Perseverance realizza imprese straordinarie durante 1.000 giorni di esplorazione di Marte: ScienceAlert

Perseverance realizza imprese straordinarie durante 1.000 giorni di esplorazione di Marte: ScienceAlert

Ricordo quando il rover Perseverance fu lanciato, viaggiò nel sistema solare e atterrò su Marte nel febbraio 2021.

Durante tutto il tempo trascorso dal suo arrivo, dopo 1.000 giorni di esplorazione, ha raccolto 23 campioni provenienti da diverse regioni geologiche all'interno del cratere Jezero. L'area un tempo ospitava un antico lago, e se c'è un posto su Marte in cui trovare prove di vita antica (fossilizzata), è qui.

Era il 30 luglio 2020 quando il gigantesco razzo Atlas V-541 decollò dalla rampa di lancio da Cape Canaveral in Florida. Il rover Perseverance era a bordo, in viaggio verso Marte.

Arrivò circa 7 mesi dopo, entrando nell'atmosfera marziana e atterrando con successo utilizzando una complessa serie di paracadute, razzi di rientro e, per la prima volta, una gru aerea per calarlo da una piattaforma sospesa.

Il suo scopo principale su Marte era esplorare la geologia, il clima e le condizioni atmosferiche come precursore dell'esplorazione umana.

Un razzo Atlas V della United Launch Alliance viene lanciato con il rover Mars 2020 Perseverance della NASA dallo Space Launch Complex 41 presso la stazione dell'aeronautica di Cape Canaveral, giovedì 30 luglio 2020, dal Kennedy Space Center della NASA in Florida. Il rover Perseverance fa parte del Mars Exploration Program della NASA, uno sforzo a lungo termine per esplorare il Pianeta Rosso con i robot. (NASA/Joel Kosky)

Il sito di atterraggio, Jezero Crater, è stato scelto perché precedenti studi orbitali avevano rivelato prove evidenti di un antico lago che un tempo riempiva il cratere.

Si ritiene che l'acqua sia un elemento essenziale nell'evoluzione della vita, quindi se esiste uno specchio d'acqua, ci saranno maggiori possibilità che la vita si evolva. Studiare le rocce qui è come sfogliare libri di storia perché conservano segni di vita antica così come condizioni ambientali antiche.

Il cratere, come la maggior parte degli altri crateri del sistema solare, si è formato a seguito di una qualche forma di impatto. Nel caso di Jezero, fu il risultato dell'impatto di un asteroide circa 4 miliardi di anni fa.

READ  Il telescopio spaziale offre uno sguardo più da vicino alla nascita delle stelle: l'osservazione del cielo

Una volta arrivati ​​al cratere, si scoprì presto che il pavimento era costituito da roccia ignea, formata da un'enorme camera sotterranea di magma portata in superficie dall'attività vulcanica.

Da allora sono stati ritrovati altri tipi di rocce, tra cui sabbia e argilla, che forniscono prove della presenza di acqua nel lontano passato di Marte.

Una veduta aerea del cratere Jezero su Marte
Cratere Jezero su Marte. (NASA/JPL-Caltech/Arizona State University)

Quando Perseverance ha celebrato il suo millesimo giorno di esplorazione del Pianeta Rosso, aveva raccolto campioni di roccia, li aveva imballati in modo sicuro e pronti per la raccolta e, in generale, aveva completato la sua esplorazione dell'antico fondale del lago.

Si è scoperto che un esemplare in particolare chiamato “Lefroy Bay” conteneva grani fini di silice. Questa sostanza si trova comunemente sulla Terra ed è nota per preservare i fossili.

Un altro campione contiene fosfato, che sulla Terra è sicuramente legato ai processi biologici. Entrambi contengono carbonio che può essere utilizzato per studiare le condizioni ambientali da quando si sono formate le rocce.

border-frame=”0″allow=”accelerometro; riproduzione automatica; scrittura negli appunti; supporto crittografato; giroscopio; immagine nell'immagine; condivisione web” Referrerpolicy=”strict-origin-when-cross-origin”allowfullscreen>

Il cratere Jezero è un posto grande, largo 45 chilometri, quindi determinare dove raccogliere i campioni è stato difficile.

Una volta determinato il sito target, Perseverance utilizzerà prima il suo strumento di abrasione per abradere la superficie e poi utilizzerà strumenti di bordo come PIXL, lo strumento planetario per la litochimica a raggi X.

Gli strumenti a bordo hanno la capacità di rilevare strutture microscopiche simili a fossili e di identificare i cambiamenti chimici lasciati da antichi microbi.

Sfortunatamente, finora, sebbene Perseverance abbia ottenuto risultati sorprendenti, il rover è riuscito a non rilevare segni di vita.

READ  Vassoio da cucina scorrevole: lancio di un apparecchio mobile/tappetino portaoggetti per piano di lavoro

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da L'universo oggi. Leggi il Articolo originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *