Il mondo arabo parla ad alta voce dell’uccisione della famiglia di un giornalista di Al Jazeera Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Il mondo arabo parla ad alta voce dell’uccisione della famiglia di un giornalista di Al Jazeera  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Mohammed Hussein è rimasto incollato allo schermo televisivo nelle ultime settimane, osservando la devastazione di Gaza causata dagli attacchi aerei israeliani. Mercoledì, quando un attacco aereo israeliano uccise la famiglia del capo dell’ufficio di Gaza di Al Jazeera, Wael Dahdouh, Hussein osservò lo svolgersi della storia.

“È un crimine”, ha detto il tassista quarantacinquenne, mentre giocherellava con un rosario con la mano sinistra mentre era seduto su una strada trafficata a Beirut. “[And a violation] per i diritti umani.”

Mercoledì è circolata la notizia che la famiglia Dahdouh era stata uccisa in un bombardamento nel sud di Gaza. La sua famiglia è fuggita dal nord di Gaza al sud su consiglio israeliano ma è stata comunque uccisa.

Al-Dahdouh ha perso la moglie, la figlia, il nipote e il figlio quindicenne che voleva seguire le sue orme nel campo del giornalismo. Sono tra le oltre 7.000 persone uccise – 3.000 delle quali bambini – a Gaza dall’inizio delle ostilità. Le foto di Dahdouh che entra all’obitorio e conosce i suoi familiari sono state ampiamente diffuse su Al Jazeera Arabic.

Maan Al-Haj Ali, un giornalista che lavora per l’agenzia di stampa palestinese Wafa, ha dichiarato: “È stata una notizia scioccante”. “come se [he] “Era un membro della famiglia. È come se qualcuno molto vicino a te si fosse rotto di fronte.”

“Cercano vendetta attraverso i tuoi figli.”

Per gli abitanti di Gaza, la presenza di Al Dahdouh sugli schermi è stata una costante negli ultimi anni. Molti nei media hanno elogiato il suo lavoro ed hanno espresso tristezza per il fatto che un uomo abituato a nascondere le tragedie degli altri ora debba affrontare le proprie.

READ  Domenica la prima casa bianca del presidente degli Stati Uniti Joe Biden

Muhammad R. ha detto: Mahawish, giornalista e scrittore palestinese con sede a Gaza, ha detto ad Al Jazeera: “Come giornalista e scrittore, Wael è un faro di reportage coraggiosi e giornalismo autentico”. “Stavo ascoltando la trasmissione in diretta quando ha saputo che i suoi familiari erano stati uccisi. “Sono rimasto scioccato quando l’ho visto crollare sullo schermo.”

L’attacco è avvenuto appena due settimane dopo il segretario di Stato americano Anthony Blinken Ha detto Ho chiesto all’emiro del Qatar di attenuare i toni della copertura di Al Jazeera Arabic sulla guerra a Gaza. Quando ha visto la sua famiglia morta, Al-Dahdouh si è registrato detto“Cercano vendetta attraverso i nostri figli”.

Il corrispondente di Al Jazeera Wael Dahdouh al funerale dei membri della sua famiglia uccisi in un attacco israeliano [Atia Darwish/Al Jazeera]

Ahmed Al-Yazal, uno studente di comunicazione di massa e media a Gaza, ha detto: “L’attacco non è solo contro Wael e la sua famiglia, ma contro l’intero popolo di Gaza”. “Israele sta cercando di mettere a tacere la voce di Wael e di ogni palestinese che cerca di raccontare la realtà della vita sotto occupazione e guerra. Ma non ci riuscirà, anche se perdiamo i nostri cari lungo la strada.

“Perché prendono di mira i giornalisti?”

La notizia si è diffusa a macchia d’olio sui social. Gli utenti hanno condiviso le foto di un Dahdouh sconvolto o una clip del presentatore che presenta la notizia sul punto di crollare in lacrime.

“Il mio account Instagram è pieno di persone che lo condividono da ieri”, ha detto ad Al Jazeera Aya Muhanna, 38 anni, una psichiatra libanese che ora vive a Istanbul. Muhanna ha detto di aver conosciuto Dahdouh attraverso i suoi reportage e ha espresso il suo rammarico per il fatto che il giornalista fosse diventato notizia. “Mi ha spezzato il cuore.”

READ  Gli incendi provocati dal vento in California sul Big Sur costringono centinaia di persone a fuggire dall'area

Anche chi non conosceva il suo nome prima di mercoledì ha detto che la storia era sulla bocca di tutti. Abdul Rahman Bashar Itani sedeva fuori dal suo negozio a Beirut accanto ad altri due uomini. “Guardo tutti i canali”, ha detto il novantenne. “Non ho guardato il telegiornale ma tutti ne parlano.”

Itani ha parlato anche di Issam Abdullah, il giornalista libanese della Reuters ucciso nel sud del Libano il 13 ottobre. Ha detto: “Il santuario”. “Perché prendono di mira i giornalisti?”

almeno 24 giornalisti Nell’ultima tornata di ostilità sono stati uccisi 20 palestinesi, tre israeliani e Abdullah il libanese.

Il corrispondente di Al Jazeera Wael Dahdouh piange il corpo di un membro della sua famiglia martirizzato nel bombardamento israeliano del campo di Nuseirat, presso l’ospedale Al-Aqsa a Deir al-Balah, a sud della Striscia di Gaza. [Majdi Fathi/AFP]

In Cisgiordania, i palestinesi si sono abituati alla presenza di Al-Dahdouh e ai resoconti dell’occupazione decennale della Palestina e del genocidio del suo popolo. Rispetto e simpatia si riversarono mentre si riprendeva dall’uccisione della sua famiglia da parte di Israele nel sud di Gaza.

“È una vergogna per le persone che… vedono i nostri bambini, donne e anziani uccisi mentre sono seduti [by]Ha detto Ali, un giornalista dell’agenzia Wafa.

“Come se i bambini della Palestina non avessero valore”

Mentre gli occhi del mondo sono puntati su Gaza, anche la Siria continua a subire attacchi aerei, anche se provenienti dalla Russia. Tuttavia, molti in Siria sono rimasti colpiti dalla notizia e hanno dedicato un minuto per esprimere la loro solidarietà.

Othman Al-Khader, avvocato e attivista della rivoluzione siriana, afferma: “Il dolore e la tristezza che ha provato Wael, lo abbiamo provato tutti, nonostante la nostra distanza da lui”. “Wael si è rifiutato di fare altro che darci una lezione di pazienza e coraggio.”

Il giornalista siriano Hanin al-Sayyid, di Idlib, ha affermato che l’attacco israeliano alla famiglia Dahdouh ha ricordato l’uccisione di un altro giornalista palestinese l’anno scorso.

READ  Wisconsin, dicono i genitori, l'atleta mobile fa male alle ragazze in pratica

Al-Sayed ha detto: “Mi ricorda spesso Sherine Abu Okla, che Dio abbia pietà di lei”. Ha aggiunto che lei era “la voce della verità uccisa dall’esercito israeliano, che continua a uccidere bambini e donne davanti agli occhi del mondo”.

Mercoledì il mondo ha potuto vedere chiaramente il dolore di Al-Dahdouh. Molti in tutta la regione hanno condannato gli assalti e gli attacchi in corso contro i civili e il crescente numero di vittime a cui non si vede una fine immediata.

“Nessuno offre nulla per aiutare”, ha detto Ali. “Come se i bambini della Palestina e il popolo palestinese non avessero alcun valore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *