Scott Hall, alleato di Trump accusato nel caso delle elezioni in Georgia, si dichiara colpevole | Novità su Donald Trump

Scott Hall, alleato di Trump accusato nel caso delle elezioni in Georgia, si dichiara colpevole |  Novità su Donald Trump

Hall, un assicuratore di obbligazioni della Georgia, è stato accusato di aver partecipato a un tentativo di rimuovere e manomettere l’attrezzatura elettorale.

Scott Hall, uno dei 19 imputati nel caso di interferenza elettorale in Georgia, si è dichiarato colpevole di cinque accuse di crimini come parte di un accordo con i pubblici ministeri della contea di Fulton negli Stati Uniti.

Diventa il primo a dichiararsi colpevole in un caso di ampio respiro, secondo cui l’ex presidente Donald Trump e i suoi alleati sarebbero stati coinvolti in una “impresa criminale” per ribaltare i risultati della corsa presidenziale del 2020.

Scott Hall fu tra i primi dei 19 imputati ad arrendersi alle autorità della contea di Fulton il 22 agosto. [Fulton County Sheriff’s Office/AP Photo]

Come parte dell’accordo, Hall ha accettato di testimoniare in procedimenti futuri. Ha ricevuto cinque anni di libertà vigilata e una multa di 5.000 dollari in cambio di essersi dichiarato colpevole di cinque reati minori di cospirazione per commettere interferenze intenzionali con lo svolgimento delle funzioni elettorali.

Hall, un garante della cauzione della Georgia, è stato anche uno dei primi ad arrendersi alle autorità della contea di Fulton in agosto, quando i 19 imputati avevano una scadenza per costituirsi.

Inizialmente era stato accusato di sette reati – tra cui associazione a delinquere per frodare lo Stato, furto di computer e possesso illegale di schede elettorali – basati sull’accusa di aver contribuito ad hackerare apparecchiature elettorali nella contea rurale di Coffee County, in Georgia, nel tentativo fallito di dimostrare le false accuse di frode elettorale di Trump. .

Trump, un repubblicano, sostiene da tempo, senza prove, che le elezioni del 2020 gli sono state “rubate”. Il suo rivale democratico, l’attuale presidente Joe Biden, ha vinto per poco Stati chiave indecisi come la Georgia, che successivamente lo hanno spinto alla Casa Bianca.

READ  I canadesi che visitano l'Europa avranno presto bisogno di un permesso, non di un visto. Cosa sai - la mia patria

Ma nelle settimane successive alle elezioni del 2020, i pubblici ministeri della Georgia hanno affermato che Trump e i suoi sostenitori “si sono uniti consapevolmente e intenzionalmente a una cospirazione per cambiare illegalmente l’esito delle elezioni” nello stato.

Trump e i suoi migliori alleati come l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani e l’ex capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows erano tra i 19 imputati alla fine nominati nell’atto d’accusa – la quarta serie di accuse penali che l’ex presidente deve affrontare.

Si è trattato anche del secondo caso riguardante accuse di interferenza elettorale: un atto d’accusa federale è stato presentato a Washington, DC, poco prima che le accuse a livello statale fossero annunciate in Georgia. Trump ha negato qualsiasi illecito nei quattro casi.

I pubblici ministeri stanno perseguendo i 19 imputati con l’accusa di aver violato la legge RICO (Racketeer Influenced and Corrupt Organizations), una legge spesso utilizzata contro la criminalità organizzata e i membri delle bande criminali. Consente ai pubblici ministeri di accusare più partecipanti di crimini distinti che condividono lo stesso obiettivo finale.

Hall è considerato un attore minore in questa presunta cospirazione. L’accusa della Georgia afferma che Hall “stava facendo ricerche sulle elezioni per conto del presidente su richiesta di David Bossie”, un attivista conservatore e alleato di Trump.

Questi sforzi avrebbero preso una svolta criminale il 7 gennaio 2021, appena un giorno dopo che i sostenitori di Trump avevano preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti nel tentativo di interrompere la certificazione dei risultati delle elezioni del 2020.

Hall, che aveva legami con il Partito repubblicano statale, stava cercando prove di frode elettorale per sostenere le affermazioni di Trump, secondo i pubblici ministeri. Ha volato dalla contea di DeKalb alla contea di Coffee, dove i funzionari locali – anch’essi accusati nell’atto d’accusa – gli hanno permesso di accedere al consiglio elettorale della contea di Coffee e all’ufficio del registratore.

READ  Papa Francesco sta permettendo alle donne di votare per la prima volta alla prossima assemblea dei vescovi

I pubblici ministeri hanno affermato che i dipendenti assunti dalla società di dati Sullivan Strickler si sono uniti a lui in ufficio e hanno copiato dati da materiali elettorali sensibili, inclusi scanner elettorali e dischi rigidi.

In una registrazione telefonica archiviata in un caso giudiziario separato, si può sentire Hall dire: “Sono il ragazzo che ha noleggiato l’aereo per andare a Coffee County, così possono esaminare tutti quei computer”.

I lavoratori “hanno ripulito tutta l’attrezzatura, hanno fotografato tutti i dischi rigidi” e hanno preso copie delle schede elettorali per corrispondenza e di persona, spiega Hall.

“Sono andato laggiù”, ha detto. “Abbiamo scansionato ogni scheda elettorale stravagante.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *