Una fabbrica di fuochi d'artificio esplode in Thailandia, uccidendo persone

Una fabbrica di fuochi d'artificio esplode in Thailandia, uccidendo persone

Bangkok-

Mercoledì un'esplosione in una fabbrica di fuochi d'artificio nella Thailandia centrale ha ucciso almeno 23 persone, hanno detto i funzionari regionali.

Lo hanno reso noto le autorità della provincia di Suphan Buri, dove nel pomeriggio è avvenuta l'esplosione. Il Dipartimento per la prevenzione e la mitigazione dei disastri ha affermato che i funzionari stanno lavorando per proteggere il sito e assistere le persone colpite.

Si sta indagando sulla causa dell'esplosione. L’esplosione è avvenuta meno di un mese prima del capodanno cinese di febbraio, quando la domanda di fuochi d’artificio è forte.

I soccorritori sul posto hanno detto che non sono stati trovati sopravvissuti. Le autorità regionali non hanno menzionato nulla che contraddica la dichiarazione dell'amministrazione sul recupero dei feriti.

Suphanburi si trova a circa 95 chilometri (60 miglia) a nord-ovest di Bangkok, nel cuore della regione centrale della coltivazione del riso della Thailandia.

L'ufficio del primo ministro Sritha Thavisin, che si trova in Svizzera per partecipare al Forum economico mondiale, ha distribuito un video in cui gli viene detto al telefono dal capo della polizia regionale che c'erano dai 20 ai 30 lavoratori nella fabbrica al momento dell'esplosione. e che nessuno di loro è stato trovato.

Kritsada Mani-in, un soccorritore della Samarcon Suphan Buri Rescue Foundation, che in precedenza aveva stimato che fossero state uccise da 15 a 17 persone, ha detto che un conteggio accurato era difficile perché i corpi erano fatti a pezzi.

Le immagini pubblicate sui social mostrano una fitta colonna di fumo nero sopra il luogo dell'incidente. Le foto pubblicate online dai soccorritori locali mostrano che il sito della fabbrica è stato quasi raso al suolo.

READ  I paesi hanno tagliato i legami con il Regno Unito, con l'Italia solo con una quarantena obbligatoria

Il capo della polizia nazionale Torsak Sokvemol ha confermato le notizie locali secondo cui si è verificata un'altra esplosione in fabbrica nel novembre 2022 che ha ucciso un lavoratore e ne ha feriti gravemente altri tre.

Ha aggiunto che la polizia intraprenderà azioni legali in caso di eventuali violazioni.

Nel luglio dello scorso anno, una grande esplosione in un magazzino di fuochi d'artificio nel sud della Thailandia ha ucciso almeno 10 persone e ne ha ferite più di 100, secondo i funzionari.

L'esplosione è avvenuta nella provincia di Narathiwat in una zona residenziale e ha danneggiato circa 100 case in un raggio di 500 metri, secondo il Dipartimento per la prevenzione e la mitigazione dei disastri.

Il governatore di Narathiwat ha detto che l'esplosione è stata probabilmente causata dai lavori di costruzione nel magazzino, dove le scintille provenienti dalla saldatura dei metalli hanno fatto sì che i fuochi d'artificio immagazzinati all'interno prendessero fuoco ed esplodessero.

Ondate di fumo dopo un'esplosione in una fabbrica di fuochi d'artificio nella provincia di Suphan Buri, Tailandia, mercoledì 17 gennaio 2024. (Fondazione Samerkun Suphan Buri tramite AP)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *