Dominion Voting Systems – la società con sede a Toronto che ha intentato una causa per diffamazione contro Giuliani – ha rafforzato le misure di sicurezza dei propri uffici dopo aver ricevuto minacce

Dominion Voting Systems, che ha intentato una causa per diffamazione da 1,3 miliardi di dollari contro Rudy Giuliani accusandolo di aver diffuso una “campagna di disinformazione virale”, afferma di aver dovuto aumentare la sicurezza nei suoi uffici in tutto il Nord America, compresi quelli nella Chinatown di Toronto. iniziato.

La società ha scritto in un file del tribunale lunedì che una raffica di messaggi di odio diretti ai dipendenti e ai fondatori di Dominion includeva messaggi violenti e minacce di bombe. Sebbene ora abbia sede a Denver, il CEO dell’azienda, John Paulus, ha affermato che tutti gli uffici di Dominion sono presi di mira.

“Il nostro ufficio a Spadina è molto piccolo e abbiamo solo pochi dipendenti che lavorano lì. Ma nel periodo post-elettorale, dovevamo provvedere alla sicurezza del nostro quartier generale”, ha detto Paulus alla star.

Uno dei dipendenti ha ricevuto un messaggio di testo che diceva: “Ti stiamo già vedendo. Vieni Taher e vivrai”. Un’altra persona ha lasciato un messaggio sulla linea dell’ufficio principale di Dominion: “Stiamo per far saltare in aria il tuo edificio”.

La catena caotica di eventi è ben lontana da ciò che Paulus aveva previsto quando ha fondato l’azienda nel 2002, dopo la laurea presso l’Università di Toronto.

Nel fascicolo del tribunale, gli avvocati dell’azienda hanno notato che, contrariamente alla convinzione che la società di Dominion sia stata fondata in Venezuela per truccare le elezioni dell’ex presidente Hugo Chavez, la società è stata effettivamente visualizzata a Toronto nel seminterrato di Poulos come un modo per aiutare i ciechi la gente vota. Utilizzando schede elettorali.

“Volevamo capire come possiamo aiutare qualsiasi elettore, qualunque siano le sue capacità fisiche o linguistiche, a vivere la stessa esperienza di voto di cui godiamo io e te nelle elezioni federali o regionali”, ha detto Paulus al quotidiano Star. “Il vecchio modo di votare, se eri cieco, era affidarti a un perfetto sconosciuto per correggere il tuo voto per te. Volevamo cambiare la situazione”.

READ  Esponi il politico britannico folle isterico che cerca di contrastare le Olimpiadi invernali di Pechino

Poulos ha fondato l’azienda con dozzine di colleghi del dipartimento di ingegneria di U of T, a partire da alcune elezioni locali in Ontario. Dice che il primo investitore è stata sua sorella.

La startup con sede a Toronto – che prende il nome dal Dominion Election Act del 1920, la legislazione che ha ampliato i diritti di voto in Canada – è passata dalle macchine operative nelle elezioni regionali del 2003 a Quint West, Ontario, a quelle operative in quasi il 150%. Elezioni municipali e di diverse contea di 2011. Entro la fine del mandato, la società si è espansa negli Stati Uniti e operava a New York al momento delle elezioni presidenziali statunitensi del 2008.

L’azienda è cresciuta abbastanza velocemente da conquistare il secondo posto nell’elenco di Deloitte delle 50 società tecnologiche canadesi in più rapida crescita nel 2009.

Un profilo di Poulos, pubblicato più di dieci anni fa sul Toronto Star, indicava il desiderio del fondatore di rafforzare la fiducia nella democrazia con una potente tecnologia di voto. “La percezione è tutto” Paulus ha detto all’allora giornalista stellare Ian Marlowe. “La gente può solo dire, questa macchina è spenta. Non mi fido.”

Nelle settimane successive alle elezioni presidenziali del 2020, il sito del Dominion a Chinatown è diventato oggetto di teorie del complotto sia a livello nazionale che all’estero.

Joe Warmington, un editorialista del Toronto Sun, ha pubblicato una foto degli uffici della società su Twitter poche settimane dopo la fine delle elezioni presidenziali.

“Le luci erano ieri sera tardi nell’edificio di #Chinatown a Toronto che ha i #DominionVotingSystems elencati al secondo piano e il gruppo #Tides al terzo piano”, Warmington ha twittatoAccompagnato da una foto del Robertson Building. “C’era una guardia di sicurezza su entrambi i lati dell’edificio Spadina Ave che aveva spazi di lavoro sociale e un tetto verde”.

Risuonò dentro Cerchi Qunun Sono condivisi insieme agli screenshot del sito web dell’edificio e al numero di telefono dell’ufficio di Dominion.

READ  George Floyd: Il capo della polizia di Minneapolis dovrebbe testimoniare all'inizio della seconda settimana del processo di Derek Chauvin

Warmington ha ancora cancellato il post Utenti di Twitter indicati Le luci provenivano in realtà dal quarto piano, che ospita il Workhaus, uno spazio di co-working affittabile che non appartiene al Dominion.

Un operaio edile del Robertson Building, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto che il pubblico lo ha chiamato più volte dopo le elezioni. Quando gli è stato chiesto perché, ha risposto: “Non lo so, amico. Qualcosa a che fare con Donald Trump”.

Carmen Celestini, professoressa all’Università di Waterloo e collega al Center for Hate, Bias and Extremism, ha detto che la disinformazione che circonda le macchine per il voto del Dominion si adatta al corso dato il clima politico negli Stati Uniti.

Caricamento in corso…

Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…

“Teorie del complotto come queste, incoraggiate da persone come Rudy (Giuliani), sfruttano alcune delle convinzioni già sostenute da persone in gruppi come QAnon”, Celestine ha detto. “Ottengono queste informazioni non solo da Giuliani ma anche da OANN (One America News Network), programmi di YouTube e podcast. Se sei in una bolla di social media con solo queste fonti, questo buco del coniglio farà schifo in fretta”.

Gruppi come QAnon sono tra i tanti movimenti di estrema destra che hanno scatenato disordini civili da quando la maggioranza degli americani ha votato per eleggere Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti a novembre.

Gruppi, comprese milizie e organizzazioni terroristiche, hanno preso di mira funzionari governativi e società private con intimidazioni e violenze.

Nella causa contro Giuliani, Dominion sostiene che l’avvocato ha svolto un ruolo importante nel promuovere tali disordini civili.

“Centinaia di persone hanno creduto alla grande menzogna sul Dominion con una tale dedizione che hanno portato la battaglia dai social media al Campidoglio degli Stati Uniti per il #StopTheSteal”, ha scritto la società in atti giudiziari, riferendosi alla ribellione del 6 gennaio.

READ  In Kirghizistan, paura di cogliere le elezioni presidenziali

Dopo che Giuliani ei suoi alleati li hanno ingannati facendoli credere che non fossero criminali – ma i patrioti “difendevano la repubblica” dal Dominio e dai suoi co-cospiratori – si sono vantati del loro coinvolgimento nel crimine sui social media.

L’azienda ha dichiarato di aver speso più di 565.000 dollari per la sicurezza privata dei propri dipendenti dopo le elezioni.

Nel suo programma radiofonico di lunedì, Giuliani ha detto che avrebbe combattuto una causa per il Dominion in tribunale.

“Per combattimento, non intendo, non intendo parole violente. Combatto in aula, sai?” Giuliani disse: “Questo è ciò che intendo sempre quando parlo di combattimento.”

Dominion ha affermato di non aver ancora completato la presentazione di azioni legali per diffamazione contro coloro che diffondono disinformazione sulla società. Ha intentato una causa contro Sydney Powell, un altro avvocato alleato di Trump, all’inizio di questo mese, sostenendo nella sua causa contro Giuliani di aver agito con altre personalità di alto profilo tra cui Mike Lindell, Lou Dobbs, Fox News, OneAmerica News Network e Newsmax.

“Non escludiamo nulla”, ha detto Paulus lunedì. “Stiamo esaminando tutti i modi in cui la disinformazione è stata generata e diffusa”.

Riferendosi al profilo del 2009 in The Star, Paulus ha detto che c’è una frase dell’articolo di dieci anni che ora risalta. Diceva ad alta voce: “Laddove gli elettori possono distruggere il capitale in caso di sospetta frode, la tecnologia di voto può servire a legittimare la democrazia a volte traballante”.

“Com’è questo per una previsione, 11 anni in anticipo sui tempi?”

Jacon Lorenck è un giornalista con sede a Toronto che si occupa delle attività di The Star. Puoi contattarlo via e-mail: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *