Rugby a sei nazioni | Elisa Giordano: il supereroe italiano, dentro e fuori dal campo

Ma mentre si avvicina al suo ritorno a giocare al fianco dei suoi compagni di squadra dell’Azzurre al Campionato Femminile Sei Nazioni 2021, la 30enne si sta godendo l’opportunità di praticare di nuovo lo sport che ama.

Il supereroe dentro e fuori dal campo, il vogatore posteriore – soprannominato Polipo (Octopus) perché cattura tutto – agisce come un handler professionista quando non è in sala macchine e si schianta e offre una grande maneggevolezza.

Tutto quello che c’è da sapere prima del secondo round del Campionato Femminile Sei Nazioni

Tale è il suo posto nel rugby italiano sin dal suo debutto un decennio fa, anche se Giordano è stata nominata capitano al posto dell’infortunata Manuela Forlan al torneo dello scorso anno.

Tuttavia, nonostante la sua gratitudine per l’opportunità, Giordano è stata più che felice di cedere il ruolo ancora una volta a Forlan mentre spostava la sua attenzione per conciliare le sue solite responsabilità.

“Sono un terapista occupazionale”. Ha detto Giordano, una delle sei giocatrici dell’attuale campagna “Supereroi” del Campionato femminile Sei Nazioni, non è facile farlo e il rugby. “In effetti, lavorando tutto il giorno, qualunque sia il mio lavoro, non solo il mio lavoro, è difficile soddisfare i requisiti matematici.

“Ma finché posso continuare a farlo, lo farò. Devo dare la priorità alla mia vita futura, per quanto amo il rugby. In Francia e in altri paesi il lavoro è più popolare che in Italia.

READ  Andy Murray salta la Coppa Davis dopo aver perso contro Alexander Zverev a Indian Wells

“Aveva bisogno di guidare la squadra in termini di responsabilità. Sul campo non ho cambiato il mio ruolo rispetto a quello che facevo, ma mi sono messo sotto pressione.

Il Six Nations Women’s Championship introduce la tecnologia della palla intelligente per il torneo 2021

“Penso che cosa succede quando qualcuno è un leader, non significa che deve essere il leader, perché guidare è del tutto normale, stavo già guidando la lista per esempio.

“Ma quando ottieni una missione del genere, crea un’aspettativa in più, che potresti mettere sulle tue spalle. È stata una grande esperienza ma sono contento che Manuela sia tornata”.

L’Italia si è seduta nel fine settimana di apertura del Campionato Femminile Sei Nazioni di quest’anno e ha guardato le gare del Gruppo A mentre l’Inghilterra ha sconfitto la Scozia 52-10 nella partita di apertura del torneo.

Giordano e le sue compagne lavoreranno ora per battere le probabilità contro i campioni in carica a Parma in quella che sarà la loro prima partita insieme dal novembre dello scorso anno.

Quella partita si è conclusa con la vittoria per 54-0 dell’Inghilterra sul Grande Slam, ma qualunque sia il risultato di sabato, Giordano è grato di poter giocare di nuovo a rugby.

“E ‘stato molto buono”, ha detto dei preparativi. “Dal momento che non siamo sempre insieme, ci vuole del tempo per prepararsi al ritmo, ma quando riprendiamo quella fiducia, le cose iniziano a emergere.

Spero che questo sia abbastanza tempo per te per arrivare alla stessa pagina. Ho visto la partita dell’Inghilterra, come sempre, erano molto forti e molto fisici. La prima cosa che ho escluso è stata che avremmo dovuto fare i conti con il basso profilo.

READ  Alexis Sanchez si sente "intrappolato" nel suo influente ruolo alternativo all'Inter dopo la Supercoppa

Anteprima del Round 2 Women’s Rugby Fantasy dal Campionato Sei Nazioni

“Per il resto, per quanto riguarda la partita, dobbiamo fare quello che sappiamo fare. Potremmo non essere all’altezza, almeno fisicamente, ma dobbiamo dare tutto quello che abbiamo per fare una buona partita.

“Sono così felice di poter riprendere fiato per tutti gli sforzi che sono stati messi in campo. Compresi gli sforzi dei club, i miei colleghi che hanno aiutato con le sessioni di allenamento per aiutarci a prepararci.

“Siamo gli unici che possono giocare in questo momento, quindi li ringraziamo. Sono davvero felice di poter giocare. È la prima partita nel 2021. Abbiamo giocato a novembre e questa sarà la prima partita per tutti. noi.”

Elisa Giordano

“Ci sono solo ragazze in Francia che hanno giocato, ma noi siamo in Italia, questa sarà la nostra prima partita. In termini di tempo di gioco, è dura perché per quanto ti alleni, non è la stessa cosa.

“In mente, dobbiamo solo fare un po ‘per recuperare i minuti che perdiamo. È dura, soprattutto contro l’Inghilterra, che è in ottima forma fisica, ma è un punto di partenza per il 2021 e tutto il resto”.

Giordano ha giocato 43 partite internazionali per il suo paese e come una delle giocatrici più esperte della squadra italiana, spera di poter aiutare a guidare una nuova generazione di giocatori per avere successo in futuro.

Forlan guida l’Italia dall’esterno contro l’Inghilterra

Ha detto: “Molte persone sono cambiate da quando ero dalla parte”. “Abbiamo una generazione di giocatori molto forte, molti giovani e io sono uno di quelli vecchi, il che è vero.

READ  Italia - Irlanda del Nord 2-0: Ian Paraclov insiste che i giocatori dovrebbero approfittare della sconfitta del Parma

“Abbiamo un progetto per preparare il Mondiale e gli anni a venire. Le nuove ragazze sono entrate e si fondono bene. Portano molto alla squadra”.

“Stiamo costruendo una squadra come le migliori panchine, che quando convocate sono allo stesso livello di quelle che iniziano la partita. Quindi, sono davvero contento di come si è formata la squadra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.