Putin mette in guardia contro i “traditori” filo-occidentali in Russia, indica l'”autopulizia” del Paese

Mercoledì, il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato un duro avvertimento ai “traditori” russi che ha detto che l’Occidente voleva usare come “quinta colonna” per distruggere il paese.

Il leader del Cremlino ha attaccato i russi che, secondo lui, sono mentalmente più in sintonia con l’Occidente che con la Russia, e ha affermato che il popolo russo sarebbe stato in grado di distinguere rapidamente i traditori dai patrioti.

“Naturalmente loro (l’Occidente) proveranno a scommettere sulla cosiddetta Quinta Colonna, sui traditori – su coloro che guadagnano qui, ma vivono lì. Vivono, non in senso geografico, ma nel senso e nel loro idee di schiavitù”, ha detto ai ministri del Gabinetto, Tre settimane dopo la guerra della Russia con l’Ucraina.

Un lavoratore trasporta una sezione della recinzione di ferro mercoledì, nella Piazza Rossa, a Mosca. (AFP/Getty Images)

“Chiunque, specialmente il popolo russo, sarà in grado di distinguere i veri patrioti dalla feccia e dai traditori, e solo per sputarli come calli che gli sono volati accidentalmente in bocca”, ha detto Putin.

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha definito Putin un “criminale di guerra” nella sua più ferma condanna del presidente russo dall’inizio dell’invasione. Biden ha anche annunciato che gli Stati Uniti avrebbero inviato ulteriori 800 milioni di dollari in aiuti militari all’Ucraina, comprese più armi antiaeree, anticarro e droni.

Reagisci alle note

Il tono tossico ha colpito anche Putin, che per anni ha represso gli oppositori interni e dirige una retorica amara contro l’Occidente.

Il politico dell’opposizione russa Mikhail Kasyanov, che è stato il primo primo ministro di Putin all’inizio degli anni 2000, ha denunciato i commenti su Twitter.

Guarda | Una multa per una donna che ha denunciato la guerra alla televisione russa:

Giornalista russo multato per aver protestato contro la guerra in Ucraina alla TV di stato

Marina Ovsyannikova, giornalista di Channel One della televisione di stato russa, è stata multata e rilasciata dalla custodia della polizia dopo essere entrata in un programma di notizie in diretta con un cartello che diceva “No alla guerra” e aveva detto alla gente “di non credere alla propaganda”. 2:04

“Putin sta intensificando le sue mosse per distruggere la Russia e sostanzialmente annuncia l’inizio di repressioni di massa contro coloro che non sono d’accordo con il regime”, ha affermato. “Questo è già successo nella nostra storia, non solo nella nostra storia”.

Nel suo discorso ai ministri, Putin ha affermato che l’Occidente sta cercando di dividere la Russia e di provocare un confronto civile con l’aiuto della sua “quinta colonna”.

“C’è un solo obiettivo ed è la distruzione della Russia”, ha detto Putin, aggiungendo che la Russia bloccherebbe tali sforzi.

“Sono convinto che questa naturale e necessaria auto-purificazione della società non farà che rafforzare il nostro Paese, la nostra solidarietà, la nostra coesione e la nostra disponibilità ad affrontare qualsiasi sfida”.

Modo orwelliano di dividere i russi

Gli esperti russi hanno affermato che il messaggio è stato scioccante.

Andrei Kolesnikov, un analista politico con sede a Mosca, ha scritto: “Putin in modo orwelliano ha diviso i cittadini russi in persone pulite e impure”.

Un lanciarazzi multiplo distrutto dell’esercito russo alla periferia di Kharkiv giovedì, il 21° giorno dell’invasione russa in corso e su larga scala dell’Ucraina. (Sergey Popock/AFP/Getty Images)

Dall’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, l’opposizione in Russia è diventata sempre più pericolosa.

un Legge approvata il 4 marzo Rende illegali azioni pubbliche volte a “screditare” l’esercito russo e vieta la diffusione di notizie false o “la divulgazione pubblica di informazioni intenzionalmente false sull’uso delle forze armate della Federazione Russa”.

Migliaia di persone sono state arrestate Mentre protestava contro la guerraQuella che la Russia chiama “operazione militare speciale”.

Diverse importanti organizzazioni di media indipendenti hanno cessato le attività.

La Russia ha aperto almeno tre procedimenti penali contro persone per aver diffuso quelle che chiama notizie false sull’esercito russo su Instagram e altri social media, ha affermato mercoledì l’agenzia delle forze dell’ordine del Comitato investigativo.

READ  Trudeau avverte Mosca di "gravi conseguenze" durante una discussione privata sulla situazione in Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.