Il medico d'urgenza pediatrico di Montreal che ha combattuto il cancro al seno è il fondatore di More Than a Cure

Il medico d'urgenza pediatrico di Montreal che ha combattuto il cancro al seno è il fondatore di More Than a Cure

“La conosci, sei lei, o potrebbe essere lei. Non sapevo che fossi io”, dice la dottoressa Tamara Ghafoor, medico d'urgenza pediatrica a Montreal e fondatrice di More Than a Cure, dopo che le è stata diagnosticata la malattia. con cancro al seno. battaglia. Lo riferisce Fariha Naqvi Muhammad.

Alla dottoressa Tamara (Tammy) Angela Ghafoor è stato diagnosticato un cancro al seno nell'aprile 2022.

Nonostante fosse una pediatra del pronto soccorso dell'ospedale pediatrico di Montreal, non avrebbe mai pensato che sarebbe stata una donna su otto a cui era stato diagnosticato un cancro al seno.

“La conosci, sei lei, o puoi essere lei. Non sapevo che sarei stato io un giorno”, ha detto Ghafoor.

“Non è una malattia che colpisce tutte le donne allo stesso modo. Se sei una donna nera che convive con il cancro al seno, hai il 41% in più di probabilità di morire a causa di questa malattia rispetto alle tue controparti caucasiche”.

Fortunatamente, è stata una dei fortunati sopravvissuti. Ma non prima di aver imparato qualcosa o due sulle sfide che molte donne provenienti da comunità emarginate affrontano nella lotta contro il cancro.

Tamara Ghafoor, Tami Ghafoor, Variety City, Fariha Naqvi Muhammad, MTAC, Più di una cura
La dottoressa Tamara Ghafoor lavora come medico d'urgenza pediatrico presso l'ospedale pediatrico di Montreal (Fariha Naqvi Muhammad, City News)

“Ho trovato la massa e tutto è cambiato. Ho dovuto fare 20 cicli di radioterapia, sei cicli di chemioterapia e un intervento chirurgico. “E poi sono stato anche in immunoterapia per un anno. Ero circondato da tanto amore. Ho un partner straordinario, la dottoressa Olumide Adeleye, che è stata con me durante l'intero viaggio. La mia famiglia, i miei amici.

“Allora ho detto che sarei migliorata, e credevo che sarei migliorata, e grazie a Dio potevo dire che ero guarita. Avrei contribuito a rendere la situazione migliore per le altre donne che l'hanno attraversata. ”

READ  I cambiamenti nell'Antartide possono diventare punti critici con ramificazioni globali, afferma il rapporto - Eye on the Arctic

Ciò l’ha portata a creare More Than a Cure (MTAC), un’organizzazione no-profit impegnata a dare potere alle donne svantaggiate e svantaggiate nella lotta contro il cancro al seno.

“Stavo attraversando il mio viaggio e mi sono reso conto di quanto fossi privilegiato in termini di famiglia”, ha detto. “Come ho detto, mio ​​marito, i miei amici, mi sostengono. Personalmente non sono mai andata a un solo appuntamento. C'era sempre qualcuno che mi teneva la mano e, poiché lavoro in campo medico, sono in contatto con diversi professionisti medici che possono aiutami, e anche la mia comprensione della malattia. Ed è proprio così che è nata l'idea perché “ho detto: 'Sai una cosa? Dovremo fare qualcosa al riguardo.'

Ed è esattamente quello che ho fatto.

“In Canada, in Quebec, forniamo le nozioni di base. Si fa la chemioterapia, si fa la radioterapia, si fa un intervento chirurgico, ci si occupa di tutto questo. Ma c'è così tanto sul cancro al seno e sulla vita delle persone colpite dal cancro al seno il cancro, che non lo ottengono e che non ci sono cure disponibili.” .Cose come il trasporto da e per i tuoi appuntamenti. C'erano giorni in cui ero in ospedale tutti i giorni. In modo da poter fornire il trasporto per queste donne vanno e vengono. Essere in grado di fornire protezioni interessanti per quelle donne che non possono permetterseli e che vogliono tenersi i capelli. Essere in grado di ricevere terapia professionale e terapia fisica che aiuta nel recupero dopo l'intervento chirurgico. Non sono completamente coperti o facilmente accessibile per le donne. E quindi sono state tutte queste cose che abbiamo deciso di fare.

READ  Come guardare James Webb che stende la sua crema solare domani?

“E con 16 donne straordinarie nel consiglio d'amministrazione, ci siamo riuniti ed è nata More Than a Cure. La malattia, perché è associata a un'enorme tossicità finanziaria, e uso la parola tossicità perché è esattamente questo, i costi associati a il cancro al seno può avvicinarsi agli 800 dollari.” A 1.000 dollari al mese in aggiunta a quanto coperto qui in Canada. E siamo molto fortunati in questo. Ma costa molto. E quindi ci sono alcune donne che si chiedono: 'Posso sopravvivere?' E non è proprio una questione alla quale posso permettere che esista.” È qualcosa per cui dovevamo fare qualcosa.

Tamara Ghafoor, Tami Ghafoor, Variety City, Fariha Naqvi Muhammad, MTAC, Più di una cura

La dottoressa Tamara Ghafour in cura per il cancro al seno nel 2022 (presentato da: Dott.ssa Tamara Ghafour)

Il medico chirurgico del dottor Ghafoor, la dottoressa Stephanie Wong, che ora siede nel consiglio di amministrazione dell'MTAC, ha raccomandato la terapia con cappuccio freddo.

“Essendo una giovane donna affetta da cancro al seno, è un'esperienza completamente diversa per me, e una delle cose più importanti che continuo a dire è che devo essere in grado di mantenere la mia identità”, ha detto Ghafoor. “Non volevo entrare in una stanza e avere persone, non volevo pietà. Un sostegno che potessi sopportare. Non volevo pietà. E una di quelle cose enormi per me era essere in grado di mantenere la mia capelli. E quindi questa terapia con il berretto freddo mi ha collegato con questa azienda che ti manda i cappelli. Puoi congelare i tuoi capelli fino a 30 gradi sotto zero. E sì, è così freddo come sembra, quindi puoi congelare i follicoli in modo che meno della chemioterapia arriva alle punte dei capelli e puoi tenerli, quindi sono riuscito a mantenerne 80 su 100. Quindi non sono mai diventato calvo.

READ  Il meteorologo ha solo buone notizie

“E per i nostri guerrieri che stanno diventando calvi e vogliono diventarlo, dico di indossarlo con orgoglio. Per me era semplicemente qualcosa che non potevo fare ed ero così grato per questo trattamento che mi ha permesso di mantenere i miei capelli. ”

Il dottor Ghafoor ha sottolineato che l'11% delle donne affette da cancro al seno che necessitano della chemioterapia la rifiutano perché non vogliono perdere i capelli.

“Le donne e i loro capelli sono importanti. In realtà questo trattamento esiste da circa 30 anni in Europa. È stato introdotto qui di recente, ma non è molto noto al pubblico.”

Per ulteriori informazioni su più di un trattamento, visitare il loro sito Web, MoreThanACure.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *