Pecco Bagnaia: Wild Win, video popolari e un famoso traguardo: perché l’italiano è un astro nascente in MotoGP

“Mia sorella ha solo 20 mesi più di me”, ha detto l’italiano alla CNN dal media center di Austin Circuit of the Americas. Quando eravamo bambini, era difficile per lei chiamarmi “Francesco”, così mi chiamava “Pico, Pico, Pico! “Ogni mattina, così, e mi è piaciuto molto.”

È un nome che sta diventando sempre più familiare nella sua terra d’origine, anche perché una delle star più conosciute e apprezzate d’Italia sta per salire sul podio della MotoGP.

Il 14 novembre Valentino Rossi calerà il sipario su una carriera che ha ridefinito lo sport. Rossi può essere tanto unico quanto insostituibile, ma ci sono indicazioni che l’Italia possa aver trovato il suo successore.

Il mese scorso al MotoGP di Aragon, Bagnaia ha catapultato la sua Ducati in testa dalla pole position, prima che l’indomito Marc Marquez della Repsol Honda iniziasse ad attirarlo.

A tre giri dalla fine il catalano è passato al giovane italiano, ma Bagnaia ha subito ripreso la testa della corsa. Sono seguiti pesanti combattimenti prima che il pilota della Ducati bruciasse il traguardo, a soli 0,673 secondi da Marquez, per ottenere la sua prima vittoria in Classe A.

Marquez ha valutato la prestazione di Bagnaya dopo la gara. “Ho cercato di analizzare dove fosse veloce e dove fossero i suoi punti deboli [were]”Ma non c’erano punti deboli”, ha detto ai giornalisti, “era veloce su tutte le piste”.

Dopo una settimana davanti all’affollato circuito Marco Simoncelli di Misano, in Italia, Bagnaia ha condotto l’intera gara di 27 giri, tagliando il traguardo per vincere davanti a una folla partigiana e conquistare il secondo posto in campionato.

“La gente sta piangendo per me”

Per un pilota italiano, vincere una gara in Italia su una Ducati è un momento da apprezzare.

“Vincere è sempre vincere ed è speciale – dice Bajnaya con un sorriso -. La prima vittoria ad Aragon è stata un grande momento per me, ed è stato molto commovente, ma farlo davanti ai nostri tifosi è stato come un sogno per me .”

“Quando ho guardato la folla della Ducati in passerella, ero così emozionato. Perché ho potuto vedere che c’erano anche mia madre, mio ​​fratello e i miei amici, e tutte queste persone urlavano per me, incredibile”.

L’elogio per il doppio successo di Bagnaia è arrivato dallo stesso Rossi, che ha descritto la vittoria di Aragon come una “gara A-plus” e ha notato che il futuro della MotoGP in Italia era “in buone mani” con Bagnaia e il connazionale Franco Morbidelli.

Bagnaia gareggia durante la San Marino Motorcycle Race al Misano World Circuit Marco-Simoncelli il 19 settembre 2021 a Misano Adriatico, in Italia.

Il 24enne Bagnaia si è diplomato alla VR46 Russian Academy e il pilota Ducati conosce il suo idolo da molti anni.

READ  Paul Gascoigne ricorda il momento "spaventoso" di 8.000 fan travolti in vacanza in Italia

“Ricordo molto bene la prima volta che l’ho incontrato”, ricorda Bajnaya. “Stavamo cenando… e Vale e il nostro allenatore sono venuti al ristorante. Ero così nervoso all’idea di incontrare il mio idolo. È stato strano avere il mio idolo di fronte a me e stringermi la mano”.

Negli ultimi mesi quel rapporto è diventato ancora più stretto.

“Penso che ora siamo buoni amici e parliamo molto della mia celebrità”, ha detto Bajnaya alla CNN. “Nell’ultimo mese mi ha sempre parlato di essere sempre il migliore, di essere migliore ogni volta”.

Bagnaia festeggia dopo aver vinto il Gran Premio MotoGP di San Marino.

canzone preferita

Quest’estate Bagnaia è apparsa nel video pop per la canzone “Allegria” con il leggendario cantante italiano Gianni Morandi insieme al cantante, cantautore e rapper Jovanotti.

Girato nel famoso ranch VR46 di Rossi, Bagnaia è visto nel video su una moto da cross, mentre si scatena intorno a un gruppo di ballerini alla moda degli anni ’60. È stata un’esperienza surreale per il giovane pilota.

“Sono un grande fan di Gianni Morandi e Jovanotti. Jovanotti è il mio idolo in questo mondo, e quando ci hanno chiesto di fare il video, ero molto emozionato perché la mia canzone preferita è una delle mie canzoni di Jovanotti, quindi è stato strano che ci stava chiedendo di fare un video del genere.”

Bagnaia irradia mentre ricorda il giorno.

“Abbiamo iniziato a guidare la moto, stavamo ballando, è stata una giornata davvero fantastica, mi sono divertito così tanto. Gianni Morandi e Jovanotti sono ragazzi incredibili, quindi è stato davvero bello farlo”.

Bagnai guarda durante la conferenza stampa pre-evento durante la MotoGP d'Italia a maggio.

Bajnaya è stato persino ispirato a creare un casco speciale per commemorare la canzone che ha indossato alla gara di Misano.

“Pensavo ‘Cosa ti offre Misano?’ E io dico che è come a casa, e la casa è divertente, ed è ‘Allegria’ (deliziosa)”, spiega. “Correre a casa è sempre una bella sensazione, e tutti i giorni hai un sorriso sul viso perché sai che tutte le persone che stanno arrivando ti urleranno contro, ed è qualcosa che senti, quindi dico ‘Alegria’ è la cosa migliore da dedicare.”

Questi sguardi di fama sono ancora nuovi per l’umile Bagnaia. La MotoGP è una religione in gran parte d’Italia, ma crescendo nella piccola cittadina di Chivasso, vicino a Torino, non era in una delle roccaforti dello sport.

READ  Quando è la cerimonia di apertura di Euro 2020 e come puoi guardarla?

“A Torino l’unico sport a cui si può ambire è lo sci o il calcio”, spiega. “Non è stato facile ottenere supporto a scuola perché andavo sempre via dalla gara, e chiamavano sempre mia madre e dicevano: ‘Oh tuo figlio non è a scuola, cosa sta facendo?'” “

Bagnaia di Spagna guida Marc Marquez e il Team Repsol Honda durante la gara motociclistica di Aragon al Motorland Aragon il 12 settembre 2021 ad Alcaniz, in Spagna.

Ora, però, le cose stanno cambiando. “Se avessi pensato, tre anni fa, due anni fa, avrei camminato facilmente nella mia città natale, ma ora è molto più difficile”, sorride. “Ora tutti conoscono la MotoGP ed è molto bello da vedere”.

Bagnaia ha recentemente ricevuto a Chivasso un premio speciale, assegnato ai suoi abitanti più importanti. Ora ha anche un fan club ufficiale, che ha appena innalzato uno striscione gigante a suo nome sulla piazza principale della città.

“Sono sempre andato in crash’

Le sue prime due stagioni in MotoGP sono state dolorosamente punteggiate da incidenti ed è stato gravemente interrotto da un infortunio quando si è rotto una gamba durante l’allenamento alla MotoGP ceca 2020.

“Ho avuto molto feeling con l’anteriore della moto. Cadevo sempre, ma senza sapere perché. Quindi, era difficile associare l’incidente a qualcosa, e quando succede si perde fiducia”, spiega.

Ma in questa stagione le cose sono cambiate. “Quando ho iniziato quest’anno, ho deciso di fare quest’anno per imparare e svilupparmi. Fin dall’inizio, ho imparato molto su come gestire le gomme, per essere sempre costante e veloce e non oltrepassare il limite “, ha ha detto alla CNN.

Bagnaia e Valentino Rossi sono stati fotografati insieme al Gran Premio d'Italia al Circuito del Mugello il 27 maggio 2021 a Scarberia e San Piero, in Italia.

Parlando con calma e pensieroso, Bagnaia stava anche riflettendo sulle tragedie che hanno colpito il motociclismo quest’anno, con tre piloti adolescenti che hanno perso la vita, più recentemente Dean Berta Vinales, cugino della stella della MotoGP Maverick Vinales, in incidenti simili.

“Abbiamo già perso tre corridori junior quest’anno”, ha detto Bajnaya alla CNN. “L’ultimo di loro aveva circa la stessa età di mio fratello, quindi se ci penso, è incredibile”.

“Quando decidi di correre con una moto accetti anche il fatto che stai correndo un rischio. Adesso le aree di deflusso sono molto grandi e non ci sono muri in pista, quindi per noi è molto più sicuro. Ma il problema è ancora quando ti schianti e tu [remain] Sulla strada. È qualcosa che non puoi gestire”.

Bajnaya crede che i funzionari sportivi dovrebbero agire.

“In questa categoria, dove ha perso la vita Vinales, ci sono 40 piloti, con moto non velocissime. Quando sei così, questo tipo di incidente può capitare di più… in queste altre categorie quando invecchi, che prima di guidare ai Mondiali, (avendo meno piloti in pista) opportunità e possibilità”.

READ  Juventus-Udinese 2-0: Paulo Dybala manda un messaggio ai dirigenti del club con il primo gol

Il Direttore della MotoGP e del World Superbike Dorna non ha commentato gli eventi recenti, ma la CNN ha appreso che nuove misure di sicurezza, già pianificate prima di queste recenti tragedie, saranno presto annunciate dalla Fédération Internationale de Motocyclisme e da Dorna

Fabio Quartararo, Marc Marquez e Bagnaya festeggiano sul podio dopo il Gran Premio delle Americhe della MotoGP il 3 ottobre 2021 ad Austin, in Texas.

ciao val

L’italiano ha continuato le sue vittorie ad Aragon e Misano con un terzo posto di fila ad Austin, ma è stato in grado di gestire solo il terzo posto in gara, dietro al leader del campionato Fabio Quartararo in seconda e Marc Marquez.

A sole tre gare dalla fine, Bagnaia sa che le sue possibilità di aggiustare Quartararo sono appese a un filo.

Con l’arrivo dell’inverno, la MotoGP torna a Misano prima delle gare di Portimao, in Portogallo, e di Valencia, in Spagna.

“Di certo non sarà facile ripetere la vittoria (a Misano), perché le condizioni saranno molto diverse”, ha detto alla CNN.

“Il 24 ottobre in Italia fa molto freddo, quindi vediamo cosa succede. Penso che con il passo che abbiamo fatto quest’anno, con il mio feeling sull’anteriore, il freddo non sarà un problema”.

“Portimao è un’altra pista che mi piace, lì ho fatto un podio ed ero molto competitivo; ma a Valencia non ho mai gareggiato, ho sempre faticato molto, è una pista dove non mi sento a mio agio, quindi quest’anno tutto deve cambiare, perché voglio davvero stare al passo”.

L’unica cosa che Bajnaya ha ceduto alla perdita è stato il ritiro della sua stella di punta, Rossi.

“Non sarà facile accettare il fatto che non correrà l’anno prossimo”, dice malinconicamente. “Dal primo anno in cui sono salito in Moto3, è lì, e dal 2014 abbiamo anche iniziato a condividere la nostra giornata a casa. Non riesco a pensare al prossimo anno perché è così difficile da accettare. Sarà così strano .”

Mentre gli appassionati di moto italiane voltano pagina sulla classe di Valentino Rossi, cresce la sensazione che la storia di Pecco Bagnaia sia solo all’inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *