Home / Politica / Trasporti, al via il Piano e il bando per il gestore unico

Trasporti, al via il Piano e il bando per il gestore unico

Finalmente, il servizio del trasporto pubblico locale si avvia a conoscere una strategia programmatica. Sono stati il presidente della Giunta regionale, Donato Toma e l’assessore ai trasporti, Vincenzo Niro a presentare l’accordo di programma con il Ministero per la stesura del Piano regionale dei trasporti, entro un anno; del piano dei servizi minimi, nel termine di 180 giorni e del bando di gara per il gestore unico. “Passaggi fondamentali – ha sottolineato il presidente della Giunta regionale, Donato Toma – perché in questa maniera garantiremo un servizio di trasporti valido per i cittadini molisani. Cercheremo, anche, di inserire all’interno del bando il trasporto urbano per confrontarci con una sola azienda. Abbiamo già disposto una delibera per l’acquisto di nuovi mezzi e la graduale sostituzione di quelli più vecchi”. Ma il piano dei trasporti, andrà, a contemplare anche quelli via mare, con la partenza in via sperimentale dal prossimo 9 maggio della linea Termoli-Croazia. E, soprattutto, per il trasporto ferroviario. “Cercheremo di arrivare alla riapertura della linea ferroviaria Campobasso-Termoli – ha aggiunto l’assessore Vincenzo Niro – perché possa essere linea di trasporto merci e passeggeri. Una linea che potrebbe essere propedeutica al trasporto smistato a Marcianise e diretto verso l’Adriatico. Anche alla luce della Zes. Ma il 2 aprile incontrerò i vertici di Rete Ferroviaria sulla questione elettrificazione e non solo”. Un vero piano, quello riguardante l’infrastruttura ferroviaria capace di guardare all’interporto di Marcianise e, con la galleria sotto il Matese, raggiungere Termoli. Così, come per la variazione di alcuni tratti dell’attuale percorso per Roma. Piani e progetti che si riallacciano, anche, a possibili interventi sulla stazione di Campobasso e i sottopassi dei passaggi a livello in città.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Miracolo molisano: la sede regionale di Bruxelles avrebbe aperto le porte dell’Europa al Molise! Parossismo politico e amministrativo auto celebrativo di una Regione che non si cui cura dei lavoratori della Gam, dell’Itr e dello Zuccherificio; che ha la sanità più sfessata d’Italia e un tasso di disoccupazione giovanile da primato

Apriamo le orecchie e aguzziamo l’ingegno e predisponiamoci alla standing-ovation da tributare al presidente Donato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *