Vi presentiamo Vittoria Guazzini, Campionessa Europea U23, astro nascente dell’Italia

Una nuova ondata di talenti italiani sta arrivando al Women’s World Tour. Mentre artisti del calibro di Elisa Longo Borghini e Marta Bastianelli sono stati cementati in prima linea nello sport, la prossima generazione di giovani superstar italiane è emersa sulla loro scia.

Lo scorso settembre, la 23enne Elisa Balsamo è diventata la prima donna italiana a vincere il titolo Elite Road Racing in 10 anni – il precedente vincitore era il fantino Giorgia Bronzini nel 2011. Altrove, la 23enne Marta Cavalli è arrivata sesta nella classifica generale al Giro Donne alla sua prima stagione nel Women’s WorldTeam. Entrambi i piloti si sono fatti le ossa nel team italiano Continental Valcar Travel & Service.

L’ultima di una serie di giovani corridori di talento a fare il salto da Valcar al WorldTour è la 21enne Vittoria Guazzini, che si unisce al suo ex compagno di squadra, Cavalli, sul FDJ Nouvelle Aquitaine Futuroscope.

“La conosco molto bene”, dice Guazzini di Cavalli. “Le ho parlato molto prima di decidere di entrare a far parte della squadra e ovviamente ha sempre parlato molto bene della squadra. Ha detto che l’ha aiutata a migliorare, è migliorata molto quest’anno e non vedo l’ora di fare lo stesso. ”

Guazzini è diventato professionista al suo primo anno U23 con il Valcar ed è stato con la squadra per tre stagioni. Il team è diventato un punto di partenza nel WorldTour per molti giovani talenti negli ultimi anni, tra cui Balsamo e Cavalli, ma anche Teniel Campbell di BikeExchange-Jayco. Cosa attribuisce Guazzini al successo della squadra?

“Devo dire che siamo nella categoria unica, abbiamo vinto molto insieme in pista così come nelle gare individuali”, spiega. “Abbiamo anche lavorato molto per creare il gruppo ed era importante anche per noi allenarci insieme per migliorare e imparare gli uni dagli altri.

“Falcar ha fatto un buon lavoro con noi perché Elisa, Chiara [Consonni] E io, e anche altre ragazze, ci siamo andate il primo anno da élite e ci abbiamo aiutato a crescere passo dopo passo senza forzare le cose perché volevano che vincessimo. È stato graduale e ora siamo a un buon livello. Spero nei prossimi anni [that] Posso ancora migliorare”.

Guazzini ha detenuto diversi titoli nazionali juniores su pista, su strada e su cronometro ed è attuale Campione d’Europa U-23 a cronometro. Al di fuori della corsa contro il tempo, ha mostrato molte promesse anche nelle classiche e ha fatto parte anche della squadra italiana che l’anno scorso ha vinto i Campionati del Mondo su strada a Lovanio.

Al termine della fortunata stagione 2021, Guazinni ha subito il destino di diversi corridori nell’edizione inaugurale della Parigi-Roubaix femminile e si è schiantata e si è fratturata una caviglia. L’infortunio l’ha costretta a terminare la sua stagione in anticipo, il che significava che ha dovuto prendere parte al tour femminile e ai campionati del mondo di atletica leggera mentre si sottoponeva a un intervento chirurgico in Francia, quindi ha trascorso un mese nel cast prima di iniziare un’ampia riabilitazione fisica.

Mentre parliamo, il giovane italiano è nel bel mezzo di un ritiro per il FDJ Nouvelle Aquitaine Futuroscope in Spagna dopo essere tornato in bici per meno di due settimane. “Sta andando davvero bene”, dice dell’infortunio. “Meglio di quanto inizialmente previsto. Ho fatto davvero tutto quello che dovevo fare perché volevo tornare [to] bicicletta. Quindi sono felice di come stanno andando le cose. E penso che migliorerà di nuovo giorno dopo giorno”.

Con la caviglia in continuo miglioramento, Guazzini non ha potuto allenarsi insieme agli altri corridori del team camp, tuttavia le sue prime impressioni sulla sua nuova squadra sono ancora positive. “Sta andando davvero bene”, dice. “Trovo un buon ambiente qui e vado d’accordo con i miei compagni di squadra e lo staff. Finora tutto sta andando molto bene”.

“Ho un programma diverso dalle altre ragazze, ma inizio sempre con loro e magari prendo una scorciatoia per tornare indietro. Ma sì, sta andando bene. L’ho fatto anche tre ore e mezza ieri. Alla fine ero un po’ stanco , ma ero felice”.

Guazzini è stata introdotta al ciclismo all’età di sei anni quando ha bilanciato l’equitazione con il nuoto. Ma “La prima volta che sono tornata su una bici da strada, ho deciso che volevo andare in bicicletta”, ricorda. “All’inizio era solo un hobby. Mi piaceva. Mi piaceva molto guardare il ciclismo in TV. Ora spero che sia anche il mio lavoro e la mia professione”.

Come aveva sperato, Guazzini ora si guadagna da vivere pedalando e ha firmato un contratto biennale con FDJ. Da quando ha sognato per la prima volta di fare del ciclismo la sua carriera, le aspettative all’interno del gruppo femminile sono notevolmente migliorate.

“Ricordo di aver visto i Mondiali di Firenze, vicino casa mia, nel 2013… Penso che il ciclismo, come tutti sappiamo, sia cambiato molto negli ultimi anni, soprattutto quello femminile”, dice. “Ricordo che quando ero più giovane seguivo le bici da donna, ma era diverso.

“Con le nuove squadre del WorldTour stai andando per la strada giusta, come i ragazzi. Certo, c’è ancora una grande differenza, ma ogni anno vediamo nuovi passi e con il Tour de France così come la Parigi-Roubaix.

“E’ davvero bello correre lo stesso giorno, o sabato e domenica, perché questo ci dà più visibilità e speriamo di non parlare delle differenze nei prossimi anni. – Ma è una lunga strada da percorrere”.

Guazzini ha vinto il TT femminile U23 agli Europei su strada 2021.

Oltre al ciclismo, Guazzini ha anche talento per suonare la chitarra e, a volte, postare Video di lei che suona sui social media. “Amo la musica e amo davvero ascoltare la musica ogni giorno, in ogni momento della giornata, specialmente quando mi alleno”, dice. “Suonavo la chitarra in una band quando ero più giovane, ma poi ho dovuto smettere perché non avevo molto tempo libero. Ma ora, quando posso, suono sempre la chitarra”.

Avere la musica come passione lontano dal ciclismo ha aiutato Guazzini a tenere la testa alta durante le avversità della sua carriera, compreso il suo recente infortunio. “Devo dire che questo mese mi ha anche aiutato a superare la giornata perché non potevo fare di più”, dice.

Grazie all’approccio controllato del suo ex team allo sviluppo del pilota, Guazzini ha ancora molta strada da fare e non aspettarti troppe pressioni nemmeno dal suo nuovo team.

“Non so ancora quale sia il mio ruolo”, dice del suo posto alla FDJ. “Penso che aiuterò la squadra a vincere la prossima stagione. Per me è davvero un bene, sono emozionato alla fine della gara quando so di aver contribuito a vincere, anche se non ho vinto”. [myself]. Ma penso che tutti abbiano un ruolo importante in gara”.

Guisini (terza da sinistra) al via dell’edizione inaugurale femminile della Parigi-Roubaix nel 2021.

Mentre la sua caviglia sta migliorando bene, l’infortunio significa che è diffidente nel segnare diversi gol per la prossima stagione. “Naturalmente, se avrò l’opportunità di trovare i miei risultati personali, spero di essere pronta”, dice. “Ma ora non so nemmeno quando comincerò, anche per via dell’infortunio. Quindi vivo giorno per giorno e poi vedremo. Però è una squadra davvero forte con tanti piloti forti quindi io penso che faremo una buona stagione”.

Nelle prossime stagioni, però, Guazzini ha in mente dei grandi obiettivi. “Sicuramente le Fiandre sono la corsa dei miei sogni”, dice. “Quando ero più giovane guardavo le classiche ogni anno perché sono le gare che amavo di più. E nel primo anno nella classe d’élite che ho avuto la possibilità di correre nelle Fiandre, ho avuto davvero la pelle d’oca quando ero a Kwaremont. “

Forse è comprensibile che ci sia stata una gara in cui non era troppo ansiosa di tornare. “Forse cambierò idea anche sulla Parigi-Roubaix, ma vedremo, per ora non mi piace molto”.

Per ora, Guazzini rimane aperta a tutte le opportunità che la sua ascesa al WorldTour potrebbe portarle: “Sono davvero entusiasta di far parte della squadra. È un grande passo per me. Ed è davvero diverso. Perché diciamo sempre che Falcar è come una famiglia Ed è stato davvero così, non è solo qualcosa che diciamo solo per il gusto di dirlo, ma è stata una scelta difficile per me.

“Alla fine, ho preso quella decisione, ma sono così grato a loro che non posso essere dove sono senza di loro. Quindi mi piace sempre ringraziarli. Ora sta arrivando una nuova era per me e spero di non Non deludere le persone che hanno sempre creduto in me e continuano a crederci”.

READ  L'italiano Bettiol vince la tappa 18 del Giro d'Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.