Tostatura al sole italiana | Notizie, sport, lavoro

AP Photo/Andrew Medichini Antonio Dorby, a sinistra, e Danielle Tomei osservano il funzionamento della “Purosole”, Pure Sun, una torrefazione del caffè a energia solare, a Roma, mercoledì 13 ottobre.

ROMA (AP) – Unendo due dei capolavori italiani, il caffè e la luce del sole, due ingegneri di Roma hanno ideato un modo ecologico per tostare i chicchi di caffè senza elettricità né gas.

Antonio Dorby e Daniel Tommy hanno trascorso quasi sei anni a costruire e perfezionare la loro torrefazione a energia solare.

Il risultato è un sistema che richiede un appezzamento delle dimensioni di mezzo campo da tennis e un clima soleggiato per tostare fino a 50 chilogrammi (110 libbre) di caffè all’ora.

L’intero impianto è alimentato dall’energia del sole. I raggi del sole sono concentrati da una serie di specchi nella tostatrice e anche le poche parti elettriche sono alimentate da un piccolo pannello solare. I sensori controllati dal computer consentono agli specchi di seguire i raggi del sole durante il giorno e focalizzare la sua luce su un cestello rotante in acciaio contenente chicchi di caffè freschi. Il cestello raggiunge una temperatura massima di circa 240-250°C (450-480°F), a seconda della luminosità del sole, e i fagioli possono essere tostati in 20 minuti.

Questo processo non è solo ecologico ed economicamente conveniente. Secondo Durbe e Tummei conserva meglio anche l’aroma del caffè, conferendogli un sapore più ricco. A differenza dei tradizionali forni ad aria calda, che tipicamente funzionano a gas, la luce solare concentrata tosta il caffè senza riscaldare l’aria circostante, penetrando nei chicchi in maniera più uniforme e senza bruciare la superficie esterna.

Naturalmente, il regime dipende dal bel tempo. Nelle giornate nuvolose o dopo il tramonto, gli amanti del caffè devono trasferirsi.

READ  Violenza durante le proteste contro le misure di Corona in Italia

Tuttavia, nel soleggiato sud Italia, una fabbrica con 40 specchi può tostare fino a 30.000 chilogrammi (66.000 libbre) di caffè all’anno, risparmiando circa 60.000 chilowattora di elettricità, secondo gli inventori.

Le ultime notizie di oggi e altro ancora nella tua casella di posta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *