I pubblici ministeri accusano i membri di un gruppo di milizie di estrema destra di aver organizzato un attacco al Campidoglio il 6 gennaio

I pubblici ministeri hanno detto martedì che tre persone appartenenti a un gruppo di milizie di estrema destra hanno cospirato per violare il Campidoglio degli Stati Uniti, la prima volta che le persone sono state direttamente accusate di aver organizzato rivolte violente il 6 gennaio, lasciando cinque morti.

Thomas Edward Caldwell, 65 anni, della Virginia, è stata la prima persona accusata di cospirazione dopo le violenze a Washington, DC, all’inizio di questo mese. Il suo arresto e la detenzione di altri membri del gruppo offrono informazioni sulla pianificazione e il coordinamento dietro l’attacco straordinario, che sembra aver sorpreso le forze dell’ordine nonostante i vari avvertimenti online.

Secondo gli investigatori dell’FBI, Caldwell “sembra giocare un ruolo di leadership con” i Oath Keepers, un gruppo paramilitare che crede in un “misterioso complotto” per privare gli americani dei loro diritti. Il gruppo recluta spesso i militari e la polizia attuali ed ex o altri primi soccorritori.

L’FBI ha dichiarato in documenti di accusa contro alcuni membri dei Custodi del giuramento che indossavano elmetti, giubbotti antiproiettile e oggetti con il nome del gruppo. L’FBI ha anche detto che sembravano “muoversi in modo ordinato, praticanti, e farsi strada verso la parte anteriore della folla raccolta intorno alla porta del Campidoglio degli Stati Uniti”.

Un affidavit depositato contro Caldwell afferma che era coinvolto nella pianificazione e nel coordinamento della violazione del Campidoglio con altri membri, tra cui due individui della contea di Champaign, Ohio.

I documenti federali designano questi come Jessica Watkins e Donovan Crowell e affermano che sono membri della milizia regolare dell’Ohio, membri pagatori delle guardie del dipartimento.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato isolato per aver incitato alla rivolta attraverso il suo discorso del 6 gennaio, in cui ha chiesto ai suoi sostenitori di “combattere più duramente” e marciare verso il Campidoglio, e ha detto: “Non saremo sconfitti”. (Jim Borg / Reuters)

Messaggi tra i membri

“Le registrazioni ottenute da Facebook indicano che Caldwell era coinvolto nella pianificazione e nel coordinamento della violazione del 6 gennaio del Campidoglio degli Stati Uniti a cui hanno partecipato Watkins, Crowell e altri membri della milizia di Oath Keeper”, si legge nell’affidavit.

I documenti di spedizione mostrano lettere tra Caldwell e altri sull’organizzazione di camere d’albergo nell’area di Washington nei giorni precedenti l’attacco.

In un messaggio di Facebook da Crowl a Caldwell, Crowl dice: “Probabilmente ti chiamerò domani. Principalmente perché mi piace conoscere il tuo piano wtf. Sei il protagonista”.

L’FBI ha scritto che Caldwell credeva di aver fatto riferimento al leader della divisione, Elmer Stuart Rhodes, in un messaggio di Facebook ai membri del gruppo nei giorni precedenti alle rivolte.

Caldwell ha scritto, secondo l’FBI: “Non so se Stewie abbia chiamato la gravidanza, ma è un po ‘tardi”. “Questo è quello che stiamo facendo da soli. Comunicheremo con l’equipaggio del North Carolina (sic)”.

Le autorità federali affermano che Caldwell ha anche inviato messaggi su Facebook dopo l’attacco.

“Ragazzi orgogliosi hanno ingaggiato i poliziotti e li hanno spinti dentro per nascondersi”, dice la lettera di Caldwell, secondo i documenti del tribunale. “Ha sfondato le porte. Uno è arrivato sul pavimento della casa, un altro è arrivato nell’ufficio di Pelosi. Divertiti.”

Le autorità federali hanno detto che Caldwell ha inviato un altro messaggio al capo delle guardie del dipartimento incoraggiandole a fare irruzione nella casa dello stato dell’Ohio a Columbus.

“Dobbiamo farlo a livello locale”, ha detto Caldwell nei documenti di spedizione. “Entriamo nell’Ohio Capitol. Dimmi quando!”

Caldwell deve affrontare altre accuse che includono ingresso violento o comportamento disordinato. Martedì pomeriggio non era chiaro se avesse nominato un avvocato. Un messaggio è stato lasciato martedì a casa sua a Perryville, in Virginia, e non è stato restituito immediatamente.

Watkins e Creole erano detenuti in una prigione della contea di Dayton, dopo il loro arresto lunedì.

Gli investigatori federali hanno utilizzato i post sui social media e le interviste condotte dai sospetti per identificarli.

Ciascuno dei sospetti in Ohio deve affrontare tre conteggi: entrare in un edificio o in un terreno proibito; Ingresso violento o comportamento disordinato, ostruzione delle procedure ufficiali. Nessuna informazione era immediatamente disponibile se avevano ancora avvocati.

Inoltre, non è stato immediatamente chiaro se qualcuno dei tre avesse esperienza militare o di polizia.

All’inizio di questo mese i membri di una banda pro-Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio, hanno rotto le finestre e si sono scontrati con gli agenti di polizia. Finora sono state arrestate più di 125 persone. (John Sherry / Getty Images)

125 arresti finora

Sono tra le oltre 125 persone arrestate finora con l’accusa relativa alle violenze del 6 gennaio guidate dai sostenitori del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, in cui sono stati uccisi un agente di polizia del Campidoglio e altri quattro. La scorsa settimana, le autorità statunitensi hanno annunciato l’arresto di una donna della zona di Cleveland e di un uomo di Wilmington, Ohio, con relative accuse.

Gli investigatori hanno detto che Watkins, 38 anni, che si è descritto come il comandante della milizia regolare dello Stato dell’Ohio, ha pubblicato un video e commenti il ​​6 gennaio sul sito di social media Parler.

“Sì. Abbiamo preso d’assalto il Campidoglio oggi. Siamo stati uccisi con gas lacrimogeni, 9. Ti sei diretto alla Sala Rotonda. Abbiamo raggiunto il Senato. La notizia sta mentendo (anche Fox) sugli eventi storici che abbiamo stabilito oggi”, avrebbe scritto.

Watkins sarebbe stato anche accusato di aver pubblicato quell’ingresso forzato attraverso la porta sul retro del Campidoglio.

La milizia sembrava essere relativamente nuova e giovane.

READ  Biden deve costruire un ponte con il nemico - VG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *