Pelé era il più grande giocatore per i giocatori

tra non molto – molto tempo, lungo Prima — l’avvento dei micro-media che hanno attraversato i continenti, che hanno sviluppato una certa misura del dialetto dell’informazione globale, che hanno risciacquato lo sport attraverso il ciclo di lavaggio, che in parte è esploso in un dibattito sulle capre, la lingua comune era pellet risplendi.

Nel 1961, Pelé è stato ufficialmente dichiarato “tesoro nazionale” dal presidente del Brasile Yannio Cuadros, un titolo di Coppa del Mondo e una manciata di trofei di club nella sua carriera calcistica, che lo hanno legalmente allontanato dal Santos a San Paolo proprio come lo era l’Europa. Per diventare l’epicentro dei talenti e delle risorse del calcio mondiale. Nel 1962, Pelé si infortunò nella seconda partita della Coppa del Mondo e perse la marcia del Brasile verso un altro titolo. Nel 1966 lo era Violato In ginocchio da feroci difensori avversari, il Brasile non è riuscito a uscire dalla fase a gironi.

Quindi, nel 1970, la grandezza, la maestria, le fioriture, l’improvvisazione di Pelé, ma con elementi di una saga, furono ampiamente riconosciuti. Il palcoscenico perfetto per mostrarlo al di là di ogni dubbio? La Coppa del Mondo di quell’estate, il primo torneo trasmesso in diretta a un pubblico mondiale. E ha mostrato quello che aveva fatto, soprattutto in finale, con un clamoroso 4-1 sull’Italia dove ha aperto di poco le marcature. Testa fredda E ha contribuito a sigillarlo con uno dei più grandi passaggi di sempre come centro a Sequenza leggendaria.

“Mi sono detto prima della partita che era fatto di pelle e ossa come tutti gli altri”, ha detto il difensore italiano Tarcisio Burgnic, che è stato assegnato alla sorveglianza di Pelé. “Ma mi sbagliavo.”

READ  Melges 24 European Sailing Series 2022 presso Società Triestina Sport del Mare

Pelé è morto giovedì all’età di 82 anniE il Sono arrivati ​​i tributi. Da quel torneo del 1970, l’iconografia impareggiabile di Pelé si è ampliata, grazie in gran parte a coloro che l’hanno prodotta molto prima di allora.

Cristiano Ronaldo. Johan Cruijff. Franz Beckenbauer. Alfredo Di Stefano. Ferenc Puskas. Sir Bobby Charlton. Bobby Moore.

Ognuno è nella rosa dei migliori e più influenti giocatori della storia.

tutti uniti dentro Elogio sincero per Pelé.

Il miglior giocatore di sempre nel gioco ha convenuto che Pelé era il migliore in assoluto nel giocare. (Photo by Monte Frisco/Daily Mirror/Mirrorpics via Getty Images)

“Mi rifiuto di classificare Pelé come giocatore. Era al di sopra di questo”, ha detto Puskas, l’attaccante ungherese noto come atleta. La prima stella globale il cui nome continua ad essere l’obiettivo ufficiale del premio FIFA di quest’anno.

“Pelé è il più grande giocatore nella storia del calcio e ci sarà un solo Pelé al mondo”, ha detto Ronaldo, il cui successo individuale e di club nell’era attuale ha reso il suo prestigio rarefatto.

“È il giocatore più completo che abbia mai visto”, ha detto Beckenbauer, un ribelle di posizione che potrebbe essere il più grande difensore di tutti i tempi e che ha portato trofei sia alla Germania che al Bayern Monaco.

“Pelé è stato l’unico calciatore che ha oltrepassato i limiti della ragione”, ha detto Cruyff.

Il principale successore ideologico di Cruyff è stato Pep Guardiola, che lo ha allenato al Barcellona. E quando Guardiola ha allenato lo stesso Barcellona, ​​Lionel Messi è stato al centro del suo successo Titolo di Coppa del Mondo All’inizio di questo mese è saltato accanto o accanto a Pelé, a seconda di chi chiedi.

READ  Notizie Ucraina 2022 Lo Zipre FC salva 49 persone da Kiev su un autobus diretto in Italia

Non lo ribadiremo qui. Non faremo causa ai secoli, né andremo troppo a fondo su quale giocatore vada più in alto dopo la traversa. Ci riferiremo semplicemente ad esso prima del pellet ero qualsiasi barra.

Nessun giocatore ha raggiunto il livello di elogi che Pelé ha ricevuto. Forse questo è dovuto al fatto che il tono del mondo dell’informazione è diventato troppo grande per il suo bene, la malafede espressa semplicemente per interesse e un sacco di hacker che convalidano eccessivamente le loro preferenze, compromettendo in modo permanente il flusso del pozzo e mantenendo qualsiasi giocatore fuori da qualsiasi tempo fa. acclamato di nuovo dal mondo.

Questa è una conversazione più complicata. È chiaro: Pelé è stato il più grande giocatore per i giocatori.

“A volte mi sembra che il calcio sia stato inventato per questo mago”, ha detto Charlton, come se fosse più inglese che mai.

“Il miglior giocatore di sempre? Pelé. Lionel Messi e Cristiano Ronaldo sono entrambi grandi giocatori con qualità specifiche, ma Pelé era migliore”, ha detto Di Stéfano, il nazionale spagnolo di origine argentina la cui abilità nel segnare è stata la base sia per il Real Madrid che per i giocatori. La competizione che oggi conosciamo come UEFA Champions League.

“Mi ricordo [former Brazil manager João Saldanha] Un giornalista brasiliano gli chiede chi è il miglior portiere della sua squadra. disse Pelè. “Il ragazzo può giocare in qualsiasi posizione”, ha detto Moore, descritto dallo stesso Pelé come il miglior difensore che abbia mai affrontato.

Pelé ha condiviso il premio FIFA Player of the Century con la ruggente Supernova Diego Maradona Dopo che quest’ultimo è scappato con il voto dei fan online, che si è orientato verso la generazione online più giovane, più intelligente. La FIFA è intervenuta e ha intervistato un gruppo di giornalisti, funzionari e allenatori. Pelé ha vinto più del 70% di questo voto.

READ  Hame Faiva: Worcester Warriors firma la prostituta italiana dalla Benetton

Anche Maradona è riuscito a raccogliere la sua versione degli elogi. “Peccato che non siamo mai andati d’accordo, ma era un grande giocatore”, ha detto Maradona.

prima del pelletI giocatori non hanno nemmeno osato fare le mosse audaci che vediamo oggi in campo. Prima di Pelé, la maglia numero 10 era solo un altro numero della squadra. Prima di Pelé, nessuno era davvero sicuro che esistesse “il più grande calciatore di tutti i tempi”.

Dopo Pelé, tutti erano d’accordo su chi fosse.

Quando Pelé ha segnato il quinto gol in… [the 1958 World Cup final]”Devo essere onesto e dire che ho sentito un applauso”, ha detto il difensore svedese Sigi Barling.

Pelé ha avuto questo effetto sulle persone. Soprattutto il migliore di sempre per il suo sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.