I sintomi del morbo di Parkinson invertiti da un piccolo impianto cerebrale: un rapporto

Il morbo di Parkinson è una malattia neurodegenerativa.

Un paziente con il morbo di Parkinson ha avuto i suoi sintomi invertiti da un piccolo dispositivo impiantato nel suo cervello. Questa è la prima volta che un tale dispositivo è stato impiantato nel cervello per controllare il morbo di Parkinson, a BBC disse il rapporto.

Il trattamento è stato somministrato a Tony Howells in un ospedale di Bristol come parte del processo. Un dispositivo di stimolazione cerebrale profonda (DBS) mira a bypassare gli schemi di attivazione anormali delle cellule cerebrali causati dal morbo di Parkinson, BBC Lo diceva anche il rapporto.

Il dispositivo alimentato a batteria viene impiantato nel cranio e fornisce impulsi elettrici ad aree mirate del cervello. Il nuovo intervento richiede solo tre ore, la metà del solito.

25 pazienti sono stati selezionati per lo studio, che dovrebbe concludersi il prossimo anno. Nel frattempo, disse il signor Howells BBC L’effetto del dispositivo è “sorprendente”.

Il dispositivo è stato impiantato nel 2019. Prima dell’intervento chirurgico, il signor Howells ha detto di aver provato a fare una passeggiata a Santo Stefano con sua moglie, ma è stato in grado di raggiungere l’auto solo a 200 iarde (182 metri).

“Poi dopo l’operazione, che è avvenuta 12 mesi dopo, sono andato di nuovo il giorno di Santo Stefano e siamo andati per 2,5 miglia (4 chilometri) e avremmo potuto andare oltre”, BBC. “È stato stupefacente.”

Al momento, non sono disponibili cure per il morbo di Parkinson, che porta a danni graduali al cervello nel corso degli anni.

Secondo il National Institute on Aging del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, il morbo di Parkinson provoca movimenti involontari o incontrollabili, come tremori, rigidità e difficoltà di equilibrio e coordinazione. I sintomi di solito iniziano gradualmente e peggiorano nel tempo.

READ  La lattuga coltivata nello spazio potrebbe aiutare gli astronauti a evitare la perdita ossea in una missione di tre anni su Marte | notizie di scienza e tecnologia

Con il progredire della malattia, le persone possono avere difficoltà a camminare e parlare. Possono anche avere cambiamenti mentali e comportamentali, problemi di sonno, depressione, difficoltà di memoria e affaticamento.

La maggior parte delle persone sviluppa sintomi quando ha più di 50 anni, ma circa uno su 20 li ha quando ha meno di 40 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.