L’Italia ritiene che tre dei suoi cittadini siano detenuti da Hamas a Gaza

L’Italia ritiene che tre dei suoi cittadini siano detenuti da Hamas a Gaza

Il Ministro degli Esteri italiano ha affermato che il suo Paese prosegue gli sforzi per liberare i cittadini italiani ritenuti tenuti in ostaggio da Hamas in seguito all’attacco compiuto dal movimento nel sud di Israele sabato scorso.

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha dichiarato durante un evento a Roma: “Abbiamo fatto e faremo tutto ciò che era in nostro potere per liberare gli ostaggi, tre dei quali sono italiani”.

Tajani, che ha visitato Israele venerdì, ha detto di aver incontrato lì le famiglie delle tre persone ritenute tenute in ostaggio: una coppia e un ragazzo.

“Ci auguriamo che la risposta di Israele sia proporzionata e colpisca solo i luoghi in cui i terroristi di Hamas nascondono o nascondono le loro armi”, dice Tajani, aggiungendo che spera che gli ostaggi vengano rilasciati attraverso la creazione di corridoi umanitari.

Sei un lettore dedicato

Ecco perché abbiamo fondato The Times of Israel undici anni fa: per fornire ai lettori più esigenti come te una copertura imperdibile su Israele e sul mondo ebraico.

E ora abbiamo una richiesta. A differenza di altri media, non abbiamo creato un paywall. Ma poiché il giornalismo che facciamo è costoso, invitiamo i lettori per i quali The Times of Israel è diventato importante ad aiutarci a sostenere il nostro lavoro unendosi Società I tempi di Israele.

Per soli 6 dollari al mese, puoi contribuire a sostenere il nostro giornalismo di alta qualità mentre ti godi The Times of Israel Senza pubblicitàE anche l’accesso Contenuti esclusivi Disponibile solo per i membri della comunità Times of Israel.

READ  L'Italia ha rafforzato il ritorno di due giocatori chiave dopo l'infortunio contro l'Inghilterra

Grazie,
David Horovitz, redattore fondatore del Times of Israel

Unisciti alla nostra comunità

Unisciti alla nostra comunità
sei già un membro? Accedi per non vederlo più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *