Quando lo sconosciuto italiano Enzo Marisca accese un cupo biancospino

30/11/99 FOTO DI DAVID BURNER-CATERS CHE MOSTRA….. La star del West Bromwich Albion, l’italiano Enzo Marisca all’Hawthorns, che sta attirando l’attenzione delle squadre della Premiership e del suo allenatore della nazionale……

Sono passati sei anni da quando sono tornati nella vecchia Division One, ma finora non sono riusciti a raggiungere un traguardo superiore a 10.

Guarda caso, i fan di Baggies dovranno solo aspettare altre tre stagioni prima che i tempi di successo tornino in B71.

Ma quell’estate del 1998, l’inizio di un ricordo duraturo doveva essere realizzato al The Hawthorns.

Un centrocampista italiano poco conosciuto che doveva venire al club e sebbene la squadra non abbia avuto successo collettivo per i successivi 18 mesi, ha lasciato il segno personale al punto che è ancora parlato dai fan, quasi 25 anni dopo.

Enzo Marisca aveva appena 18 anni quando quell’estate lasciò il Cagliari in Italia per un tiro nel calcio inglese.

Enzo Marisca di Albion supera il difensore Judney Bergson a Bolton.

Ricorda, questo era negli anni ’90. La Premier League iniziò ad accogliere giocatori stranieri mentre le fortune continuavano a crescere, ma non era così nelle divisioni sottostanti e Mariska era una rarità nella vecchia Prima Divisione.

Nonostante ciò, Albion aveva in squadra Fabian de Freitas e Richard Sneeks, ma la prima divisione non pullulava di talenti stranieri.

In effetti, l’Albion aveva due giocatori italiani che si univano a loro quell’estate, poiché anche il collega centrocampista Mario Portolazzi aveva firmato per il club. Ma quest’ultimo è stato più viaggiato del giovane, avendo giocato in diverse società prima di uscire più di 200 volte con il Genoa.

Allora come si è presentato un giovane italiano sconosciuto al West Bromwich, un club che siede al centro della classifica in Prima Divisione.

Ebbene, l’arbitro Bosman è venuto a giocare e Mariska era in scadenza di contratto. Era in contatto con un agente italiano, insieme a Gianni Palladini, noto per il suo ruolo nell’acquisizione dopo molti anni dei Queens Park Rangers, e l’ex attaccante dei Wolves Mel Elvis.

L’italiano ha spiegato in un’intervista nel 2020 nel libro di Buzaglou a Palese: “Avevo solo 18 anni ma non ero preoccupato per il trasferimento delle nazioni, ho dato loro la responsabilità di trovare il mio nuovo club in Inghilterra e le ho lasciate a lui. C’è stato un pochi club che hanno mostrato interesse, l’Aston Villa era uno e il West Bromwich Albion era l’altro.

“Avrei passato una settimana con il West Bromwich e la seconda sarebbe stata con Villa. Ma al mattino ho fatto il mio primo allenamento… Nel pomeriggio avevo un contratto che mi aspettava. È stato così veloce. Non ho avuto il tempo di pensarci”.

Così, dopo aver iniziato la scuola al Milan prima di trascorrerla a Cagliari – Marisca stava per trascorrere 18 mesi nel Paese Nero, diventando una figura amatissima che sarà ricordata per anni.

Il suo primo gol è arrivato contro l’Oxford United, dove è stato un rapido calcio in area di rigore seguito da un solo calcio dal palo.

“Questo è mio figlio!” …Enzo Marisca ha abbracciato il capocannoniere Lee Hughes dopo un pareggio contro i Blues a St Andrews.

In tutto, ha giocato 47 partite con l’Albion nel corso di 18 mesi e ha segnato cinque gol – e sebbene l’Albion sia arrivato solo 12° nella sua prima stagione al club, è stato indimenticabile. I tifosi si sono innamorati di Mariska e, a parte questo, è difficile credere che l’Albion sia finito a metà classifica quando Lee Hughes ha segnato 31 gol, aiutando così tanto il piccolo italiano.

Oltre ad essere amato dai fan, Mariska ha precedentemente parlato di quanto sia affezionato ad Abion e al suo tempo nella Black Country.

Questa è stata la sua prima esperienza all’estero e per un diciottenne penseresti che sarebbe molto difficile adattarsi a una cultura così diversa.

“Per me è stata un’esperienza meravigliosa in termini di maturazione come uomo e come essere umano.

Enzo Marisca di Albion mostra il suo costume da Superman dopo aver segnato il primo gol di Albion contro il Portsmouth a Hawthorne.

“Quando vivi nel tuo paese con la tua famiglia e poi tutto si sposta in un altro paese, devi adattarti a una cultura diversa, una vita diversa, una lingua diversa, tutto.

“Per me, l’esperienza di crescere è stata una bella esperienza.

Mi hanno dato la possibilità di entrare nel club, a dire il vero in quel momento ero in Italia, e ho già giocato in serie B in Italia con il Cagliari.

Ma l’idea di venire in Inghilterra, per fare una nuova esperienza, penso che per me in quel momento fosse l’opzione migliore.

“La cultura era molto diversa, soprattutto penso che 20 anni fa l’Inghilterra fosse un po’ diversa da quella attuale. Ma è stata una grande esperienza”.

Mariska ha catturato bene il calcio inglese, mettendo in scena alcune esibizioni memorabili agli Hawthorns, ma ha dovuto affrontare alcune sfide, come affrontare l’accento! Tuttavia, si è gettato nella vita di Black Country con l’aiuto di un attuale allenatore della Premier League.

Marisca ha aggiunto: “Quando ti sposti dall’Italia all’Inghilterra direttamente a Birmingham, nel mio caso puoi adattarti subito alla lingua e al Paese.

“Il mio inglese non era buono e ho anche imparato molto quando ero lì, anche se all’inizio ho faticato un po’ ma poi ha funzionato bene.

Lee Hughes di Albion celebra il suo obiettivo con il compagno di squadra Enzo Marisca durante la vittoria per 3-0 al McAlpine Stadium.

“Quando sono entrato a far parte del club per la prima volta, Dennis Smith era in carica come allenatore e poi Brian Little è arrivato per il secondo anno.

“Con entrambi sono stato molto felice. Mi hanno aiutato molto in termini di adattamento alla vita e al calcio. Ero felice lì”.

“Sto ancora ricevendo biglietti dai fan del West Brom – quello era per me, è ancora una cosa importante. Ma penso che in questi termini, i fan inglesi in generale, sanno molto anche nel corso degli anni. Si ricordano di te.

“Questa è la tua cultura in Inghilterra, che è diversa da Italia e Spagna. Anche per me, a dire il vero, ho un buon ricordo della mia esperienza lì con i tifosi e la squadra. È stato un periodo divertente”.

A pochi mesi dall’inizio della stagione 1999/2000, i club hanno iniziato a ruotare. Marisca faceva notizia in Italia.

La star di Pages Enzo Marisca è stata fotografata questa mattina all’aeroporto di Birmingham con il presidente dell’IBF Paul Thompson prima di volare a Milano.

Si è fatto le ossa in Inghilterra e ora è voluto tornare a casa. Con l’avvicinarsi della scadenza per un trasferimento all’inizio del 2000, Marisca ha smentito le voci che lo collegassero a un ritorno in Italia di 3 milioni di sterline, dicendo alla stampa: “Non vado da nessuna parte”.

Ma con Albion che ha problemi finanziari fuori dal campo, l’accordo è stato rapidamente siglato e Marisca è tornata in Italia per firmare per la Juventus. Con la vecchia signora ha vinto il campionato italiano di Serie A, prima di giocare per altri club in Italia e Spagna, e ha vinto due volte la Copa del Rey e la Coppa dei Campioni.

Da allora ha iniziato ad allenare, ed è stato l’allenatore del Manchester City Under 23 prima di prendere il controllo del Parma. Questo ruolo non è durato a lungo e nel gennaio di quest’anno è stato strettamente associato all’assunzione dell’incarico di Albion da Valeren Ismail.

Ora sembra destinato a prendere il posto di assistente allenatore di Pep Guardiola al City e tornare al calcio inglese.

Ali Mondragon (a destra), portiere del Galatasaray Istanbul, salva un colpo da Enzo Marisca della Juventus Torino durante la prima partita della Champions League Group D allo stadio Westfalen di Dortmund, in Germania, il 2 dicembre 2003. REUTERS/Kai Pfaffenbach

Ma sarebbe stata la sua prima incursione nel calcio inglese che ancora aleggia nella memoria dei tifosi dell’Albion, quando un ragazzino italiano è arrivato e ha acceso il cupo biancospino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.