Gli scienziati hanno scoperto una caratteristica dei nuovi ceppi britannici di COVID

Traduzione: Pixabay

Gli scienziati hanno studiato nuove mutazioni nel virus Corona

L’infezione ha aumentato la seconda mutazione britannica del 70-80%. Di conseguenza, a metà dicembre, nuovi ceppi del virus hanno iniziato a dominare il paese.

I biologi molecolari dell’Università di Hong Kong hanno studiato due ceppi di un nuovo tipo di virus corona con la mutazione “britannica” N501Y. Il primo di questi (501Y) era solo il 10-15% più contagioso dei suoi predecessori e il secondo era già del 70-80% superiore al suo predecessore. I risultati preliminari dello studio sono stati pubblicati dalla Electronic Science Library medRxiv.

I ricercatori hanno monitorato il modo in cui il genoma del patogeno COVID-19 è cambiato nelle ultime settimane e mesi e hanno studiato la frequenza con cui i ceppi della mutazione N501Y si sono verificati precocemente e la velocità con cui si sono diffusi.

I conti hanno confermato che la prima sottospecie di questo tipo è apparsa in Galles alla fine di agosto. D’altra parte, hanno dimostrato che la stessa mutazione N501Y aveva un effetto piuttosto debole sull’infezione da SARS-CoV-2, aumentando solo del 10-15% rispetto ai tipi di coronavirus dominanti in Europa. Pertanto, le prime copie del coronavirus “britannico” sono state inizialmente trovate solo nello 0,2% dei pazienti in Galles.

La seconda versione del virus era molto più pericolosa, poiché tre amminoacidi sono stati rimossi dalle molecole della proteina S, una parte importante del rivestimento SARS-CoV-2 direttamente responsabile del legame ai recettori ACE2 e alle cellule infette. A causa della loro scomparsa, l’infezione da SARS-CoV-2 con la mutazione N501Y è aumentata di circa il 70-80%. Di conseguenza, a metà dicembre, nuovi ceppi del virus hanno iniziato a dominare il paese.

READ  SpaceX sta richiamando il suo secondo veicolo spaziale Cargo Dragon aggiornato per un futuro riutilizzo

Inoltre, lo studio mostra che la versione sudafricana del coronavirus con la mutazione N501Y non ha nulla a che fare con la sua variante britannica, poiché contiene un diverso insieme di piccole mutazioni. Ciò indica che tali cambiamenti nel genoma del coronavirus potrebbero verificarsi spontaneamente più spesso. Ciò deve essere tenuto in considerazione dagli epidemiologi e durante lo sviluppo e l’uso di vaccini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *