Un caso sospetto di epatite A in Manitoba legato all’astinenza dal mango congelato

Un caso sospetto di epatite A in Manitoba è collegato a mango congelati contaminati e i funzionari sanitari della contea hanno incoraggiato i residenti di Manitoban che hanno consumato il prodotto nelle ultime due settimane a chiedere consiglio medico sull’opportunità di vaccinarsi.

Sabato, Public Health Canada ha emesso un richiamo per i seguenti prodotti:

Finora, secondo un comunicato stampa del governo del Manitoba giovedì, ci sono stati due casi confermati di epatite A in Quebec e uno in Nuova Scozia legati ai prodotti. Un possibile caso è stato identificato nel Manitoba.

Coloro che hanno contratto la malattia hanno manifestato i sintomi tra la fine di marzo e la metà di luglio di quest’anno.

I funzionari della sanità pubblica affermano che la vaccinazione contro l’epatite A può prevenire i sintomi.

Manitoba invita chiunque nella provincia abbia consumato il prodotto negli ultimi 14 giorni e non sia ancora vaccinato contro l’epatite A, a contattare Health Links e chiedere se deve essere vaccinato. Health Links può essere raggiunto al 204-788-8200 a Winnipeg o al numero verde 1-888-315-925.

Chiunque non sia sicuro che un prodotto a casa sia nell’elenco non dovrebbe consumarlo con cautela. Metti il ​​mango in un sacchetto di plastica richiudibile, gettalo e lavati le mani con sapone e acqua calda, dice la contea.

Chiunque abbia o sospetti di aver recuperato prodotti aperti nel frigorifero o nel congelatore dovrebbe considerare di lavare e igienizzare le aree e lavarsi le mani in seguito.

Chiedi al personale dei ristoranti se un prodotto contenente mango fa parte del richiamo alimentare. Se lo sono, o se il personale non lo sa, non consumare voci di menu che contengano mango.

La contea afferma che le persone con epatite A non diagnosticata che non mostrano sintomi possono trasmetterla ad altri e chiunque sia diagnosticato non dovrebbe preparare cibo o bevande per nessuno.

READ  Hai mai visto un "albero della luna"? Dove puoi vedere la strana eredità delle missioni Apollo della NASA 50 anni dopo

I sintomi, che sono più probabili negli adulti che nei bambini, includono:

  • Febbre.
  • urina scura;
  • Anoressia.
  • stanchezza o affaticamento
  • Vomito e nausea.
  • Crampi allo stomaco o dolore addominale.
  • Ittero (ingiallimento della pelle e degli occhi).

I sintomi di solito compaiono tra due settimane e 28 giorni dopo l’esposizione, ma possono comparire fino a 50 giorni dopo. Tendono a durare in media due mesi o meno. I sintomi lievi possono durare solo una settimana o due e i sintomi gravi possono durare fino a nove mesi, secondo la contea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *