Reinventare il Natale in Italia – Eternity News

Reinventare il Natale in Italia – Eternity News

Jess e Simon Cowell servono Dio con la CMS (Church Missionary Society) a Bari, in Italia, testimoniando Gesù con gli studenti universitari e sostenendo la loro chiesa locale.

A Bari inizia un’altra giornata di dicembre. Non fa freddo, ma fa decisamente freddo. Presto vivremo in Italia per sette anni, quindi i freddi mesi di dicembre non sono una novità adesso. La nostra figlia più piccola, Sophia, sta dipingendo in soggiorno con la nostra amica di chiesa, Stefania. Stefania fa da babysitter una mattina nei giorni feriali, il che è di grande aiuto, soprattutto per me per poter fare quello che devo fare! Chiacchierano e ridono, Stefania parla a Sofia in italiano, mentre Sofia risponde in modo piatto in inglese.

Natale in Italia

Io e Simon ci siamo incontrati per discutere degli impegni e dei preparativi per le ultime due settimane prima delle vacanze. Ma stiamo parlando di eventi natalizi e servizi di canti natalizi? Non reale! L’Italia rimane un paese molto cattolico: ben il 74,5% della popolazione risponde ancora così quando viene chiesto a riguardo, anche se non molto tempo fa la percentuale superava il 90% (una percentuale più alta nel sud, dove viviamo). Di conseguenza, la maggior parte delle piccolissime chiese evangeliche in Italia storicamente non hanno celebrato il Natale (o la Pasqua), come un modo per distinguersi da quella che vedono come una festa cattolica che ha perso qualsiasi significato reale o focalizzazione su Gesù. (Potrei scrivere un intero articolo riflettendo su questo, ma non è quello che mi viene chiesto di fare in questo momento!) Ciò significa che non siamo particolarmente impegnati in questo periodo dell’anno. Non è la fine dell’anno scolastico, quindi è solo il momento di attendere con ansia la prima pausa dalla scuola da quando è iniziata a metà settembre. Anche se ci saranno pagine e pagine di compiti per le vacanze per i nostri due figli più grandi (7 e 9).

READ  Giorgio Ortolani e Vittorio Bonori si uniscono alla Italian Bain Partnership
Abbiamo lavorato con gli studenti

Allora, cosa c’è all’ordine del giorno oggi? Infatti, abbiamo alcuni eventi per concludere le cose con i nostri studenti prima della pausa invernale. Lavoriamo con i GBU, i gruppi biblici dell’università, e ringraziamo Dio per il grande gruppo di studenti cristiani che hanno partecipato agli studi biblici settimanali durante il primo semestre, così come per alcuni amici non credenti che sono venuti per investigare. Siamo ansiosi di concludere bene le cose! Questo è stato anche il mio primo semestre in cui mi sono assunto la responsabilità della gestione del nostro gruppo locale, quindi ho avuto alcuni incontri con i nostri leader studenteschi per verificare come stanno andando e celebrare ciò che Dio ha fatto tra noi negli ultimi mesi. Due settimane fa abbiamo accolto più di 20 amici non cristiani a un evento che abbiamo organizzato con un discorso evangelistico sulla nostra identità in Cristo. Abbiamo molto di cui essere grati.

È successo con un discorso missionario a Bari.

Natale rivisitato

Sto anche preparando un discorso per un evento femminile domenica prossima. Se guardi il volantino, la parola “Natale” è notevolmente assente, ma sembra molto festosa. Spero che questa sia una buona opportunità per riunirci come donne della nostra chiesa e invitare anche alcune amiche che poi ascolteranno il messaggio del Vangelo. Quest’anno parlerò della “sorpresa” dell’Incarnazione e ci sfiderò a non vedere il Natale solo come una celebrazione per i bambini – qualcosa su cui ho sentito la maggior parte dei genitori a scuola concordare nelle ultime settimane. Ad esempio: “Spero solo che non si ammalino a Natale, dopotutto facciamo tutto per loro!” E le differenze che ne derivano.

READ  Oltre 100.000 firmano una petizione per la finale di Euro 2020 Inghilterra-Italia da rigiocare
Festeggiamo con la nostra famiglia

Come famiglia, ci piace davvero guardare il calendario dei nomi dell’Avvento di dicembre. Quest’anno ho notato che possiamo chiedere ai nostri figli di più su ciò che capiscono mentre girano ogni nome, giorno dopo giorno. Ad esempio, cosa significa che Gesù è il nostro “Redentore”? (Ho sfruttato questo momento anche per presentare loro la versione di Keith Green di “There’s a Savior”, che conoscono solo in italiano perché la cantiamo regolarmente nella nostra chiesa di Bari.) È emozionante poter condividere più profondamente l’importanza del carattere di Gesù con i nostri figli man mano che crescono.

Quest’anno avremo la visita di un membro della famiglia per Natale. Mi ricorda quanto fossero diverse le cose dai nostri ultimi tre anni di servizio in Italia, durante e immediatamente dopo la pandemia. Sono così grato a Dio per il modo in cui ci ha aiutato in quegli anni molto difficili e di isolamento, e per la gioia che ci ha dato in questo momento presente. È bello anche ricordare e contemplare la gioia di stare insieme quando ricordiamo la nascita di Gesù Cristo, Emmanuele, Dio con noi!

Come molti australiani, penso anche al cibo che potremmo mangiare per festeggiare. Ogni anno sembra che continuiamo a “inventare” come appare il Natale per noi nel nostro contesto molto diverso. Non ci sono né manghi né angurie, ma le luci di Natale brillano nel buio solo alle 16:30, e la vigilia di Natale significa un ‘aperitivo’ con gli amici (e di solito una grande festa di mezzanotte, ma questa famiglia australiana con bambini piccoli non lo farà (Presenza… non ancora comunque!).

READ  Uno sguardo aggiornato alla potenziale squadra dell'anno 2023 della Ryder Cup europea

Buon compleanno! Non dimentichiamo quanto è meraviglioso che Dio sia con noi.

Invia questa storia tramite e-mail

Perché non inoltrarlo a un amico?

Coinvolto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *