Calcio italiano schiacciato da un tweet disgustoso

È possibile che l’una o l’altra persona della società calcistica italiana Juventus venga espulsa. Quale altro risultato potrebbe esserci dopo un post come quello che hanno appena pubblicato su Twitter?

Giovedì, l’account delle Juventus Women ha pubblicato una foto di una giocatrice che allunga gli occhi con le dita mentre indossa un cono arancione sulla testa. La combinazione di emoji che hanno usato nel post non ha reso la foto meno rilevante.

Ci sono voluti non più di pochi secondi perché migliaia di persone li contattassero tramite le foto con accuse razziali. Il post ha subito ottenuto un punteggio elevato con migliaia di persone che chiamavano la Juventus per i loro fantastici post.

Il post è stato cancellato dopo 25 minuti. Molti hanno notato quanto sia stato miracoloso che la pubblicazione sia durata così a lungo in primo luogo.

Giovedì il tweet razzista della Juventus.

Circa 10 minuti dopo, le donne della Juventus hanno rilasciato una dichiarazione scusandosi per il tweet. Il club ha affermato che non era destinato a causare polemiche, offendere nessuno o utilizzare sfumature razziali.

Purtroppo non è la prima volta che la Juventus affronta il problema del razzismo. Nel 2019, la stella della Juventus Moise Kean è stata oggetto di abusi razzisti in una partita, solo per il suo compagno di squadra Leonardo Bonucci per difendere principalmente le azioni dei tifosi.

READ  Guarda Roger Federer godersi il paesaggio a Venezia, in Italia

Purtroppo il razzismo nel calcio italiano è stato un problema per molto tempo. I giocatori di colore che gareggiano in Serie A sono stati oggetto di abusi razzisti per anni.

Di solito i loro sforzi consistevano nel cercare di risolvere il problema Sono caduti di faccia Sembra una satira.

Di recente abbiamo visto la FIFA criticare duramente la squadra nazionale messicana per i cori anti-gay dei fan durante una partita. C’è la possibilità che il tabellone del calcio subisca un duro colpo anche a livello di club.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.