Perché Il Sereno sul Lago di Como, in Italia, è il rifugio perfetto?

Perché Il Sereno sul Lago di Como, in Italia, è il rifugio perfetto?

Con l’avvicinarsi delle festività natalizie, non c’è momento migliore per fuggire. Ecco perché abbiamo voluto condividere alcune delle esperienze e delle caratteristiche eccezionali presenti nella Guida Michelin. Con oltre 5.000 proprietà in tutto il mondo, chi cerca l’avventura può scoprire nuovi luoghi con raffinatezza e senso di esclusività. Di seguito, uno scrittore esplora il gioiello del Lago di Como con una stella Michelin (anch’esso proprietà Michelin Hotels+).

Prenota il tuo soggiorno al Sereno Quie sotto, preparatevi a essere trasportati in un mondo da sogno dove ospitalità e gastronomia si uniscono con risultati paradisiaci.


Sono arrivato a Il Sereno proprio mentre il sole stava tramontando. Il boutique hotel da 40 camere a Torno, sul Lago di Como, ha recentemente guadagnato una stella Michelin per il suo ristorante in loco, Il Sereno Al Lago, e sapevo che questa era la cena che volevo mostrare ai miei genitori durante un tanto atteso viaggio di famiglia alla zona. .

Il saluto dell’ora d’oro è stato surreale: la piscina a sfioro sul lago rifletteva nuvole rosa di zucchero filato mentre i cigni fluttuavano sul lago scintillante e ci siamo seduti al bar della hall per l’ora dell’aperitivo.

Nemesio, il vicedirettore del bar, non ha perso tempo prima di presentare con orgoglio i menu dell’aperitivo e, sebbene tutti noi abbiamo studiato le pagine con interesse, miscele uniche come Un Insolito Spritz con rosa canina, pera, arbusto di rosmarino, distillato di pera e prosecco Extra dry, oppure Ennergo con Rivo Gin, Strega Alberti, lamponi liquidi, limone fresco e kombucha – noi abbiamo scelto il classico. Cocktail Martini ovunque.

“Scelta davvero eccellente”, ha detto Nemesio, entusiasta di come appariva la nostra piattaforma. “È un cocktail che ha molta storia qui.” Abbiamo potuto assaporarne la passione al primo sorso mentre tutti esclamavamo che era uno dei migliori martini che avessimo mai bevuto.

Ph.D. Niccolò Brunelli / Il Sereno al Lago

La passione duratura è diventata il tema della serata poiché era chiaro che i 50 membri dell’ospitalità, molti dei quali giovani italiani, erano felici di lavorare nel ristorante. Successivamente, Matteo Gaeta, Direttore Food and Beverage, ha indicato la passione come motivo specifico della loro prima stella: “Il successo arriva automaticamente quando si hanno eccellenza, attenzione ai dettagli, passione – e ovviamente lavoro di squadra”.

READ  Goggia esorcizza i demoni dell'Altenmarkt e conquista la prima vittoria stagionale

Attualmente Il Sereno Al Lago è l’unico albergo ristorante sul Lago di Como ad aver ottenuto una stella Michelin, cosa di cui Gaeta è molto orgogliosa. Lavora al fianco dello chef napoletano Rafael Lenzi, anch’egli alumnus di locali stellati Michelin a New York, California, Milano, Roma, Hong Kong e Londra.

Sebbene Linzi lavorasse presso Il Sereno Al Lago quando ha ricevuto la sua prima stella Michelin nel 2017 – solo un’intera stagione dopo l’apertura – questa è la prima stella che ha ricevuto come executive chef, il che significa qualcosa di più: “Getting Like this” È stato sicuramente una soddisfazione diversa perché il risultato è stato quasi esclusivamente frutto del mio impegno.” “È stata una ciliegina sulla torta importante (diciamo in italiano “cilieegino sulla torta”), che ci ha premiato per il lavoro svolto e ci ha fatto capire che la strada “Quella che abbiamo preso era la strada giusta”.

Mentre gli ultimi raggi di sole scintillavano sul lago, ci siamo diretti a cena nelle ottocentesche grotte di pietra di Moltrasio, un ambito spazio da 20 posti (con 50 posti all’interno).

“Vogliamo che i nostri ospiti fuori dall’hotel si sentano come ospiti a casa”, ha condiviso Gaeta quando ha rivelato che eravamo seduti al tavolo dello chef, un angolo che sembra la tua sala da pranzo privata con accessori da cucina e vista sul lago .

Ti viene offerto un menu à la carte o scegli tra tre menu degustazione: Omakase, ispirato al periodo asiatico dello chef Lenzi; Omaggio alla Tradizione, variazioni creative sui classici regionali; e Vegetali, Tuberi & Radici, un menu vegetariano che secondo Matteo non è solo per vegani.

“Omakase è il racconto della mia filosofia di cucina, è la scelta giusta per i clienti che vogliono mettersi nelle mie mani – spiega Linzi – invece il menù di verdure, tuberi e radici nasce dalla mia passione per le verdure e il desiderio di piacere a coloro che non vogliono o non possono mangiare pesce.” O carne.”

Il Sereno

Il Sereno

Dopo molte riflessioni e un bicchiere di spumante di benvenuto (Franciacorta, la famosa varietà frizzante della Lombardia), abbiamo optato per Omaggio alla Tradizione, che Lenzi ha descritto come un’interpretazione di “ricette tipiche italiane in una veste nuova, autentica e più leggera”.

READ  Brillano gli All Blacks per battere il record di vittorie contro l'Italia

Il piatto arriva velocemente: un quartetto di fave, pecorino, salmerino alpino “in carbone”, minestra maritata (una zuppa nuziale italiana) e la mia scarola repassata (un tradizionale condimento napoletano di scarola saltata con pinoli e olive). Che serviva come ripieno per un piccolo calzone). Quest’ultimo è un piatto popolare nella città natale di Linzi e viene spesso annaffiato con la birra, quindi viene servito con gelatina di birra per confronto.

“Nella mia cucina la tradizione convive con l’innovazione”, dice Lenzi, che ha continuato il nostro piatto successivo: la carbonara di cavolfiore. Questo scambio sorprendentemente rinfrescante del classico piatto di pasta è creato utilizzando una base di crema inglese e sgocciolatura di pancetta, invece del grasso normalmente utilizzato. Poi il risotto al pesce persico, un piatto regionale che Linzi serve con il pesce persico insieme al risotto cotto nell’acqua di mozzarella (questo non solo gli conferisce sapore, dice Linzi, ma riduce anche la quantità di burro utilizzata nella crema, incarnando ancora una volta la sua capacità di schiarire uniformemente la pelle tono). I piatti più ricchi) e ricoperti di polvere di salvia da mescolare a piacimento ai commensali.

Abbiamo ripulito i piatti con focaccia fatta in casa e pane saraceno – precedentemente consegnati su bancali di legno realizzati da un falegname locale tra il primo dolce e gli antipasti – che inizialmente abbiamo combattuto la voglia di consumare per paura di saziarci, ma Scarpetta era così divina che non ha perso l’occasione di divorare ogni ultimo boccone.

Il detergente per il palato del sorbetto al limone con vermouth alle mandorle è arrivato mentre tutto si appoggiava indietro per fare più spazio ai due antipasti successivi.

C’era Lavarette, popolare pescatore del Lago di Como, che serviva la plancha con un ciuffo di cassuola (tipico spezzatino lombardo con cavoli e costolette di maiale), due scarole arrostite e millefoglie di patate. Successivamente, durante l’inverno a Napoli, viene servito lo spezzatino, una versione decostruita di uno spezzatino di carne (che può essere birra, vitello, agnello o montone). Il sous vide e poi il roast beef sono il punto focale del piatto una volta terminato al tavolo.

Per dessert è stato steso un carretto pieno di babà, un pan di spagna italiano infuso al rum. Lo chef ha tagliato ogni torta a metà e l’ha preparata con polvere di gelato allo zafferano per un finale brillante, sia visivo che al palato. La Sibilla Passio del 2013, un vino da dessert campano prodotto da uve Falanghina, è servito come finale dei nostri curati abbinamenti di vini. Sebbene sia un componente aggiuntivo, ne vale la pena; Il vino ben miscelato eleva un pasto già straordinario in un’esperienza gastronomica completa.

READ  Questo è stato il primo ristorante McDonald's in Italia, e sembra che non sia solo un fast food

Poi tiramisù ai gusci d’uovo al caffè di cicoria (decaffeinato per i non italiani che hanno bisogno di chiudere gli occhi), torta di mele e torta al limone innaffiati con tè al finocchio e verbena cedrina; Il miglior digestivo analcolico.

Mentre ci godevamo gli ultimi bocconi – inclusa una crème brûlée a sorpresa attaccata a una candela per il compleanno speciale di mia madre – e in cucina cadeva il silenzio al termine dell’ultimo servizio, ci siamo spostati verso il lago per osservare la scena trasformarsi in un abbagliamento di luci dal comune limitrofo di Moltrasio. Ce ne siamo andati, sazi e felici ma certamente non eccessivamente indulgenti, che è esattamente ciò a cui mira lo chef.

“Speranza [guests] Ti senti bene, ma allo stesso tempo non gravato. Quest’ultimo aspetto è quello a cui presto più attenzione nella preparazione dei piatti e quindi voglio che risalti.” “La mia cucina è semplice, leggera e materica e voglio che questa idea rimanga impressa in chi viene a mangiare al ristorante .”

Ritratto dell’eroe: Il Sereno

Tutte le foto per gentile concessione di Il Sereno Al Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *