Sulla scia della morte di ‘Gabi Pettito’, le donne che vivono a Van condividono le loro esperienze e come stare al sicuro sulla strada.

Un memoriale temporaneo dedicato a Gabe Pettito si trova vicino al municipio a North Port, in Florida, il 20 settembre 2021. Un medico legale ha confermato che il corpo di Pettito è stato trovato martedì nel Grand Teton National Park nel Wyoming. (Foto di Octavio Jones/Getty Images)

Van Life ha preso d’assalto i social media e la vita affascinante on the road – e la morte del 22enne Gabe Pettito ha solo aumentato l’interesse per lo stile di vita.

Martedì, il medico legale della contea di Teton, il dottor Brent Blue, ha confermato che i resti trovati nella foresta nazionale di Bridger Teton, nel Wyoming, sono quelli di Gabby Pettito, scomparsa durante un viaggio attraverso il paese con il suo fidanzato. La sua morte è stata giudicata un omicidio. “La causa della morte è ancora in attesa dei risultati finali dell’autopsia”, ha dichiarato in una nota Michael Schneider, l’agente speciale dell’FBI responsabile dell’FBI.

Il fidanzato di Pettito, Brian Laundry, si è rifiutato di fornire informazioni alla polizia ed è scomparso dalla casa della sua famiglia in Florida la scorsa settimana. È stato selezionato come persona di interesse ed è attivamente ricercato dalle autorità.

La tragica storia di Petito ha sollevato molte domande sulla sicurezza dei Van Lifers e Instagram è pieno di storie di persone a cui è stato rotto il pennello o che hanno semplicemente provato strani sentimenti che li hanno spinti a prendere ulteriori precauzioni di sicurezza:

Uno di essi è Josie Hartlin, che ha detto a Yahoo Life che la sicurezza è una sua preoccupazione.

“All’inizio ero molto più coraggioso di quanto non lo sia in questi giorni”, dice Hartlin, che ha iniziato il suo viaggio in macchina quattro anni fa in Canada. “Pacheggerei ovunque e non ci penserei molto, ma ho notato un cambiamento nella mia sensazione sulla sicurezza e sulla vita dei camion. Onestamente pensavo che non ci fosse differenza tra uomini e donne che facevano la vita in furgone, ma era un misto di ottimismo, femminismo e ignoranza». Hartlin dice che viaggia da sola “molto” con il suo cane. “Ho guidato il mio camion in tutto il Canada quattro volte da solo, scegliendo spesso di parcheggiare in aree boschive appartate”, dice.

READ  La data per il vertice del GCC del 2020: il vertice del GCC il 5 gennaio a Riyadh; Salman Raja - Il re dell'Arabia Saudita invita i leader del Golfo a partecipare al vertice del Consiglio di cooperazione del Golfo che si terrà a Riyadh il 5 gennaio

Più a lungo seguo lo stile di vita di Van, afferma Hartlin, “più divento consapevole degli altri, di ciò che mi circonda e dei potenziali pericoli”. Sebbene la venticinquenne affermi di non sottolineare regolarmente la sua sicurezza, cerca di prendere alcune precauzioni per assicurarsi che stia bene.

Compagno di squadra di Van Lever Bionka SmithLei, che attualmente sta viaggiando negli Stati Uniti con suo figlio, ha detto a Yahoo Life che “non si è mai preoccupata per la nostra sicurezza perché ho iniziato ad affrontare la vita del Van prima che diventasse una grande tendenza, il che significava che mi sentivo un po’ più subdola. ” Tuttavia, Smith, 33 anni, afferma di aver messo in atto alcune “misure di sicurezza di base” per la privacy e le emergenze per mantenere la sua famiglia al sicuro sulla strada.

Smith dice che non mette le maniglie dei social media sul suo camion e ha i finestrini oscurati, uno schermo e spesse tende per la privacy per bloccare gli sguardi indiscreti. “Se qualcuno era troppo vicino alla mia macchina e avevo paura che fosse ubriaco, accendevo immediatamente le luci e facevo un rumore per spegnerle”, dice. Smith si prende anche un momento prima di lasciare il suo camion ogni volta che si ferma in una nuova posizione. “Non sarei scesa subito dal mio camion”, dice, “e stavo parcheggiando la mia auto vicino al recinto, quindi quando era ora di uscire, nessuno poteva vedermi”.

Smith ha anche un coltello nel suo camion e una bomboletta di spray per orsi “perché è rumoroso e può essere utile in molti modi”, dice. Dice che questi protocolli hanno “significativamente” aiutato a consentire a Smith di mantenere la sua privacy e tenerla al sicuro sulla strada.

READ  I candidati per gli ambasciatori degli Stati Uniti: Biden annuncia nove diplomatici di carriera come ambasciatori

Hartlin dice che la sua più grande paura è quando è parcheggiata, “perché quando è ferma e dorme, penso che sia quando qualcuno è più vulnerabile”.

“La maggior parte delle volte, se sono da sola, mi assicuro di difendere il servizio cellulare”, dice. “Se non lo sono, ho un dispositivo SPOT che mi consente di comunicare con i genitori o la polizia ovunque mi trovi.” Hartlin dice che ha anche un motto che si fida “del mio fegato e delle mie tette” e lascerà l’area se lei o il suo cane si sentono a disagio. “Anche se il mio cane è piccolo, sento che aiuta con la sicurezza perché mi avviserà se qualcuno è intorno al camion e la loro corteccia è più grande di lui”, dice.

Hartlin tiene anche una torcia di metallo e un’ascia vicino al letto. Di recente ha installato un sistema di sicurezza nel suo camion che emetterà un segnale acustico anche in caso di rottura di un finestrino o di una serratura.

Hartlin sottolinea l’importanza di avere un buon sistema di riscaldamento dopo essersi svegliati una notte nell’inverno 2020 senza riscaldamento. “Ho imparato che è essenziale avere sempre un piano di riserva su come riscaldare il tuo camion e stare al caldo”, dice, notando che le temperature quella notte erano così basse che il suo camion non si avviava.

Dice anche che è “fondamentale” per le persone capire come funzionano e come vengono mantenute regolarmente le loro piccole auto, oltre a capire come cambiare la gomma e aumentare la batteria. “Potresti essere fuori servizio o da solo di notte e ottenere un appartamento in cui nessuno può aiutarti”, sottolinea.

READ  I pubblici ministeri accusano i membri di un gruppo di milizie di estrema destra di aver organizzato un attacco al Campidoglio il 6 gennaio

Ma soprattutto, Hartlin dice che cerca di scegliere con attenzione dove dormire. “Sono sempre pronta a muovermi se sento che dovrei”, dice. “Sento che queste precauzioni aiutano perché sono facili e spesso passive. Non spendo molte energie e sono ansioso, sono preparato e ho già dei sistemi in atto per aiutarmi a sentirmi al sicuro”.

Hartlin dà questo consiglio ai suoi compagni guerrieri della strada: “Devi davvero fidarti di ciò che ti sembra giusto e non aver mai paura di andare avanti, anche se è tardi e sei stanco”.

Vuoi ricevere notizie sullo stile di vita e sul benessere nella tua casella di posta? Registrati qui Per la newsletter di Yahoo Life.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *