Questo vecchio episodio rubato è tornato a casa dopo un viaggio

Uno scienziato ungherese vincitore del premio Nobel ha trovato un anello d’oro risalente a più di 3000 anni fa, rubato da un’isola dell’Egeo durante la seconda guerra mondiale, attraverso l’Atlantico, ed è finito in un museo svedese. In Grecia.

È stato l’ultimo di una serie di colpi di stato delle autorità greche che cercavano di recuperare le opere saccheggiate dal paese ricco di antichità, anche se un tentativo iniziale del Museo Svedese di restituire l’anello sembra essere caduto nelle crepe della burocrazia degli anni ’70.

Il Ministero della Cultura greco ha dichiarato venerdì che l’opera d’oro micenea di Rodi, adornata con due statue di due sfingi, è stata volontariamente restituita da funzionari svedesi che hanno fornito piena assistenza nel documentare il manufatto e la sua provenienza.

Esperti greci hanno confermato l’identificazione e Vidar Helgessen, direttore esecutivo della Fondazione Nobel, ha consegnato il pezzo a Stoccolma, che era stato ereditato dal biofisico ungherese inanellato.

La fondazione, che presenta premi annuali per risultati eccezionali in molti campi, è stata assegnata al Museo di Archeologia del Mediterraneo e del Vicino Oriente di Stoccolma.

Il ministro della Cultura greca Lina Mendoni ha ringraziato la Fondazione Nobel e le autorità svedesi per il rimpatrio, dicendo che “mostra il loro rispetto per la Grecia moderna e i nostri sforzi in corso per combattere il traffico illegale di beni culturali”.

Trovato vicino alla città vecchia nel 1927

L’anello è stato scoperto nel 1927 da archeologi italiani nel cimitero miceneo vicino all’antica città di Ialyssos a Rodi. L’isola dell’Egeo sud-orientale era di proprietà dell’Italia fino a quando non fu incorporata alla Grecia dopo la seconda guerra mondiale.

READ  Hilaria Baldwin rilascia il biglietto per le vacanze in famiglia "Totally Imperfect" per il 2021

Il Ministero della Cultura e dello Sport ha affermato che l’anello è stato rubato da un museo di Rodi durante la guerra – con centinaia di altri gioielli e monete ancora mancanti – ed è emerso negli Stati Uniti.

Il Ministero della Cultura greco ha affermato che l’opera d’oro micenea proveniente da Rodi e decorata con due statue destinate alla Sfinge, è stata volontariamente restituita da funzionari svedesi che hanno fornito piena assistenza nel documentare il manufatto e la sua provenienza. (Henrik Montgomery/Agenzia di stampa TT/Reuters)

Fu portato negli Stati Uniti negli anni ’50 o ’60 da Georg von Becky, un biofisico e collezionista d’arte la cui collezione fu donata postuma alla Fondazione Nobel nel 1972 e da lì distribuita a diversi musei.

Non ci sono dubbi su dove appartenga l’anello, ha detto Helgesen della Fondazione Nobel.

“Per noi era chiaro che l’anello doveva essere restituito”, ha detto. “Questo manufatto ha un grande valore storico-culturale per la Grecia.”

Il ministero ha affermato che il Museo di Stoccolma ha inizialmente identificato l’anello di Ialysos nel 1975 e ha contattato le autorità greche.

“Ma è rimasta a Stoccolma per ragioni che non sono chiare dagli archivi esistenti”, afferma la dichiarazione di venerdì. L’opera d’arte sarà ora esposta in un museo a Rodi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.