Osimhen annega la Fiorentina nella cerimonia del titolo del Napoli

Osimhen annega la Fiorentina nella cerimonia del titolo del Napoli

Victor Osimhen Il Napoli ha vinto domenica per 1-0 contro la Fiorentina nella prima apparizione dei campioni di Serie A davanti al pubblico di casa da quando sono stati incoronati re per la prima volta in 33 anni.






L’attaccante della Nigeria Osimhen ha realizzato un rigore al 74′, portando il suo bottino in campionato a 23 pochi giorni dopo aver segnato il gol che ha regalato al Napoli il terzo titolo di Serie A, segnando un record di cinque presenze.

L’atmosfera festosa del Napoli ha regnato dal sorteggio di giovedì a Udine, e domenica pomeriggio i tifosi hanno lanciato fuochi d’artificio e razzi nelle strade affollate intorno allo stadio intitolato alla loro icona Diego Maradona in una splendida giornata di sole nel sud Italia.

Bar e ristoranti affollati hanno fatto un vivace commercio con gente del posto e turisti vestiti di blu con un’atmosfera festosa ma rilassata che ha conquistato la città.

Prima del fischio d’inizio, i tifosi hanno esposto la bandiera italiana con il numero 3 in onore della vittoria del titolo e hanno reso omaggio ai loro eroi con forti cori di “We are the champions”.

Ma una volta iniziata la partita, lentamente si è assopito il terreno, non aiutato da due squadre senza nulla con cui giocare e dal Napoli che non creava quasi nulla.

Osimhen non poteva nemmeno sbagliare un rigore un minuto dopo l’intervallo dopo la sfida di rugby di Sofiane Amrabat su Stanislav Lobotka.

Tuttavia, il capocannoniere della Serie A ha avuto la possibilità di riscattarsi quando ha impedito a Nicholas Gonzalez di dribblare illegalmente Khafecha Kvaratskhelia verso la porta, e questa volta non ha commesso un errore.

READ  City e Inter in semifinale di Champions League

I razzi sono stati accesi sul terreno e il fumo blu ha riempito l’aria per celebrare la massiccia vittoria del Napoli in testa alla classifica a 17 punti sugli acerrimi rivali della Juventus.


VLAHOVIC offeso

La Juventus occupa il secondo posto dopo la vittoria per 2-0 sull’Atalanta, che sta inseguendo i suoi colleghi in Champions League, i cui tifosi hanno abusato razzialmente del capocannoniere Dusan Vlahovic.

L’attaccante della Serbia Vlahović ha terminato il lavoro nel pieno dei minuti di recupero e poi si è inimicato una parte dei tifosi della squadra dopo essere stato precedentemente insultato come “zingaro”, un abuso che ha portato alla breve sospensione della partita dall’arbitro Daniele Duvry.

La parola italiana Roma è spesso usata da sezioni di tifosi di calcio come un insulto ai giocatori dei Balcani e dell’Europa orientale, indipendentemente dalla loro etnia.

“Purtroppo questi cori continuano a salire, devono essere affrontati”, ha detto a DAZN l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri.

La Juventus, che giovedì ospita il Siviglia nelle semifinali di European League, ha due punti di vantaggio sulla Lazio, che sabato ha perso contro il Milan, e ha buone possibilità di qualificarsi alla Champions League la prossima stagione.

La squadra di Allegri ha cinque punti di vantaggio sul Milan, quinto, ma le sue speranze di qualificarsi alla massima competizione europea attraverso la classifica di campionato dipendono da una sentenza della Federcalcio italiana (FIGC) su presunte attività di trasferimento illegale.

Il mese scorso, il più alto tribunale sportivo italiano ha ribaltato una sanzione di 15 punti inflitta alla Juventus a gennaio dalla Corte d’Appello della FIFA, che deve emettere una nuova sentenza.

READ  Gran Premio della Stiria 2021 in diretta TV Times F1

Le possibilità dell’Atalanta di raggiungere i primi quattro posti sono state vanificate dalla sconfitta, con la squadra di Gian Piero Gasperini, staccata di cinque punti dall’Inter quarta e in testa alla classifica europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *