La NASA pubblica una playlist di registrazioni inquietanti del sistema solare

La NASA pubblica una playlist di registrazioni inquietanti del sistema solare

Sonic aiuta gli scienziati a scoprire dettagli nascosti dell’universo che potrebbero essersi persi.

Il vasto spazio circostante attorno alla Terra, chiamato universo, è costituito da stelle, galassie, pianeti, comete e asteroidi. Ma lo spazio tra questi corpi celesti dovrebbe essere silenzioso. Tuttavia, alcuni oggetti nel sistema solare emettono un suono che viene captato dagli strumenti utilizzati dalle agenzie spaziali come la NASA. Attraverso la sonificazione dei dati, gli stessi dati digitali tradotti in immagini vengono convertiti in suono. La NASA ha compilato una raccolta di suoni audio in una playlist È stato caricato sul suo sito web.

Da Mercurio a Giove, questa playlist contiene tutti gli strani suoni registrati da Hubble e altri strumenti spaziali.

Ha anche il suono di un buco nero supermassiccio, che ronza nello spazio a 250 milioni di anni luce di distanza.

Gli scienziati eseguono questa procedura di conversione della luce in suono per rivelare dettagli nascosti dell’universo che potrebbero essere sfuggiti.

Ad esempio, Marte non ha un grande campo magnetico, ma la playlist contiene i suoni inquietanti e solitari dei venti marziani, mentre i diavoli della polvere danzano sulla superficie polverosa.

Allo stesso modo, le lune di Giove Europa e Ganimede sono state registrate mentre emettono lampi simili al plasma e segnali acustici robotici.

La terra suona come gli uccelli o le balene. Il suono di Saturno è come la colonna sonora di un film di fantascienza, secondo una playlist audio condivisa dalla NASA.

Spiegando il processo di conversione dei dati digitali in suono, l’agenzia spaziale americana ha affermato sul suo sito web che agli elementi dell’immagine, come la luminosità e la posizione, vengono assegnati toni e livelli sonori.

READ  Strana condizione quantistica osservata per la prima volta

“Nessun suono può viaggiare nello spazio, ma la sonicazione fornisce un nuovo modo di sperimentare e visualizzare i dati. La sonicazione consente al pubblico, comprese le comunità non vedenti e ipovedenti, di” ascoltare “le immagini astronomiche ed esplorare i propri dati”.

Gli scienziati registrano dati sin dal lancio dello Sputnik nel 1957. Le onde radio captate dai ricevitori di queste sonde spaziali le trasformavano nuovamente in suono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *