Insomma: rispetto dei diritti umani da parte delle imprese in Italia

Relazioni e informative societarie

Requisiti legali e normativi

Le società nella tua giurisdizione sono soggette a requisiti legali o normativi in ​​materia di segnalazione o divulgazione dei diritti umani?

D.Lgs. 254/2016L’attuazione della direttiva 2014/95/UE sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario e sulla diversità impone l’obbligo di redigere, per ciascun esercizio, una dichiarazione che consenta di comprendere l’attività e le performance dell’impresa in relazione all’ambiente, alla società, gestione delle risorse umane, diritti umani e anticorruzione. Gli enti di interesse pubblico devono effettuare una dichiarazione per ogni esercizio in cui hanno avuto, in media, più di 500 dipendenti e che, alla data di bilancio, hanno superato almeno uno dei due seguenti limiti dimensionali:

  • Bilancio totale: 20 milioni di euro; O
  • Totale ricavi netti delle vendite e delle prestazioni: 40 milioni di euro.

In conformità alla normativa nazionale, le seguenti società italiane destinate a scopi specifici devono, tra l’altro, pubblicare una relazione annuale sull’impatto sociale e ambientale delle loro attività e sul raggiungimento dei loro obiettivi e della loro missione:

Qual è la natura e l’estensione della segnalazione o della divulgazione richiesta?

La comunicazione di informazioni non finanziarie e relative alla diversità deve includere l’attività che l’ente intraprende in relazione a:

  • Gestione sociale e gestione del personale, comprese le azioni intraprese per garantire la parità di genere, le misure per attuare i pertinenti accordi delle organizzazioni internazionali e transnazionali, i dettagli del metodo per condurre il dialogo con le parti sociali; E
  • Rispetto dei diritti umani, comprese le misure adottate per prevenire le violazioni e le azioni intraprese per prevenire atteggiamenti e azioni discriminatorie.

Per quanto riguarda le società finalizzate, le informazioni da presentare nella relazione annuale devono rispettare specifici criteri previsti dal legislatore per ciascuna situazione giuridica. in particolar modo:

  • Secondo la Legge 208/2015, le aziende beneficiarie devono redigere un report che presenti tutte le informazioni relative al raggiungimento degli obiettivi di mutuo vantaggio previsti dalla normativa e misuri l’impatto generato dall’azienda nelle aree rilevanti, quali governance, dipendenti, stakeholder e l’ambiente;
  • Per quanto riguarda i progetti innovativi con professione sociale, nel 2015 la Circolare 3677/C emanata dal Ministero dello Sviluppo Economico ha introdotto l’impegno per tali startup a pubblicare annualmente una Valutazione di Impatto Sociale, redatta secondo le linee guida contenute nella pubblicazione; E
  • Ai sensi dell’articolo 9 del D.Lgs. 112/2017, anche le imprese sociali e le cooperative sociali devono pubblicare un bilancio sociale secondo le linee guida emanate dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 4 luglio 2019.
READ  Hyundai Pony Coupe Concept restaurata - Dopo 50 anni, svelata nella città natale in Italia, Business News

Chi sono i soggetti che applicano tali requisiti e qual è l’estensione dei loro poteri?

Da un lato, è prerogativa del consiglio di amministrazione assicurare che la divulgazione di informazioni non finanziarie e relative alla diversità sia predisposta e pubblicata. Ai sensi dell’articolo 8 del D.Lgs. 254/2016, le sanzioni pecuniarie sono determinate e applicate ai membri del Consiglio di Amministrazione in caso di inosservanza.

Il Collegio Sindacale, invece, vigila sull’informativa, considerando principalmente:

  • rispettare le leggi e i regolamenti, nonché i principi di corretta amministrazione;
  • adeguatezza del sistema organizzativo, amministrativo, contabile e di controllo interno; E
  • L’adeguatezza dei processi di identificazione e gestione dei rischi aziendali, nonché di estrazione e rendicontazione dei dati rilevanti ai fini dell’informativa.

L’informativa è inoltre soggetta a vigilanza esterna da parte dell’ente preposto alla revisione legale del bilancio d’esercizio della società. Tale presidio è connesso all’attuazione e al rispetto del D.Lgs. 254/2016. L’ente deve rilasciare un’attestazione sulla rispondenza delle informazioni contenute nell’informativa ai requisiti stabiliti dal decreto legislativo.

Per quanto riguarda le società orientate allo scopo:

  • Le società beneficiarie sono soggette a controllo antitrust e sanzioni in relazione a pubblicità ingannevoli (Decreto Legislativo 145/2007) e pratiche commerciali sleali ( codice del consumo);
  • Le startup innovative con professione sociale sono sottoposte annualmente alla verifica da parte della Camera di Commercio del rispetto degli adempimenti di legge;
  • Le imprese sociali sono controllate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che istituisce ispezioni e può disporre la decadenza dallo status; E
  • Le cooperative sociali sono sottoposte al controllo statale e, in caso di irregolarità, le conseguenze sono la cancellazione dall’albo, lo scioglimento per atto d’autorità e l’obbligo di trasferimento dei beni.
READ  Cosa possono imparare i marchi di lusso dai giochi arcade di nicchia

Criteri volontari

A quali standard volontari le aziende dovrebbero fare riferimento per orientarsi sulle migliori pratiche in relazione a qualsiasi regime di segnalazione e divulgazione dei diritti umani applicabile?

La maggior parte delle aziende – in primo luogo le corporazioni – approva pubblicamente il proprio impegno a rispettare i principi intergovernativi in ​​materia di diritti umani, diritti del lavoro e tutela dell’ambiente adottando codici di condotta basati su tali principi.

Strumenti utili per aumentare gli standard sui diritti umani includono:

  • principi e quadri internazionali (come i principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, i principi guida per lo sviluppo dell’Organizzazione per la cooperazione economica, il Global Compact delle Nazioni Unite e gli obiettivi di sviluppo sostenibile); E
  • Standard speciali di valutazione delle certificazioni (come SA 8000, ISO 26000, Impact Assessment B e standard GRI).

Due diligence aziendali

Requisiti legali e normativi

Le aziende nella tua giurisdizione sono soggette a requisiti legali o normativi di due diligence sui diritti umani?

Prescrizioni specifiche per le imprese sono previste dal D.Lgs. 231/2001.

Il regolamento (UE) 2017/821 stabilisce gli obblighi di dovuta diligenza, catena di approvvigionamento, sistema di gestione, informativa e audit di parte terza per gli importatori nell’UE di metalli o metalli contenenti stagno, tantalio, tungsteno o oro.

Qual è la natura e l’estensione della due diligence richiesta?

Con il D.Lgs. 231/2001 deve essere adottato il modello di organizzazione gestionale. Devi fornire:

  • rispetto delle norme tecnico strutturali di legge relative ad attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, fattori chimici, fisici e biologici;
  • attività di valutazione dei rischi e predisposizione alle successive misure di prevenzione e protezione;
  • Attività di carattere organizzativo, quali emergenze, primo soccorso, gestione appalti, riunioni periodiche di sicurezza, consultazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
  • attività di sorveglianza sanitaria;
  • attività di informazione e formazione per i lavoratori;
  • Attività di monitoraggio sul rispetto delle procedure e delle istruzioni per il lavoro in sicurezza dei lavoratori;
  • ottenere documenti e certificati richiesti dalla legge; E
  • Verifiche periodiche sull’applicazione e l’efficacia delle procedure approvate.
READ  Il tributo sostenibile di Colina Strada alle ragazze del pattinaggio di figura dal 2000

Un codice di condotta deve inoltre essere adottato per:

  • Informare i soggetti interni alla Società ed i terzi circa la natura ei contenuti dell’impegno della Società nella lotta alla criminalità e alle condotte illecite, richiedendo loro di sottoscrivere un espresso impegno al rispetto della legge e delle norme del Codice stesso;
  • Aumentare la consapevolezza e la conoscenza dell’etica e delle politiche aziendali tra i dipendenti per ottenere la loro approvazione e supporto nella lotta alla corruzione e alla frode, e contro la negligenza in materia di sicurezza sul lavoro e tutela dell’ambiente; E
  • Sostenere la reputazione dell’azienda per aumentare la fiducia del pubblico.

Sia il Modello di organizzazione gestionale che il Codice di comportamento devono essere pubblicati.

Chi sono i soggetti che applicano tali requisiti e qual è l’estensione dei loro poteri?

Un organo di controllo dovrebbe essere eletto per:

  • Presidiare l’efficacia e l’adeguatezza del modello di organizzazione gestionale.
  • Valutare e suggerire eventuali aggiornamenti o modifiche necessarie al modulo;
  • eseguire controlli sul modulo; E
  • Ricevi segnalazioni relative a potenziali reati o illeciti istituzionali.

A quali standard volontari le aziende dovrebbero fare riferimento per orientarsi sulle migliori pratiche relative a qualsiasi regime di due diligence aziendale rilevante per i diritti umani?

Per valutare i propri rischi per i diritti umani, le organizzazioni possono applicare:

  • principi e quadri internazionali (come i principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, i principi guida per lo sviluppo dell’Organizzazione per la cooperazione economica, il Global Compact delle Nazioni Unite e gli obiettivi di sviluppo sostenibile); E
  • Standard speciali di valutazione delle certificazioni (come SA 8000, ISO 26000, Impact Assessment B e standard GRI).

La legge ha menzionato la storia

Corretto come di

Indicare la data in cui le informazioni di cui sopra sono esatte.

31 gennaio 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *