Trump ha chiesto di testimoniare sotto giuramento al suo prossimo processo

I democratici alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti giovedì hanno chiesto a Donald Trump di testimoniare sotto giuramento nel suo processo di impeachment al Senato, dicendo che l’ex presidente dovrebbe spiegare perché lui e il suo avvocato si erano opposti alle principali accuse fattuali al centro del caso.

La richiesta dei direttori della responsabilità della Camera non richiede la comparsa di Trump – sebbene il Senato possa convocarlo in seguito – ma avverte che qualsiasi rifiuto di testimoniare può essere utilizzato durante il processo per sostenere gli argomenti a favore della condanna.

Anche se Trump non ha mai testimoniato, la richiesta rende chiara la determinazione dei democratici a portare un caso aggressivo contro di lui nonostante abbia lasciato la Casa Bianca, e chiede che spieghi personalmente le parole del suo avvocato.

Il consigliere Trump non ha risposto immediatamente a una lettera in cui si chiedeva di commentare il discorso dei manager.

Il processo al Senato inizia il 9 febbraio. Trump è stato accusato di istigare una folla di sostenitori che hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio.

Donald Trump parla durante una manifestazione per contestare la certificazione dei risultati delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020 il 6 gennaio, pochi minuti prima che diverse folle assaltino il Congresso. (Jim Borghi / Reuters)

Gli avvocati di Trump negano che abbia incitato le rivolte

I democratici hanno affermato che il processo è necessario per fornire una misura finale di responsabilità. Mirano anche a impedirgli di cercare di nuovo un lavoro.

Il rappresentante Jimmy Ruskin, uno dei direttori dell’impeachment, ha chiesto a Trump di testimoniare “prima o durante il processo di impeachment al Senato”, ed è sotto interrogatorio congiunto sul suo comportamento il 6 gennaio, lunedì all’inizio piuttosto che più tardi. Giovedì 11 febbraio.

La richiesta di Raskin cita le parole dell’avvocato di Trump, che non solo ha negato in un memorandum statutario all’inizio di questa settimana che Trump aveva istigato le rivolte, ma ha anche affermato di aver “adempiuto squisitamente al suo ruolo di presidente e ha fatto quello che ha fatto in ogni momento. . Nell’interesse del popolo americano “.

Ruskin ha affermato che con questo argomento, Trump ha messo in dubbio fatti importanti nel caso “nonostante prove chiare e inequivocabili della tua violazione costituzionale”.

Ruskin ha scritto: “Alla luce della tua obiezione a queste accuse fattuali, ti scrivo per invitarti a testimoniare sotto giuramento, prima o durante il processo di impeachment del Senato, riguardo alla tua condotta il 6 gennaio 2021”.

Ruskin ha scritto che se Trump si fosse rifiutato di testimoniare, i manager avrebbero usato il suo rifiuto contro di lui durante il processo – un argomento simile che i Democratici alla Camera hanno avanzato in un processo di impeachment lo scorso anno, quando diversi funzionari di Trump hanno ignorato la citazione.

“In effetti, mentre il presidente in carica può sollevare preoccupazioni per distrarlo dai suoi doveri ufficiali, questa preoccupazione non è chiaramente applicabile qui”, ha scritto Ruskin.

Trump può respingere la richiesta di testimoniare, e gli amministratori dell’impeachment non hanno l’autorità di chiamare testimoni ora perché la Camera dei Rappresentanti ha già votato per rimuoverlo. Il Senato può votare per convocare lui, o altri testimoni, a maggioranza semplice.

READ  Gli astronomi scoprono un sistema multi-planetario vecchio di 10 miliardi di anni | Astronomia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.