A Israele, Libia e Italia è stato appena ricordato che la diplomazia richiede più che semplici diplomatici

A Israele, Libia e Italia è stato appena ricordato che la diplomazia richiede più che semplici diplomatici

Nuovo Atlantico

30 agosto 2023

A Israele, Libia e Italia è stato appena ricordato che la diplomazia richiede più che semplici diplomatici

di
Karim Mazran

Questa frase, o una sua variante, è stata pronunciata dai diplomatici per secoli, ma qui si è rivelata piuttosto disgustosa. “Ho parlato con il ministro degli Esteri del grande potenziale che le relazioni tra i due paesi possono offrire”, ha dichiarato il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen in una dichiarazione il 27 agosto, confermando un incontro avuto la settimana precedente con la sua controparte libica Najla al- Mangoush. La notizia dell’incontro tra funzionari libici e israeliani, e l’ipotesi che il suo scopo fosse quello di spingere il paese nordafricano a diventare il prossimo firmatario degli accordi di Abraham, ha inondato i media nei giorni successivi.

Questa notizia ha scatenato numerose proteste e incidenti a Tripoli e altrove in Libia, che non riconosce Israele. I manifestanti hanno preso d’assalto la casa di proprietà del primo ministro Abdelhamid Dbeiba, sostenuto dalle Nazioni Unite brucialo. tentativo attacchi Sono state effettuate operazioni anche contro le principali sedi del Ministero degli Affari Esteri. E il caos è continuato nelle strade per giorni. Le notizie secondo cui l’incontro è stato sponsorizzato dall’Italia, l’ex potenza coloniale della Libia, e si è tenuto a Roma hanno ulteriormente fatto arrabbiare i manifestanti date le passate relazioni controverse dell’Italia con il paese e il suo popolo.

È abbastanza facile comprendere la rabbia dei libici. La prima critica è che il governo libico ha corso un rischio enorme portando avanti un’azione diplomatica così importante senza alcun dibattito pubblico, e così facendo ha sottovalutato i sentimenti della popolazione. La seconda critica è che il governo libico è sembrato aperto a trattare con un governo israeliano che è ampiamente visto nella regione come troppo di destra e intransigente sulla questione palestinese. In terzo luogo, la notizia dell’incontro ha fornito un’opportunità unica agli oppositori del governo di Dbeiba, ampiamente considerato in Libia come corrotto e nepotista, di scendere in piazza e cercare di spodestare il primo ministro.

Molteplici motivazioni

Considerati questi risultati facilmente prevedibili, cosa ha spinto questa diplomazia a Roma? È facile comprendere i processi mentali dei diversi attori. Per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, questa è stata un’importante opportunità per dimostrare la sua abilità in politica estera affrontando le sfide politiche interne. Inoltre, adottando misure per aumentare il numero di stati arabi che riconoscono Israele, il leader israeliano può sperare di migliorare le relazioni con i governi chiave in Europa e creare uno slancio positivo mentre continuano i negoziati sulla normalizzazione israelo-saudita.

READ  Jannik Sinner a Gucci Elegance al Colosseo e con il Primo Ministro italiano

Dabaiba è stato anche in sintonia con i mutevoli venti politici nella comunità internazionale nei confronti della Libia, da una posizione di sostegno di alcuni anni fa a una posizione più critica di recente. Deve aver voluto generare quanto più sostegno internazionale possibile per la sua leadership. Quale modo migliore se non quello di rendere felici e grate le comunità ebraiche? Questa convinzione, anche se ovviamente errata, che per rendere felice Israele si possa avere il sostegno dell’intera popolazione ebraica del mondo, e quindi dei paesi in cui vive la sua gente, è una convinzione profondamente radicata nel mondo arabo – e un’opposizione di lunga data. agli ebrei. Metafora sublime.

Per gli italiani può essere difficile capire il motivo per cui è stato giocato un ruolo in questo incontro, ma è molto simile. Il governo italiano deve aver fiutato l’opportunità di conquistare l’influente comunità ebraica libica della diaspora e i suoi voti nelle elezioni italiane, soprattutto a Roma. Forse anche i funzionari italiani hanno preso in considerazione l’idea di essere elogiati perché hanno svolto un ruolo importante in una simile svolta nella politica internazionale. Tuttavia, nessuna delle parti coinvolte è stata così ingenua da credere che una simile mossa potesse essere tenuta segreta a tempo indeterminato. Per Israele in particolare, la segretezza avrebbe distrutto l’obiettivo principale dietro il suo interesse a rafforzare le relazioni con i paesi arabi, cioè la speranza di aumentare la propria popolarità nella comunità internazionale.

Le persone con cui ho parlato sia in Libia che in Italia e le persone vicine ai decisori sono tutte d’accordo su un punto: l’obiettivo delle parti probabilmente non era che l’incontro rimanesse strettamente confidenziale, ma per ciascuno dei partecipanti. Non divulgare attivamente notizie al riguardo. Cioè, non dargli molta pubblicità per disinnescare l’opposizione e raccogliere così i frutti dell’azione ed evitare ripercussioni. Ma ciò non è avvenuto, e ora la Libia è tornata in uno stato di instabilità e possibile conflitto tra vari gruppi armati.

Nei giorni successivi il primo ministro libico si è adoperato per contenere i danni. Per confermare la presa di distanza del suo governo dall’evento orso Squalificato L’ho inciso da allora fuggire Libia. Apparentemente un capro espiatorio, probabilmente non servirà nel futuro governo di Dabaiba mentre cerca di mantenere la sua presa sempre più debole sul potere. Un altro risultato potenzialmente più problematico è l’improvviso ritorno dei leader islamici radicali in Libia in risposta a questa notizia. Infine, ci sono anche conseguenze geopolitiche più ampie che non dovremmo ignorare. La firma di alcuni paesi agli Accordi di Abraham ha radicalizzato la posizione di importanti attori regionali come Algeria (E anche la vicina Tunisia). Se Dabaiba venisse estromesso dall’incarico e un nuovo governo che comprendesse le forze che lo hanno estromesso salisse al potere, il nuovo governo potrebbe essere tentato di aderire all’accordo algerino-tunisino, allontanandosi così dall’influenza egiziana.

READ  Cuzzupa: le tradizioni ebraiche che si nascondono nel pane pasquale nell'Italia meridionale | Barbara Ayloo

Anche se la situazione si calma, resta l’amara sensazione che questa crisi avrebbe potuto essere facilmente evitata se i vari attori nazionali e internazionali avessero agito con maggiore consapevolezza e attenzione.

Di nuovo a scuola

Quali sono le lezioni apprese da questo incidente? Gli attori occidentali in particolare dovrebbero riconoscere che qualsiasi regime, anche il regime più autoritario, ha una forma di scambio interno con i vari collegi elettorali che compongono il suo ambiente sociale e politico. Pertanto, eventuali pressioni esterne devono essere effettuate tenendo conto delle specificità di ciascun Paese, in modo da non provocare disordini e instabilità. Questa lezione è particolarmente importante per l’Italia, che assumerà il suo nuovo governo esprimere La sua intenzione è quella di perseguire una politica estera più attiva, che la spinga ad agire più attivamente all’estero.

Gli israeliani sono tentati di immaginare che la lezione sia che tali discussioni debbano essere gestite attraverso i canali dell’intelligence, che potrebbero essere più in grado di mantenere i segreti, piuttosto che attraverso il Dipartimento di Stato. Ma forse oggi tali questioni non possono più essere tenute segrete, almeno non su un argomento così politicamente delicato. Pertanto, la lezione da ciò dovrebbe essere che non può permettersi tali errori non forzati in futuro, e che qualsiasi propaganda sulla sua diplomazia con gli stati arabi deve essere attentamente pianificata e portata avanti solo con la piena approvazione dei suoi partner. Pertanto, l’approccio che Israele adotterà dovrà essere più pragmatico e concentrarsi sul beneficio pubblico di qualsiasi azione intrapresa, al fine di ridurre in definitiva le reazioni negative.

Per il governo libico Dabaiba in particolare, la lezione è che il tentativo di raggiungere interessi personali attraverso accordi internazionali e accordi di qualsiasi tipo avrà poche possibilità di successo se l’interesse non è ampiamente condiviso con la popolazione. La questione della legalità non può essere evitata.

READ  Gli assi sono partiti nel tardo slalom dell'Alta Badia - Sports Magazine

Come mostra l’esempio libico, il principio di cercare un modo per avviare il processo di cooperazione, se non di integrazione regionale, tra i paesi arabi e Israele è un’impresa importante e degna di nota, e tuttavia dovrebbe essere affrontata con grande cautela. Un approccio privo di un’adeguata tutela potrebbe finire per ostacolare la causa della pace e della stabilità regionale.


Karim Mezran è un illustre studioso libico-italiano, direttore dell’Iniziativa Nord Africa e membro residente presso il Rafic Hariri Center e i programmi per il Medio Oriente del Consiglio Atlantico.

Ulteriori letture

Immagine: I manifestanti bruciano pneumatici per protestare contro l’incontro della scorsa settimana in Italia tra i ministri degli Esteri di Libia e Israele, a Tripoli, Libia, il 27 agosto 2023. REUTERS/Hani Amara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *