SpaceX ha sospeso i lanci dei suoi satelliti Starlink di nuova generazione: Spaceflight Now

SpaceX ha sospeso i lanci dei suoi satelliti Starlink di nuova generazione: Spaceflight Now
Confronto fianco a fianco dei satelliti Starlink V1.5 e Starlink V2 Mini. Credito: SpaceX / Spaceflight Now

Le prossime due missioni di SpaceX torneranno a lanciare versioni precedenti dei satelliti Internet Starlink dell’azienda, piuttosto che nuove piattaforme Starlink di seconda generazione come originariamente pianificato, mentre i team di terra risolvono problemi non specificati con il primo lotto di Starlink aggiornati lanciato a febbraio. .

Ciascuno dei prossimi due lanci Falcon 9 di SpaceX trasporterà in orbita più di 50 satelliti Internet Starlink, a partire dal decollo programmato del razzo Falcon 9 dalla Cape Canaveral Space Force Station alle 11:33 EDT (1533 UTC) di venerdì. Un altro lancio del Falcon 9 da Cape Canaveral è provvisoriamente programmato per mercoledì prossimo, 29 marzo, alle 9:27 circa EDT (1327 UTC).

Entrambe le versioni erano originariamente programmate per essere lanciate da lotti di più satelliti Starlink aggiornati da SpaceX. SpaceX ha affermato che i mini satelliti Starlink V2 di seconda generazione sono dotati di antenne phased array migliorate e hanno quattro volte la capacità di comunicazione delle precedenti generazioni di satelliti Starlink, nota come versione 1.5.

Il primo gruppo di 21 satelliti Starlink V2 Mini è stato lanciato il 27 febbraio su un razzo Falcon 9, che ha lanciato il veicolo spaziale in orbita a un’altitudine di circa 230 miglia (370 chilometri). I dati orbitali pubblicamente disponibili hanno mostrato che i satelliti hanno alzato l’altitudine a circa 240 miglia (circa 380 chilometri), ma il veicolo spaziale ha iniziato la sua graduale discesa a metà marzo.

I satelliti Starlink in genere attivano i loro propulsori per iniziare a manovrare dalla loro orbita iniziale, dove vengono schierati da un razzo Falcon 9, ad altitudini operative più elevate di oltre 300 miglia sopra la Terra. La pausa nell’eccitazione orbitale ha sollevato interrogativi tra alcuni osservatori sullo stato dei nuovi satelliti Starlink V2 Mini.

“Molte nuove tecnologie in Starlink V2, quindi stiamo riscontrando alcuni problemi, come previsto”, ha twittato Musk mercoledì. Ha aggiunto che alcuni Starlink V2 Mini potrebbero essere deorbitati, mentre altri sarebbero stati “rigorosamente testati” prima di salire sopra l’altezza della Stazione Spaziale Internazionale, che vola a 260 miglia (420 chilometri) di altezza.

READ  E3 2021 Indie Show: da Airborne Kingdom e Coromon a Cat Cafe Manager e Slaughter League, è tutta una questione di Freedom Games

Il Falcon 9 è stato lanciato venerdì e 29 marzo. Inizialmente doveva trasportare i satelliti Starlink V2 Mini aggiornati, ma SpaceX ha sostituito le costellazioni di satelliti di seconda generazione con le costellazioni Starlink V1.5 più vecchie. SpaceX non ha confermato se i problemi con i primi 21 piccoli satelliti Starlink V2 siano stati la ragione dello scambio di carico utile nelle successive due missioni Falcon 9.

Il lancio di venerdì è designato Starlink 5-5 nella sequenza di lancio di SpaceX e la missione fissata per il 29 marzo si chiama Starlink 5-10. I lanci forniranno gruppi di satelliti di vecchio design in orbite che fanno parte della costellazione Starlink di seconda generazione, o Gen2, che alla fine alimenteranno principalmente i satelliti Starlink V2 Mini e una piattaforma di veicoli spaziali più grande chiamata Starlink V2-sized spacecraft su cui per lanciare l’enorme futuro booster Super Heavy e il missile Starship.

L’astronave ha quasi 10 volte la capacità di carico utile di un razzo Falcon 9, con anche dimensioni maggiori del satellite.

Una vista di un satellite Starlink V2 Mini catturato da un sensore su un veicolo spaziale di imaging asferico di satelliti in orbita, che mostra i pannelli solari del veicolo spaziale Starlink estesi. Credito: HEO Robotics/Satellogic

I satelliti Starlink V2 saranno in grado di trasmettere segnali direttamente ai telefoni cellulari, un passo avanti nella comunicazione dallo spazio che anche altre aziende stanno cercando. I satelliti V2 Mini offrono una banda E per le connessioni di backhaul con le stazioni gateway.

“Ciò significa che Starlink può fornire più larghezza di banda aumentando l’affidabilità e connettendo milioni di persone in tutto il mondo a Internet ad alta velocità”, ha affermato SpaceX prima del primo lancio dei satelliti Starlink V2 Mini il mese scorso.

Un’altra modifica al design dello Starlink V2 Mini Enhanced Satellite riguarda il sistema di propulsione. I nuovi satelliti sono azionati da un sistema di propulsione elettrica alimentato ad argon, che è in grado di produrre 2,4 volte la spinta con 1,5 volte la spinta specifica, o efficienza del carburante, delle spinte ioniche alimentate a krypton sulla prima generazione di satelliti Starlink.

READ  Eternal Diablo Clans - Come unirsi e creare clan

Ogni satellite Starlink V2 Mini pesa circa 1.760 libbre (800 kg) al momento del lancio, quasi tre volte più pesante dei vecchi satelliti Starlink. È anche più grande, con una fusoliera del veicolo spaziale larga più di 13 piedi (4,1 metri) e che riempie più carico utile per un razzo Falcon 9 durante il lancio, secondo i documenti normativi della Federal Communications Commission.

La piattaforma satellitare più grande e più pesante significa che il razzo Falcon 9 può lanciare solo circa 21 carichi utili Starlink V2 Mini alla volta, rispetto a più di 50 Starlink V1.5 in un singolo lancio di Falcon 9.

I pannelli solari dispiegabili su ciascun satellite Starlink V2 Mini si estendono per 30 metri da un capo all’altro. Ciascuno dei satelliti Starlink V1.5 della generazione precedente ha una singola ala di array solare, con ogni veicolo spaziale che misura circa 36 piedi (11 metri) da un capo all’altro una volta che il pannello solare è esteso.

I miglioramenti conferiscono ai satelliti Starlink V2 Mini una superficie totale di 1.248 piedi quadrati, o 116 metri quadrati, più di quattro volte l’area di un satellite Starlink V1.5.

La FCC ha concesso a SpaceX l’approvazione il 1° dicembre per lanciare fino a 7.500 delle 29.988 costellazioni Starlink Gen2 pianificate, che saranno dispiegate in orbite leggermente diverse rispetto alla flotta Starlink originale. L’agenzia di regolamentazione ha ritardato una decisione sui restanti satelliti SpaceX di seconda generazione proposti.

SpaceX ha iniziato a lanciare i satelliti Starlink V1.5 di vecchia generazione nella costellazione Gen2 il 28 dicembre.

La FCC ha precedentemente autorizzato SpaceX a lanciare e gestire fino a 12.000 satelliti Starlink, inclusi circa 4.400 satelliti Starlink in banda Ka e Ku ​​di prima generazione che SpaceX ha lanciato dal 2019.

I satelliti Gen2 possono migliorare la copertura di Starlink a basse latitudini e contribuire ad alleviare la pressione sulla rete a causa della maggiore diffusione da parte dei consumatori. SpaceX afferma che la rete ha oltre 1 milione di abbonati attivi, la maggior parte dei quali risiede in aree in cui la connettività in fibra tradizionale non è disponibile, inaffidabile o costosa.

READ  Apple risponde alle segnalazioni di ladri che bloccano permanentemente gli utenti di iPhone

Il veicolo spaziale Starlink trasmette segnali Internet a banda larga ai consumatori di tutto il mondo e il mezzo di comunicazione è ora disponibile in tutti e sette i continenti.

Secondo Jonathan McDowell, astrofisico ed esperto nel monitoraggio delle attività di volo spaziale, SpaceX ha lanciato più di 4.100 satelliti Starlink fino ad oggi e più di 3.800 veicoli spaziali sono attualmente in orbita. Il resto erano prototipi, veicoli spaziali falliti o satelliti a cui era stato deliberatamente ordinato di rientrare nell’atmosfera e bruciare.

Il vicepresidente delle vendite commerciali di SpaceX, Jonathan Hoefler, ha dichiarato all’inizio di questo mese che la società produce circa sei satelliti al giorno nello stabilimento Starlink vicino a Seattle.

SpaceX ha testato un razzo Falcon 9 per la missione Starlink 5-5 a Cape Canaveral giovedì mattina, il giorno prima del suo lancio programmato. Credito: Spaceflight Now

SpaceX ha testato il razzo Falcon 9 che lancerà i prossimi 56 satelliti Starlink alle 9:00 EDT (1300 UTC) giovedì sul Pad 40 a Cape Canaveral. Dopo aver esaminato i dati, venerdì mattina gli ingegneri avrebbero dovuto dare il via libera ai preparativi finali per il lancio. SpaceX ha tre opportunità di lancio per la missione Starlink 5-5 alle 11:33, 13:14 e 14:55 EST di venerdì.

I meteorologi del 45° squadrone meteorologico della US Space Force prevedono una probabilità superiore al 95% di condizioni meteorologiche favorevoli per il decollo venerdì.

Il razzo Falcon 9 impiegherà poco più di un’ora per dispiegare i 56 satelliti Starlink nella loro orbita bersaglio, dopo due accensioni da parte del motore dello stadio superiore del veicolo di lancio. Volando per la decima volta, il primo stadio del Falcon 9 dovrebbe atterrare su una nave drone nel nord-est delle Bahamas circa otto minuti e mezzo dopo il lancio.

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: @dipendente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *