Verstappen vince in Ungheria mentre la Red Bull fa la storia della F1

Verstappen vince in Ungheria mentre la Red Bull fa la storia della F1

Max Verstappen.
immagine: riprese

Il leader della Formula 1 Max Verstappen ha vinto il Gran Premio d’Ungheria con un ampio margine mentre la Red Bull ha fatto la storia con la dodicesima vittoria consecutiva.

Lando Norris della McLaren è arrivato secondo per la seconda gara consecutiva, ma era indietro di 33,731 secondi dopo 70 giri in un caldo pomeriggio ungherese.

Il compagno di squadra di Verstappen e il più vicino sfidante al titolo Sergio Perez ha dovuto conquistare il terzo posto dopo essere partito nono e ha inseguito Norris nelle fasi finali prima che il britannico costruisse una maggiore protezione.

La vittoria di Verstappen, la 44esima in carriera, è stata la nona in 11 gare disputate finora in questa stagione e la settima consecutiva, portando il suo punteggio su Perez a 110 punti, e il due volte campione del mondo ha ottenuto il giro più veloce.

“Che incredibile montagne russe è stato oggi. È stato così divertente da guidare. Incredibile”, ha detto Verstappen, che l’anno scorso vinse dalla decima posizione in griglia ma questa volta si schierò in prima fila.

“Fondamentalmente potevamo fare quello che volevamo con la strategia. Dodici di fila per una squadra è incredibile”.

Verstappen l’ha descritta come una “giornata abbastanza perfetta”, anche se il trofeo di porcellana del vincitore non è riuscito a superare intatto le cerimonie di incoronazione dopo che Norris l’ha mandato giù dal gradino più alto quando ha aperto lo champagne.

Le sue 12 vittorie, un numero che include l’ultima gara della scorsa stagione ad Abu Dhabi, è l’undicesima vittoria consecutiva della McLaren nel 1988 ottenuta dai grandi Alain Prost e Ayrton Senna.

READ  Il calcio europeo si prepara a dare una scossa mentre Juventus, Arsenal e altri grandi club affrontano la prossima stagione fuori dai riflettori

Sebbene la Ferrari vinse 14 gare consecutive a cui partecipò nel 1952-53, la squadra italiana non partecipò alla 500 Miglia di Indianapolis, che all’epoca era una tappa del campionato.

Il margine di vittoria di Verstappen è stato il più ampio da quando il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton ha vinto in Russia nel 2021 per 53 secondi.

Hamilton Paolo

Hamilton è arrivato quarto, dopo che l’otto volte vincitore della gara ungherese è partito in pole position per la 104esima occasione nella sua carriera e primo dal 2021. Ha ridotto il distacco da Perez negli ultimi giri ma ha esaurito il tempo.

L’astro nascente australiano Oscar Piastri è arrivato quinto per la McLaren.

George Russell è arrivato sesto per la Mercedes, dopo essere partito 18°, con Charles Leclerc e Carlos Sainz della Ferrari settimo e ottavo.

Leclerc è arrivato sesto su strada ma ha perso una posizione a causa di una penalità di cinque secondi per eccesso di velocità nella corsia di porta.

Fernando Alonso e Lance Stroll dell’Aston Martin hanno occupato le ultime due posizioni di punteggio.

Verstappen ha preso il comando al via da Hamilton, che è sceso al quarto posto dopo aver perso anche contro i piloti della McLaren, con Piastri che è uscito e si è piazzato secondo.

Poi la promossa Red Bull ha dimostrato di essere in un campionato completamente diverso, Verstappen si è ritirato e ha lasciato gli altri a lottare per le restanti posizioni.

Perez, sotto pressione dopo non essere riuscito a salire sul podio in quattro delle ultime cinque gare, ha avuto un buon pomeriggio dopo essere partito con la gomma dura mentre gli altri montavano le intermedie e hanno fatto dei sorpassi aggressivi.

READ  Adam Beatty ha vinto la sua terza medaglia d'oro della settimana in Europa vincendo un colpo al petto di 50 metri a Budapest

“Il suo recupero e i suoi sorpassi sono stati coraggiosi, il suo ritmo è stato veloce. Il modo in cui ha guadagnato posizioni: sorpasso su Carlos, sorpasso su Fernando, sorpasso su Piastri, la strategia che ha usato. Era infuocato oggi”, ha detto il team principal Christian Horner.

“Una gara del genere ti dà un’enorme quantità di fiducia. Per me, è stato lo slancio per dire ‘non cancellarmi'”.

I piloti alpini Pierre Gasly ed Esteban Ocon si sono scontrati alla prima curva del primo giro e si sono ritirati ai box, con il risultato che il team di proprietà della Renault ha ottenuto doppi colpi consecutivi.

Guanyu Zhou dell’Alfa Romeo è scappato lentamente dal quinto posto con il pilota cinese per poi urtare l’AlphaTauri di Yuki Tsunoda e scatenare una reazione a catena.

Anche l’australiano Daniel Ricciardo, tornato con AlphaTauri ma con l’occhio al sedile di Perez, è rimasto coinvolto nel caos ed è sceso dal 13° al 18° prima di finire da dove era partito.

A Cho è stata inflitta una penalità di cinque secondi per aver causato la collisione.

– Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *