Video / La magistratura in Moldova ha rilasciato l’autore del “Milan Crime” 9 anni fa – Ziarul de Garda

Il moldavo, condannato a 20 anni di carcere per l’omicidio di un famoso medico italiano 9 anni fa, è stato rilasciato dopo aver scontato la pena in un carcere della Repubblica Moldova.

Il caso di Vasily Kojiban, che, insieme alla fidanzata e ad altri compagni, derubò e uccise un medico a Milano, suscitò l’opinione pubblica in Italia e la stampa locale coprì ampiamente l’omicidio del medico e le condanne dei coinvolti. Subito dopo l’omicidio, Coceban è fuggito dall’Italia e si è nascosto in Moldova, dove non poteva essere estradato in assenza di trattati bilaterali tra i due Paesi. Quindi, su richiesta delle autorità italiane, è stato aperto un procedimento penale a suo nome, per il quale è stato condannato.

Recentemente la magistratura moldava ha rilasciato Coceban dopo aver scontato solo 11 anni di carcere, mentre i suoi complici, condannati ad anni di carcere in Italia, rimangono dietro le sbarre.

Vasily Kokiban è stato arrestato nel 2009 perché sospettato di coinvolgimento nel “crimine milanese” commesso due anni fa. Nel novembre 2007, a Milano, in Italia, Coceban con la fidanzata Tatiana Mitrean, 23 anni, e altre cinque persone, tutti cittadini della Repubblica Moldova, hanno rubato una casa a Fiera, un quartiere scelto a Milano.

Il dottore è morto per soffocamento meccanico

L’appartamento preso di mira è di proprietà di Coltourani Marzio, un famoso medico di 64 anni. Tatyana ha lavorato a casa sua per due anni come governante. Secondo i pubblici ministeri italiani, la giovane donna ha ideato la rapina e ha consegnato le chiavi dell’appartamento a Coceban.

Vasil Kojiban, cittadino moldavo condannato a 20 anni di carcere per l’omicidio di un medico milanese, è stato rilasciato con la condizionale 9 anni prima di scontare la pena

Nella notte tra il 12 e il 13 novembre 2007 sono entrati in casa dei Colturani Marzio, armati di guanti e maschere. A quel tempo, il medico italiano e suo figlio Luca Culturani erano a casa. Mentre uno degli imputati osservava dalle scale dell’edificio, gli altri hanno aggredito il proprietario e suo figlio, si sono legati mani e piedi e, per impedire loro di urlare, si sono coperti la bocca con del nastro adesivo. Dopo che le vittime sono state congelate, gli autori hanno aperto la cassaforte e hanno rubato oro, argento e altri beni stimati in 617.000 euro. Il 64enne medico malato di cuore non ha resistito alla pressione ed è morto per soffocamento meccanico.

Anche la mattina dopo la rapina Stampa italiana Stava già scrivendo di “tre sospetti dell’Europa orientale che ascoltano la governante in Moldova”. Dopo tre mesi di indagini, perquisizioni e intercettazioni di telefonate, Tatiana Mitrain è stata arrestata dalla polizia italiana e nel maggio 2009 la Corte d’Appello di Milano l’ha condannata a 20 anni di carcere per complicità in omicidio e furto, seguita dalla sentenza. È ridotto a 18 anni.

READ  L'Italia potrebbe espellere la scuola di `` lottatori '' di Steve Bannon dall'estrema destra da un monastero di 800 anni, regole della Corte Suprema del Paese

destra La stampa localeIl numero dei partecipanti al delitto è gradualmente aumentato da quattro delle prime ricostruzioni a cinque e poi a sette. Così, Sergey Dragan, l’uomo riconosciuto dal figlio della vittima, è stato condannato a 24 anni di carcere e si è suicidato in carcere nell’agosto 2011. Konstantin Petko è stato condannato a 27 anni di reclusione, poiché non ha impugnato la decisione. . Altri due complici, Valeriu Cociu e Alexander Bunduchi, condannati dal tribunale di primo grado a 24 anni di carcere, sono stati ridotti nel 2015 a 17 anni. Adrian Boudaro, un altro cittadino moldavo accusato di aver partecipato al furto, secondo le testimonianze fornite da Petko, che ha poi ritirato, è stato inizialmente condannato a 26 carceri e nel 2019 la Corte suprema di Roma lo ha assolto.

La Moldavia protegge l’assassino del medico milanese

Subito dopo l’omicidio, Coceban è fuggito dall’Italia e si è nascosto in Moldova. La Moldavia protegge l’assassino del medico milanese, – Scritto sulla stampa italiana, dove Coceban è stato presentato dal 2009 come il leader della banda e “il principale colpevole dell’omicidio del medico italiano”.

Funerali di Milano Colturani Marzio.
Fonte: affaritaliani.it

Anche la Procura della Repubblica di Milano ha emesso un mandato d’arresto europeo a nome di Coceban, ma non può essere applicato a paesi come la Repubblica Moldova fuori dall’area Schengen. Successivamente, secondo il quotidiano “Il Giornale”, le autorità moldave hanno inviato alla Procura italiana un fascicolo contenente la foto del ricercato, ma in assenza di trattati bilaterali con l’Italia per l’estradizione di persone, Cosiban non è stato estradato alle autorità italiane. Pertanto, le autorità moldave hanno richiesto e ottenuto un procedimento penale.

Due anni dopo, nel 2009, le autorità moldave hanno arrestato Vasil Kokiban e nel luglio 2011 è stato condannato a 17 anni di carcere. All’epoca, i pubblici ministeri hanno presentato ricorso alla Corte d’appello (CA), ritenendo la sentenza troppo leggera, e chiedendogli inizialmente di essere condannato a 25 anni di reclusione. I giudici della CA hanno accettato l’appello e, dopo il nuovo processo del caso, nel novembre 2011, Coceban è stato condannato a 20 anni di carcere per complicità in omicidio premeditato commesso con un interesse materiale, con una pena detentiva in un carcere chiuso.

Freedom Road

Nell’aprile 2019, dopo quasi 10 anni di detenzione, Coceban ha fatto il primo passo verso il suo rilascio. Ha presentato una denuncia al tribunale contro l’amministrazione dell’istituto penitenziario, in merito alle condizioni di detenzione che, secondo la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, incidono sui diritti della persona condannata inclusi nell’articolo 3 della Convenzione. Nel giugno 2019 la sua denuncia è stata accolta ei giudici hanno deciso di ridurre la pena di 20 anni di 1.434 giorni, equivalenti a 3 anni, 11 mesi e 9 giorni, tenendo conto dei giorni della sua condanna. Nella casa di lavoro n. 13.

READ  Pablo Cali, co-proprietario del ristorante italiano di Donato, muore

Il vicedirettore della prigione no. 9, minore, ha presentato ricorso contro la decisione del tribunale di primo grado solo il 22 luglio 2019, dopo la scadenza del termine legale di 15 giorni, che è stato accettato in appello. La corte d’appello ha ritenuto che il ritardo nel termine per l’annuncio del ricorso “non fosse determinato da validi motivi, e in tal caso non vi è motivo di riprogrammare l’appello” al rappresentante del carcere, da giudicare nel merito. in questo contesto, In ritardo i giudici hanno respinto il ricorso del vicedirettore e hanno insistito, senza modifiche, sulla conclusione del tribunale di Chisinau.

Pertanto, la sua pena è stata ridotta di quasi 4 anni, e quindi considerata l’esecuzione ⅔ della pena, Coceban ha presentato una richiesta all’amministrazione penitenziaria per presentare la sua richiesta di libertà condizionale in tribunale. La sua richiesta è stata respinta.

Successivamente, tuttavia, nel marzo 2020, si è rivolto direttamente al tribunale con la richiesta di libertà condizionale. Sebbene Vasily Kouceban stesse scontando una condanna per un crimine che i giudici hanno definito estremamente grave, il 30 giugno 2020, alla conclusione del tribunale di Chisinau, sede di Ciocana, la sua richiesta è stata accettata e Coceban è stato rilasciato, dopo aver effettivamente scontato solo 11 anni di carcere.

La chiusura di Chi Court … di Giornale di guardia

un In risposta a ZdGL’Amministrazione nazionale delle prigioni (ANP) ha riferito che l’istituto penitenziario aveva, in tribunale, respinto la richiesta del detenuto, motivando che non soddisfaceva le condizioni di cui all’articolo 91, codice penale, in merito alla liberazione condizionale.

Sul portale dei tribunali nazionali non troviamo alcuna udienza che indichi che l’amministrazione penitenziaria sì. 9, il neonato, ha presentato ricorso contro la decisione del tribunale di grado inferiore in merito al rilascio di Coceban. In questo contesto, la risposta della National Ports Agency allo ZdG mostra che i rappresentanti della società hanno presentato ricorso contro la decisione dei giudici, “ma allo stato attuale, la sessione del tribunale non è stata formata”.

READ  L'italiana Sofia Gogia ha vinto di nuovo la Coppa del Mondo

Nel frattempo, il 1 ° luglio 2020, Coceban è stato rilasciato, sulla base delle sentenze della conclusione del Tribunale di Chisinau, sede della Ciocana, il 30 giugno 2020, per garantire che l’esecuzione sia affidata all’ufficio di Ialoveni in libertà vigilata.

Sto cercando Coceban

Secondo fonti ZdG, Vasily Kokiban, durante la detenzione, ha sposato una giovane donna di Dongeni nella regione di Ilofeni, dalla quale ha avuto due figli. Dopo il suo rilascio, sarebbe andato a vivere con loro. Tuttavia, non è stato trovato nella zona e la persona che presumibilmente l’ha sposata in custodia ha evitato di fornirci dettagli su Vasily Kokiban.

“Non posso dirti nessuna informazione su di lui. Non vive con me, ho le mie cose. È il padre dei miei figli, ma non viviamo insieme, e non posso dirti nessuna informazione. Non so niente. È in città, da qualche parte, a casa sua, non ce l’ho.” Nessun indizio, non posso dirtelo “, ci ha detto la moglie di Kociban.

Anche nel villaggio di Malkushi, il luogo di nascita di Kokiban, la gente non sa dove sia. Sua madre, che afferma di sapere che suo figlio è stato rilasciato, dice di non averlo visto dal 2009, quando era in custodia.

In carcere, secondo fonti ZdG, Vasil Koujban, soprannominato “Bazili”, era un membro attivo del gruppo criminale “Makena”. Si presume che sia un leader non ufficiale tra i detenuti nella prigione n. 9, il bambino. Negli ultimi sei anni, aveva goduto dello status di “supervisore di falegnameria” nell’istituto correzionale dove aveva scontato la pena.

Secondo la National Ports Agency, nei primi sette mesi del 2020, 101 detenuti sono stati rilasciati sulla parola, in base all’art. 91, codice penale. Nel 2019, sulla base dello stesso articolo, 427 persone sono state rilasciate con la condizionale.

Il testo verrà prelevato dalla pagina www.zdg.md entro il limite massimo 1000 marchi. Obbligatorio, nel caso di pagine web, In testa, Va anche notato collegamento diretto L’articolo in questione, e nel testo, ha almeno un collegamento ipertestuale alla fonte principale. Le organizzazioni dei media che scattano articoli o foto da pubblicare su programmi televisivi o radiofonici citeranno la fonte e le versioni stampate indicheranno la fonte e l’autore delle informazioni. Il materiale su www.zdg.md è protetto dalla Legge 139 sul diritto d’autore e sui diritti connessi, compreso il Codice etico per i giornalisti della Repubblica di Moldova. L’acquisizione completa dei materiali ZdG è possibile solo previo accordo con la redazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *