I cacciatori norvegesi contestano la loro riluttanza a lasciare aree di influenza per i missili russi

I cacciatori norvegesi contestano la loro riluttanza a lasciare aree di influenza per i missili russi

La Russia deve garantire che le esercitazioni militari siano “condotte in modo da proteggere i diritti norvegesi ai sensi del diritto del mare e del diritto internazionale in generale”, ha detto venerdì al Barents Observer la portavoce del ministero degli Esteri Annie Haverdsdatter Lundy a nome della Flotta del Nord. Ha iniziato un’importante esercitazione, anche all’interno della zona economica esclusiva della Norvegia a sud delle Svalbard.

Ciò include anche i diritti dei pescatori della zona, ha affermato Lund.

NRKLa Norwegian Public Broadcasting Corporation può ora dirci che molti pescherecci all’interno delle zone di allerta non hanno intenzione di andarsene.

Mappa: Google Earth / NotamMap / Barents Observer

“Per ora, rimaniamo dove siamo”, ha detto a NRK l’armatore Dag Jøsund. lui ha “Nokasa“, una nave che attualmente pesca a circa 100 miglia nautiche a sud di Bear Island.

Il NOTAM russo (Avviso agli aviatori) e gli avvertimenti ai caricatori coprono due vaste aree nelle importanti zone di pesca del Mare di Barents a nord ea sud dell’Isola dell’Orso. A partire da domenica mattina, ci sono ancora molti pescherecci all’interno delle zone di allerta, ha detto MarineTraffic.com.

Nave della guardia costiera norvegeseK/V BergenAnche in zona.

annuncio

La Guardia costiera norvegese ha una nave vicino all’isola di Beare questo fine settimana, che effettua ispezioni sulla pesca. Foto: Thomas Nielsen

NRK ha parlato con diversi armatori che hanno negato di andarsene.

Kjell-Gunnar Hoddevik è l’amministratore delegato di Atlantic Seafish, una società proprietaria del peschereccio.atlanticoche attualmente pesca a circa 115 miglia nautiche a nord di Bear Island, all’interno dell’area di allerta.

READ  Il capo dei vigili del fuoco dell'Iowa afferma che 1 persona è stata salvata durante la notte dal crollo di un edificio a Davenport - World News

Lui dice NRK Stanno “valutando costantemente la situazione con l’equipaggio e il capitano in plancia. Per il momento la nave non partirà”.

“Questo va oltre ciò che è accettabile, ci vorrà molto per lasciare le regioni”, afferma Hoddevik.

Trova inaccettabile che le autorità militari russe pensino di poter chiudere le zone di pesca ai pescatori norvegesi.

Il capo dell’organizzazione di interessi per i proprietari di pescherecci norvegesi, Odon Mark, afferma che le conseguenze negative poste dalle esercitazioni militari russe vengono spesso discusse con le autorità di Oslo.

“È molto speciale per un paese che ha attaccato un paese vicino condurre esercitazioni militari nelle acque norvegesi. Non dovrebbero avere questa possibilità”, dice Mark a NRK.

L’attuale situazione nel Mare di Barents potrebbe svilupparsi sulla falsariga di quanto accaduto nel Mare d’Irlanda nel 2022, quando i pescatori locali navigarono verso un’area in cui la Russia disse che avrebbe condotto sparatorie navali.

Le proteste hanno spinto Mosca a cambiare i suoi piani e spostare lo sport al di fuori della zona economica esclusiva dell’Irlanda.

Gli avvisi NOTAM della Russia nel Mare di Barents scadono la sera del 15 agosto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *