Quattro membri della famiglia italiana sono stati uccisi mentre cercavano di salvarsi dai fumi di vino fermentato

Quattro membri della famiglia italiana vengono uccisi nel tentativo di salvarsi a vicenda dopo essere stati travolti dai fumi di una ciotola di vino fermentato

  • Giacomo e Valerio Scovano, 70 e 50, e Santino e Massimo Carnevale, 70 e 45, sono morti per aver inalato l’anidride carbonica rilasciata dalle uve fermentate.
  • I quattro sono morti uno ad uno mentre cercavano di salvarsi dai fumi
  • Le morti hanno scosso la tranquilla cittadina di Paola in Calabria, nel sud Italia, di appena 15.000 persone
  • Valerio Scovano stava vinificando agli arresti domiciliari dopo essere stato accusato di stalking


Quattro persone in Calabria, in Italia, sono morte sabato per aver inalato anidride carbonica dopo aver cercato di salvarsi a vicenda dai fumi del loro vino fatto in casa.

Due fratelli, Giacomo e Valerio Scuvano, 70 e 50 anni, e padre e figlio Santino e Massimo Carneval, 70 e 45 anni, sono morti per aver inalato gas da una ciotola di uva fermentata nel seminterrato della loro casa nel paese di San Messili.

La polizia dice che la famiglia si era radunata per mescolare il vino e dell’alcol fatto in casa è stato trasferito in una serie di botti di rovere.

Valerio Scovano stava facendo vino in casa mentre era agli arresti domiciliari per stalking secondo la polizia.

Questa è una foto del seminterrato dove sono stati trovati i corpi.  Quattro uomini sono morti per inalazione di gas, mentre una donna di 36 anni è stata rianimata dai vigili del fuoco.

Questa è una foto del seminterrato dove sono stati trovati i corpi. Quattro uomini sono morti per inalazione di gas, mentre una donna di 36 anni è stata rianimata dai vigili del fuoco.

Non è noto quale membro della famiglia sia stato il primo a entrare nel seminterrato, ma i quattro uomini sono stati trovati morti sottoterra dai servizi di emergenza.

Una donna di 36 anni, ritenuta il genero di uno degli uomini, è stata responsabile di aver lanciato l’allarme prima che anche lei perdesse conoscenza a causa dei fumi.

La donna è stata rianimata sul posto dai vigili del fuoco ed è stata successivamente portata in ospedale, dove è guarita.

La fermentazione è il processo di trasformazione del succo d’uva in vino. Nel tempo, il lievito consuma gli zuccheri naturali dell’uva e produce alcol, insieme a una grande quantità di anidride carbonica.

Secondo il professor Roger Bolton dell’Università della California, Davis, l’anidride carbonica proveniente dal processo di vinificazione è cinque volte più concentrata rispetto agli aeroplani e alle automobili, con un litro di succo d’uva fermentato che produce 60 litri di anidride carbonica.

I fumi di anidride carbonica affondano sul fondo degli spazi ristretti e possono essere molto pericolosi perché incolori e inodori, il che significa che i viticoltori inesperti, specialmente quelli che producono il proprio vino in casa, possono essere facilmente rilevati.

Il pm di Paola, Pierpaolo Bruni, ha detto che è in corso un'inchiesta sulla morte della famiglia di viticoltori, dicendo ai giornalisti che il loro ambiente di vinificazione

Il pm di Paola, Pierpaolo Bruni, ha detto che è in corso un’inchiesta sulla morte della famiglia di viticoltori, dicendo ai giornalisti che il loro ambiente di vinificazione “mancava di un’adeguata ventilazione”.

READ  Il quartiere Little Italy di Winnipeg esplode di gioia dopo che l'Italia ha battuto l'Inghilterra nell'Europeo

I Carabinieri hanno riferito che tre degli uomini sono stati trovati in cantina vicino a una vasca di fermentazione del succo d’uva, mentre un altro è stato trovato nella sala “raccolta” dove il vino viene travasato in botti di rovere.

“Secondo i nostri riscontri, uno degli uomini si è calato in cantina per versare il vino ed è svenuto”, ha detto il capitano dei carabinieri Marco Pedulla, prima di spiegare che gli altri uomini sono scesi in soccorso prima di soccombere alla stessa sorte.

Il pm di Paola, Pierpaolo Bruni, ha detto che è in corso un’indagine sulla morte della famiglia di viticoltori, e ha detto ai giornalisti che il loro ambiente di vinificazione “manca di un’adeguata ventilazione”.

Il sindaco di Paola Roberto Perrotta ha detto sabato che la città, che ha una popolazione di appena 15.000 abitanti, ha sentito il dolore collettivo a causa degli eventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *