Incolpare l’ex procuratore di Trump Ellis per le accuse di frode elettorale del 2020 | Notizie sulle elezioni americane 2020

Incolpare l’ex procuratore di Trump Ellis per le accuse di frode elettorale del 2020 |  Notizie sulle elezioni americane 2020

Jenna Ellis ammette di aver fatto “false dichiarazioni” relative al voto, che Trump e i suoi alleati hanno falsamente affermato essere “rubato”.

Un ex avvocato di Donald Trump è stato oggetto di critiche pubbliche per aver pubblicato “false dichiarazioni” sulle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, comprese le affermazioni secondo cui il team legale dell’ex presidente degli Stati Uniti potrebbe “provare” che il voto è stato truccato.

Mercoledì Jenna Ellis ha raggiunto un accordo con i funzionari disciplinari degli avvocati del Colorado, riconoscendo di aver fatto 10 di queste “false dichiarazioni” sulle elezioni nelle apparizioni televisive e su Twitter.

Le accuse sono arrivate mentre Trump e i suoi alleati cercavano di mettere in dubbio la sconfitta dell’ex presidente nel 2020 contro il presidente Joe Biden. Finora non è emersa alcuna prova che le elezioni siano state segnate da brogli diffusi.

Ellis e funzionari statali hanno convenuto che le sue dichiarazioni violano la regola del Colorado contro gli avvocati che si impegnano in comportamenti di “disonestà, frode, inganno o travisamento”, secondo l’opinione del giudice Brion Large, il giudice disciplinare statale.

Le osservazioni includevano un’affermazione fatta dalla conduttrice di Fox News Jeanine Pirro il 5 dicembre 2020, in cui Ellis affermava: “Abbiamo oltre 500.000 voti. [in Arizona] fatto illegalmente”.

Ha anche detto alla rete conservatrice Newsmax il 15 dicembre 2020 che Trump è il “vero e vero vincitore”.

READ  L'Ucraina ha detto che un secondo hotel e centro commerciale è stato colpito mentre la Russia ha lanciato missili ipersonici su Odessa

Il 20 novembre 2020, Ellis ha anche detto all’ex portavoce di Trump e conduttore di Newsmax Sean Spicer: “Con tutti quei paesi [Nevada, Michigan, Pennsylvania, Wisconsin, Georgia] Nel complesso, sappiamo che le elezioni sono state rubate al presidente Trump e possiamo dimostrarlo”.

La censura equivale a uno schiaffo pubblico, ma il consulente organizzativo dell’ufficio del procuratore generale del Colorado ha affermato che “rafforza il fatto che anche se si impegna nella retorica politica, esiste una linea che gli avvocati non possono oltrepassare”.

L’accordo di mercoledì ha rilevato che “con la sua condotta, [Ellis] Ha minato la fiducia del pubblico americano nelle elezioni presidenziali, violando il suo dovere di essere sincero con il pubblico”.

La dichiarazione affermava anche che aveva un “motivo egoistico” e “si era impegnata in uno schema di cattiva condotta”.

Da parte sua, Ellis ha definito la censura “politicamente motivata”. “Alla fine non sono riusciti a distruggermi e hanno fallito nel loro tentativo di privarmi della mia licenza di avvocato”, ha scritto su Twitter giovedì.

L’avvocato di Ellis, Michael Milito, ha anche affermato che il suo cliente “rimane un avvocato praticante in regola nello Stato del Colorado”. Ha aggiunto: “In un clima politico molto acceso, abbiamo ottenuto il risultato giusto”.

I membri del team legale di Trump, tra cui l’ex sindaco di New York City Rudy Giuliani (a sinistra) ed Ellis (al centro), partecipano a una conferenza stampa nel 2020 [File: Jacquelyn Martin/AP Photo]

Ellis è l’ultimo avvocato di Trump ad essere punito per aver diffuso disinformazione all’indomani delle elezioni del 2020, una campagna che secondo molti osservatori ha alimentato l’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti da parte dei sostenitori di Trump che cercavano di ribaltare i risultati delle elezioni.

Nove avvocati del Michigan sono stati condannati nel 2021 a pagare $ 175.000 di sanzioni per una finta causa che cercava di ribaltare un’elezione in quello stato in bilico.

READ  I conservatori chiedono al calcio canadese di annullare la partita in Iran

Nel frattempo, il consiglio disciplinare dell’Ordine degli avvocati del Distretto di Columbia a dicembre ha invitato l’alleato di Trump ed ex sindaco di New York City Rudolph Giuliani a sospendere la sua licenza legale per aver citato in giudizio una causa infondata che contestava la vittoria di Biden in Pennsylvania.

Giovedì, The 65 Project, un gruppo etico che ha presentato una denuncia all’ordine degli avvocati contro Ellis e altri avvocati che hanno diffuso disinformazione elettorale, ha criticato la durata del processo di supervisione.

“Francamente, sebbene sia un potente rimprovero, la censura pubblica non è una conclusione particolarmente soddisfacente data la linea diretta tra le azioni intenzionali della signora Ellis e l’attacco al Campidoglio della nostra nazione il 6 gennaio”, ha scritto l’organizzazione su Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *