Il ritorno della “polizia morale” iraniana e le autorità impongono la regola del velo | Notizie di politica

Il ritorno della “polizia morale” iraniana e le autorità impongono la regola del velo |  Notizie di politica

Le autorità iraniane stanno intensificando la repressione delle violazioni delle regole di velo obbligatorio del paese.

Teheran, Iran – L’Iran ha reintrodotto le pattuglie della sua cosiddetta polizia morale mentre le autorità intensificano gli sforzi per far rispettare le regole obbligatorie dell’hijab nel paese.

Saeed Muntazer Mahdi, portavoce delle forze dell’ordine iraniane, ha confermato domenica che le pattuglie della polizia stanno ora operando a piedi e con veicoli per reprimere le persone la cui copertura non è considerata appropriata nella Repubblica islamica.

I media statali lo hanno citato dicendo che la polizia morale avrebbe “emesso avvertimenti e poi portato al sistema giudiziario persone che purtroppo persistono nel loro comportamento fuori standard senza preoccuparsi delle conseguenze della loro copertura fuori base”.

Muntadhar Al-Mahdi ha affermato che la polizia si aspetta che tutti rispettino il codice di abbigliamento accettato in modo che gli agenti abbiano più tempo per occuparsi di “altri compiti vitali della polizia”.

Gli ufficiali hanno il compito di avvertire le donne, e talvolta gli uomini, di correggere il modo in cui si vestono. Questo può variare dal chiedere alle donne di aggiustare il proprio velo al chiedere loro di cambiare i vestiti in qualcosa di più ampio e considerato più appropriato.

Le donne ritenute contrarie alle regole possono essere arrestate e portate nelle cosiddette strutture di rieducazione gestite dalla polizia.

La notizia arriva 10 mesi dopo che Mahsa Amini, 22 anni, è morta sotto la custodia della polizia dopo essere stata arrestata per una presunta violazione del codice di abbigliamento. La sua morte ha scatenato proteste di massa in tutto il paese che sono durate per mesi, durante i quali la polizia morale è stata in gran parte assente dalle strade iraniane.

READ  Imran Khan rischia l'arresto: come siamo arrivati ​​qui? | Notizia

Dopo le proteste, le autorità iraniane si sono in gran parte astenute da pesanti tattiche di confronto per far rispettare le leggi obbligatorie sull’hijab imposte poco dopo la rivoluzione islamica del paese del 1979. Questo approccio sembra essere gradualmente cambiato.

Negli ultimi mesi, la polizia ha utilizzato le telecamere di sorveglianza per identificare i trasgressori dell’hijab che ricevono avvertimenti, multe o vengono inviati a comparire in tribunale. Le persone trovate a violare il codice di abbigliamento mentre sono nelle loro auto possono essere sequestrate.

Anche le aziende sono state sempre più prese di mira, con molti caffè, ristoranti e persino centri commerciali tentacolari che rischiano la chiusura per soddisfare le donne con il velo sciolto.

Questa settimana si sono verificati diversi incidenti di alto profilo legati all’hijab.

Le autorità hanno diffuso un video che mostrava quello che sembrava essere un gruppo di agenti di polizia – accompagnati da una troupe televisiva – che andavano in giro chiedendo a donne di tutte le età di aggiustarsi il velo. La telecamera ingrandisce i volti sfocati delle donne e mostra un’animazione che indica che sono state identificate e assicurate alla giustizia.

“O ti aggiusti il ​​velo o sali in macchina”, dice un uomo la cui voce era distorta digitalmente a una giovane donna nel video. “Se credi nella libertà, lascerò liberi tutti i ladri e gli stupratori di dirti come si fanno le cose.”

Un altro incidente si è verificato domenica quando l’attore Mohammad Sadeghi è stato arrestato. Aveva pubblicato un video online il giorno prima, in risposta a un’altra clip che mostrava un’agente donna che teneva una donna contro un muro sopra il suo velo.

READ  La prima risoluzione globale al mondo sull’intelligenza artificiale è stata adottata all’unanimità dalle Nazioni Unite

“Se vedessi una scena del genere di persona, potrei commettere un omicidio. Attento, faresti meglio a credere che le persone ti uccideranno”, ha detto, portando al suo arresto “con l’accusa di aver minacciato la polizia” per aver svolto il proprio lavoro , secondo i media statali.

All’inizio di questa settimana, un tribunale ha condannato l’attrice Azadeh Samadi a un divieto di sei mesi dall’uso dei social media e del suo telefono cellulare oltre al trattamento obbligatorio per curare la sua “malattia antisociale della personalità” dopo aver partecipato a un funerale. Un regista teatrale senza velo a maggio.

Samadi si è unita a un gruppo di attrici che sono state convocate o condannate negli ultimi mesi per essersi tolte il velo in pubblico o online.

Nel frattempo, il governo e il parlamento stanno lavorando a una legislazione volta a rafforzare i controlli di velo, ma il disegno di legge ha suscitato critiche da parte degli oppositori conservatori che lo ritengono troppo indulgente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *