Una nuova scoperta nella plastica potrebbe aprire la strada a prodotti, batterie e schermi migliori

I ricercatori della University of South Florida (USF) e di altre istituzioni in tutto il mondo hanno fatto una svolta che potrebbe aprire la strada alla creazione di prodotti migliori utilizzando la plastica. La loro scoperta potrebbe migliorare la vernice delle auto, le batterie e gli schermi dei cellulari.

(Foto: Pixabay)
La nuova scoperta della plastica potrebbe aprire la strada alla realizzazione di prodotti migliori, rivela uno studio

I polimeri di vetro portano a prodotti migliori utilizzando la plastica

Nel loro studio intitolatoI gradienti di mobilità producono superfici gommose sopra gli occhiali in polimeropubblicato in natura, Ha introdotto simulazioni, teorie ed esperimenti e ha rivelato che i polimeri di vetro in molte materie plastiche sono un microelastico, che ha ampie implicazioni per la resistenza ai graffi a livello molecolare che è fondamentale per le applicazioni nella realizzazione di prodotti migliori.

Nel loro studio, i ricercatori scrivono che molti materiali emergenti oggi, come quelli utilizzati negli schermi dei telefoni cellulari e negli schermi delle TV OLED, devono le loro proprietà al gradiente cinetico migliorato sulla superficie dei fluidi che formano il vetro. Queste scoperte precedenti hanno rimodellato la comprensione di come funzionano i produttori di vetro e di come trasformarli in materiali migliorati.

AZO .materiali Riferito che gli scienziati hanno scoperto che i polimeri di vetro nella plastica e in altri prodotti non sono uguali e mostrano le proprietà della gomma naturale. Questo comportamento trova ampie implicazioni tecnologiche, hanno affermato i ricercatori, dimostrando che i polimeri di vetro possono aderire e fornire materiali migliori per la produzione di prodotti migliorati.

Il corrispondente autore dello studio David Simmons, professore associato presso l’USF, ha affermato che la scoperta aiuta gli scienziati a comprendere e controllare il comportamento dei polimeri di vetro sulla superficie. Ha sottolineato che la superficie microscopica di una plastica è estremamente importante per le sue prestazioni, a causa della polvere che aderisce al rivestimento o dell’abrasione della lente di vetro.

READ  Atlas 5 viene lanciato con la missione Lucy dell'asteroide della NASA - Spaceflight Now

I ricercatori hanno fatto questa scoperta sviluppando “bordi bagnanti”, che vengono realizzati scaricando una gocciolina di liquido ionico su superfici di polistirene a diverse temperature. Ingrandendo la scala molecolare in alcune delle ultime batterie vetro-polimero, sono stati in grado di scoprire la presenza dello strato morbido e gommoso e come potrebbe essere regolato.

Leggi anche: Nuovi schermi polimerici flessibili da radiazioni elettromagnetiche e interferenze

Funziona in modo simile al pattinaggio sul ghiaccio

per me scienza quotidiana, la teoria formulata dai ricercatori della University of South Florida è equivalente all’attuale comprensione di come gli snowboarder scivolano sul ghiaccio. Lo strato molecolare superiore agisce come l’acqua, consentendo alla lama dello sci di scivolare sulla superficie.

Inoltre, un’altra parte della fisica è il basso attrito quando la lama dello snowboard è in movimento. Articolo in Problemi di fisica del mondo reale Spiega che l’attrito ridotto consente a un pattinatore di scivolare sulla superficie del ghiaccio e che le proprietà fisiche del ghiaccio consentono a un pattinatore di scavare usando la lama del pattino per girare, accelerare e fermarsi.

Lo snowboarder si muove spingendosi fuori dal ghiaccio con una forza perpendicolare alla lama del pattino. Questo è l’unico modo in cui un pattinatore può spingersi in avanti perché il contatto della lama con il ghiaccio è quasi zero. Mentre si muove all’indietro, il pattinatore utilizza uno schema di scorrimento in stile “S”. Lento.

Articoli Correlati: Il vetro ad alta densità è un nuovo tipo di fluido a film sottile che può creare materiali più resistenti e densi

Scopri altre notizie e informazioni su Scienza dei materiali In tempi di scienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *