima della metà del percorso, che hanno fatto girare diverse auto, tra cui RTT ORECA.

Ma anche il vantaggio del Racing Team Turkey non sarebbe durato, poiché Deletraz stava lottando per salvare la gomma anteriore sinistra che si è delaminata sul bordo interno a circa 10-12 giri dalla fine, strappando la carrozzeria e spostando il faro sinistro, è stato catturato e superato da James Allen Nell’APR vincente ORECA, che come l’auto IDEC, non ha smontato le gomme nella sua sosta finale.

Deletraz non è caduto senza combattere, costringendo Allen a lavorare per un sorpasso alla curva 1 dopo che i due hanno corso fianco a fianco lungo il rettilineo dei box a sei minuti dalla fine. Ciò ha lasciato Deletraz un bersaglio facile per riprendersi Neel Jani in Duqueine ORECA.

Jani Allen seguirà a quattro minuti dalla fine, approfittando delle sue gomme fresche e finendo secondo (e mantenendo la testa della classifica LMP2), relegando il Team Turkey al terzo posto assoluto. Se la gara fosse stata più lunga di due giri, sarebbe stato difficile anche per Allen mantenere il comando, dato che Jani era un secondo dietro alla fine.

“Stavo facendo del mio meglio, mi è stato detto di gestire le gomme il più possibile. Ho fatto un giro di testa all’esterno all’ultima curva. La strategia è stata incredibile, un lavoro assolutamente straordinario da parte del team”, ha detto Allen dopo la gara.

READ  Il calcio è stato scosso dalla tragica morte di un 19enne

“Mi sento come se chiunque fosse in macchina con la nostra formazione, avremo un buon ritmo. Avevamo una grande macchina da corsa e l’abbiamo confermata oggi”, ha aggiunto Alex Lynn. previsto, visto che ci sono stati problemi alle gomme per tutti. Sono comunque orgoglioso della squadra, ci siamo ripresi perfettamente dopo la delusione di Barcellona”.

Per il Team Turkey, il terzo posto è ancora un ottimo risultato per il team LMP2 Pro/Am-Enter, gestito da TF Sport, che ha ottenuto due vittorie di classe su due gare, una vittoria assoluta e un podio assoluto per iniziare la stagione.

Salih Yuluk, Charlie Eastwood e Deletraz si sono finalmente uniti per un’altra prestazione stellare a tutto tondo, aiutati dalla safety car che ha colmato il divario con i leader che erano cresciuti grazie al tempo di guida di Yuluk nella classe bronzo.

È stata una vittoria dominante, che ha esteso il loro vantaggio nella classifica LMP2 Pro/Am. Durante le quattro ore la macchina è sembrata quasi intoccabile e ha perso solo brevemente il comando Pro/Am all’inizio, quando Giorgio Roda ha trovato la strada per il comando con la #99 Proton ORECA.

Se Deletraz, che ha dovuto fare i conti con l’usura delle gomme (sotto) e una radio difettosa, avesse tenuto duro per la sua seconda vittoria assoluta, avrebbe ottenuto un fine settimana perfetto.

“È stato un finale complesso. Potevo sentire la squadra ma loro non potevano sentire me”, ha spiegato Deletraz. “Abbiamo provato a vincere la classifica generale qui, eravamo pronti dopo la foratura IDEC. Fortunatamente, la pressione è rimasta nelle nostre gomme, perché alla fine non avevo alcuna velocità da difendere. Forse se ce ne fossero state due o tre giri in meno ce l’avremmo fatta.

Fuori dal podio c’era il numero 43 Inter Europol Competition ORECA, che ha quasi spazzato via l’intera strategia di gara dopo che il team ha deciso di mettere la macchina all’inizio della prima ora. Jonathan Aberdeen, che era nella posizione finale, ha finito per tagliare il traguardo a soli due decimi di delliterase e cinque secondi davanti alla pole position nel numero 47 COOL Racing ORECA.

Il numero 47 ha trascorso il primo stint di gara in testa con Vladislav Lomko in macchina. Il vantaggio non sarebbe continuato nonostante Reshad De Gerus fosse scivolato indietro quando Alex Lynn è stato bloccato all’APR ORECA dopo gli sforzi di Kyffin Simpson per rimanere vicino a Lomko dopo la partenza.

A un’ora dalla fine, il lavoro veloce ha visto José María López salire al secondo posto, ma il pilota della Toyota Hypercar non ha avuto il ritmo per fermare un Deletraz in difficoltà che lo ha scavalcato a Signes a 51 minuti dalla fine.

READ  Victor Osimhen costerebbe al Manchester United o al Chelsea £ 150 milioni per assegnargli un premio dal Napoli - Paper Talk | Notizie dal Centro Trasporti

López ha poi perso più tempo in un posto finale più lento, risalendo quinto prima di risalire al quarto quando IDEC ORECA ha avuto problemi ed è sceso dal primo al quinto, dove Shatain ha concluso.

Tuttavia, COOL Racing è arrivato secondo in LMP2 Pro/Am con il # 37 ORECA dopo una prestazione impressionante nelle fasi finali di Malthe Jakobsen per assicurarsi il posto e tenere a bada il # 65 Panis Racing ORECA in recupero negli ultimi minuti.

La #65 Panis Racing (classe LMP2) ORECA era un’altra vettura che necessitava di un pit stop non programmato. Tijmen van der Helm, proprio come Chatin verso la fine della gara, è stato costretto a perdere il comando, perdendo l’ordine a 1 ora e 40 minuti dalla fine.

Con un nono posto assoluto, il numero 83 di AF Corse ORECA ha completato il podio della LMP2 Pro/Am con una corsa tranquilla.

Nella LMP3 Racing Spirit of Leman’s # 31, la Ligier JS P320 di Jack Wolf, Jean Ludovic Faubert e Anthony Duquesne hanno ottenuto una vittoria che sembrava improbabile per la maggior parte della gara.

La prima metà di questa gara è stata dominata da Rinaldi Duqueine, che ha costruito un ampio vantaggio di 46 secondi durante il primo stint di Torsten Kratz prima della safety car.

Le possibilità di vittoria del WTM alla fine si sono concluse nel secondo tempo, quando Leonhard Weiss si è trovato coinvolto in una battaglia con il numero 10 dell’Eurointernational Ligier, che era partito in svantaggio dopo essere stato eliminato dalle qualifiche. Weiss ha perso molto tempo, e il vantaggio, durante gli scontri con Matthias Lothen e successivamente Glenn van Berlo, prima che Duquesne raggiungesse e superasse Weiss avvicinandosi all’ultima ora.

Doquin, che vive a soli 30 minuti dal circuito Paul Ricard, ha poi tenuto duro per la vittoria, per la gioia dei suoi connazionali con cui condivide il numero 31.

“Sono molto contento di questa vittoria per la squadra. La macchina era enorme e non abbiamo avuto problemi, dopo che ieri abbiamo faticato nelle qualifiche”, ha detto Duquesne.

Oscar Tongo deteneva il numero 2 della classifica WTM per il Team Rinaldi, davanti al numero 17 COOL Racing Ligier. Il numero 10 Eurointernational JS P320 è sceso al 10° posto dopo essere stato richiamato dal Race Control per riparazioni.

Il GTE è stato, come le altre classi, pieno di azione nel corso delle quattro ore. Davanti, tuttavia, la vincente Porsche n. 77 Proton ha avuto una guida relativamente confortevole.

Christian Reed, Giammarco Livorato e Julian Andlauer hanno guidato la gara quasi interamente dalla pole position, guidando la Porsche 1-2, Andlauer ha tagliato il traguardo con 11 secondi di vantaggio sulla #60 Iron Lynx 911 RSR 19. La #60 è stata una contendente sorprendente, ha beneficiato di un pitstop opportunistico, proprio come è stato chiamato, il periodo della safety car, che si è concluso prima della chiusura della pit lane.

READ  3 alpinisti muoiono nella valanga più mortale negli Stati Uniti nel 2022-23

Alla fine, il numero 77 sembrava quasi intoccabile, soprattutto nelle fasi finali dopo che Reed ha bruciato il suo tempo di vantaggio all’inizio. Si è trattato di un inseguimento tra Andlauer e Matteo Cairoli, ma l’italiano non è mai riuscito a prendere il francese e si è comunque accontentato di un impressionante secondo posto.

Il risultato significa che Cairoli, Claudio Schiavone e Matteo Crissoni al numero 60 ora guidano il campionato GTE in vista del terzo round ad Aragon.

La Ferrari #57 Kessel Racing è arrivata terza, dopo una lunga battaglia con la #16 Proton Porsche nell’ultima ora che si è conclusa con Greg Huffaker che ha superato Alessio Picariello dopo una guida avvincente.

Purtroppo per Picariello, le possibilità di salire sul podio del #16 si sono esaurite quando alla vettura sono state inflitte due penalità, una per aver urtato la #28 IDEC ORECA e un’altra per il contatto con la #57 nel motel che ha provocato il testacoda del belga sulla pneumatici.

Il numero 16 ha terminato, ma, dopo le penalità, è sceso al nono posto. L’Aston Martin TF Sport #95 è arrivata quarta, mentre la Ferrari Spirit of Race #55 è arrivata quinta dopo le montagne russe.

La Porsche n. 93 da competizione di Proton è stata senza dubbio l’auto più fortunata sul campo. Michael Fassbender, in quella che è stata di gran lunga la sua migliore guida GTE, è risalito al secondo posto all’inizio della gara, prima di essere urtato contro il motel dalla #16 (guidata da Ryan Hardwick all’epoca) e successivamente all’ultima curva dalla # 50 Formula Racing Ferrari Johnny Laursen.

La mossa piuttosto maldestra di Laursen, che ha portato Fassbender in testacoda, ha danneggiato il lato destro della Porsche, spargendo detriti sulla pista, causando la safety car.

Fassbender, Martin Ramp e Richard Leitz hanno cercato un podio prima che la loro gara fosse rovinata dalle due cadute. Il trio ha lasciato la Francia con un decimo posto.

Il primo potenziale traguardo al 100% di ELMS è stato rovinato all’ultimo giro quando l’equipaggio del Team Virage Oreca n.

Il prossimo round della stagione ELMS 2023 è la 4 Ore di Aragon il 26 agosto.

Risultati >>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *