Nuove leggi mirano a reprimere anche forme moderate di protesta in Russia

Nei primi giorni dell’invasione russa dell’Ucraina, Marat Grachev e il suo staff hanno discusso nella sua officina di riparazione di computer di Mosca su come esprimere la loro opposizione in un ambiente in cui qualsiasi dissenso è stato messo a tacere.

Grachev, 35 anni, ha pensato che sembrava inutile scendere in strada, poiché la polizia stava trascinando via i manifestanti pochi istanti dopo aver affisso striscioni.

Quindi hanno trovato una soluzione numerica.

Sullo schermo di uno dei loro computer, hanno messo la frase “No alla guerra” in russo, sperando che il verbo inviasse un messaggio duraturo a coloro che frequentavano il suo lavoro.

  • Quali domande hai sull’invasione russa dell’Ucraina? Invia un’e-mail a [email protected]

Marat Grachev, 35 anni, si trova nella sua officina di riparazione di computer a Mosca, dove è stato costretto a cambiare uno schermo con su scritto “No alla guerra” ed è stato multato di 100.000 rubli. (Dmitrij Kozlov/CBC)

Il segno è durato fino al 31 marzo.

“Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal fatto che siamo stati in grado di lavorare per un mese intero e che i nostri clienti non hanno consegnato”, ha detto Grachev alla CBC in un’intervista nel suo negozio di Mosca.

Ma le cose sono cambiate quando un passante ha notato lo schermo e ha detto al personale che avrebbe chiamato la polizia se non lo avessero rimosso.

In caso contrario, gli ufficiali si sono presentati il ​​31 marzo. Grachev ha registrato l’interazione quando un agente di polizia ha afferrato il telecomando per spegnere lo schermo e ha iniziato a interrogare tutto il suo staff, chiedendo loro di scendere alla stazione.

Quando Grachev gli ha chiesto se potevano rifiutare, un ufficiale gli ha detto che se lo avessero fatto, la polizia avrebbe potuto prenderli con la forza. Grashev è stato infine multato di 100.000 rubli, l’equivalente di circa 1.500 dollari canadesi.

Cattura dello schermo da un video che Grachev ha registrato quando la polizia si è presentata nella sua officina di riparazione di computer a Mosca dopo che un passante ha riferito che aveva uno schermo che diceva “No alla guerra” in russo. (presentato da Marat Grachev)

Centinaia di arresti

Grachev è una delle almeno 400 persone che sono state multate o detenute in base alle nuove leggi russe che prendono di mira chiunque si creda diffamare i militari o pubblicare e condividere notizie false, secondo OVD-info, un gruppo per i diritti umani con sede a Mosca che fornisce supporto legale in circa un quarto dei casi.

Le autorità hanno represso anche forme benigne di protesta, tra cui una persona che tiene in mano un pezzo di carta, che sembra rappresentare “No alla guerra” in russo, e un uomo che dà copie del romanzo distopico di George Orwell, 1984.

Era una donna anche in Crimea Ha detto È stata arrestata dopo che qualcuno ha pensato che il suo smalto blu e giallo fosse troppo politico, perché le sue unghie erano realizzate con i colori dell’Ucraina.

Gli osservatori legali affermano che c’è stato un cambiamento nella retorica da parte dei funzionari del governo, incluso il presidente russo Vladimir Putin, poiché hanno incoraggiato i cittadini a sradicare coloro che non supportano quella che lo stato insiste nel chiamare “operazione militare speciale” in Ucraina.

Preti, insegnanti e attivisti sono stati arrestati e multati. Alcuni affrontano la prospettiva di anni in custodia.

Grachev è stato trattenuto alla stazione di polizia per quattro ore e il suo telefono è stato confiscato, ma gli agenti inizialmente avevano avvertito che sarebbe dovuto rimanere in custodia durante la notte e che sarebbe stato multato di quasi $ 5.000.

Ha detto che il tono dell’agente di polizia con cui aveva a che fare è cambiato radicalmente quando un “difensore dei diritti umani” è apparso alla stazione con OVD-Info.

Alexandra Paeva, capo dell’ufficio legale di OVD-info, afferma che in un caso la polizia è stata chiamata al bar dopo che una donna aveva fatto un commento relativo alla guerra in Ucraina. (Dmitrij Kozlov/CBC)

L’organizzazione, che il governo russo ha dichiarato un agente straniero e ha bloccato uno dei suoi siti Web, gestisce una linea diretta per le persone che devono affrontare procedimenti politici.

Alexandra Paeva, che dirige il dipartimento legale di OVD-info, ha affermato che il suo gruppo è a conoscenza di 15.000 arresti di manifestanti contro la guerra e di oltre 400 casi amministrativi legati alle nuove leggi dal 24 febbraio.

In linea, esso Pubblicare Un elenco in corso di casi include un tuttofare della Crimea accusato di aver stampato e distribuito volantini contenenti presumibilmente “informazioni false” sull’esercito russo, e un uomo di Mosca incarcerato per aver guidato per la città con una bandiera contro la guerra sulla sua auto.

Un procedimento penale è stato aperto contro un insegnante della città di Penza, 650 chilometri a sud est di Mosca.

In una registrazione audio condivisa sui social media russi, la 55enne Irina Jean è stata registrata da qualcuno della sua classe che chiedeva a uno dei suoi studenti di terza media perché non potevano più partecipare a un evento sportivo europeo.

Potrebbe essere sentita spiegare che credeva che il divieto della Russia fosse “corretto” e che sarebbe continuato fino a quando il paese non avesse iniziato ad agire in “modo civile”.

Incoraggiamento a denunciare

Paeva ha detto di essere a conoscenza di un altro caso in cui una donna è stata impiccata per l’esercito russo in un bar e in seguito è stata chiamata la polizia.

“È possibile tornare al tempo in cui le persone si unirono a questa persecuzione politica”, ha detto Paeva, aggiungendo di capire perché si fanno così tanti paragoni con la repressione dell’era staliniana nella Russia moderna.

Durante un discorso del 17 marzo, Putin ha segnalato il passaggio a una più ampia repressione quando ha fatto riferimento a “traditori patriottici” che si guadagnano da vivere nel paese, ma le cui menti sono allineate con il pensiero occidentale.

Ha parlato della necessità per i russi di differenziare “i veri patrioti dalla feccia” e di come la società sarebbe stata rafforzata solo attraverso l’autopurificazione.

Nella stessa settimana, quotidiano indipendente Novaia Gazetache da allora ha sospeso le operazioni dopo aver ricevuto avvertimenti dall’autorità di regolamentazione delle comunicazioni russa, ha riferito che i residenti di Kaliningrad avevano ricevuto messaggi di testo che li esortavano a inviare informazioni su eventuali “provocatori” in relazione all'”operazione militare speciale” in Ucraina.

Arresti di celebrità

Mentre la popolazione russa è accusata anche della minima critica, eminenti oppositori del governo rimangono a grande rischio, incluso Vladimir Kara-Murza, che è stato arrestato l’11 aprile dopo essere stato portato nel suo condominio di Mosca.

Kara Morza, uno stretto alleato del leader dell’opposizione russo ucciso Boris Nemstov che si è ammalato gravemente due volte dopo un sospetto avvelenamento, è un critico vocale del Cremlino e parla spesso con i media occidentali. Collabora anche con il Washington Post.

Dipartimento canadese degli affari globali cinguettare che il suo arresto era “estremamente preoccupante”.

Kara Morza, che ha visitato più volte il Canada, ha parlato alla Camera dei Comuni di Sergei Magnitsky, il consulente fiscale russo morto in prigione dopo essere stato incarcerato per aver denunciato la corruzione dilagante.

Poche ore prima del suo arresto la scorsa settimana, è stato interrogato dalla CNN e ha descritto la Russia come un “regime di assassini”.

In un’intervista con la CBC, Evgenia Kara-Murza ha affermato di essere preoccupata che suo marito, Vladimir Kara-Murza, potesse essere accusato di ulteriori crimini e rimanere in custodia per un periodo più lungo. (Fornito da Evgenia Kara-Murza)

Sua moglie, Evgenia Kara-Murza, che vive negli Stati Uniti, ha detto a CBC News di essere stato condannato a 15 giorni di prigione per aver tentato di fuggire dalla polizia.

“L’accusa è notevole nella sua assurdità”, ha detto.

Sai, quando ricevi questo trattamento speciale dal sistema russo, ti rendi conto che la tua voce è già stata ascoltata”.

Ha detto che il rapporto ufficiale della polizia affermava che ha cercato di cambiare direzione e accelerare per allontanarsi dagli agenti, ma le ha detto che la polizia è salita nella sua macchina dopo che l’ha fermata e lo ha arrestato.

Teme che due settimane di carcere possano essere solo l’inizio di un periodo di detenzione più lungo, quando le autorità possono invocare ulteriori accuse per tenerlo in custodia.

Vladimir Kara-Murza è in tribunale insieme al suo avvocato, Vadim Prokorov, martedì, condannato a 15 giorni di carcere. (Fornito da Vadim Prokhorov)

Kara Morza, che trascorre parte del suo tempo all’estero, è stata di recente a Londra e ha cenato con Bill Browder, autore e presidente della Magnitsky Justice Campaign.

“È molto preoccupante che sia trattenuto”, ha detto Browder alla CBC.

Tutto quello che possiamo fare è pregare che venga liberato in sicurezza da questa terribile situazione”.

Browder, che a un certo punto è stato il più grande investitore straniero della Russia e ha appena scritto il suo secondo libro descrivendo in dettaglio il riciclaggio di denaro e l’omicidio nel paese, ha affermato che Putin ha trasformato il suo regime da autoritario a totalitario.

“Esiste una legge marziale efficace e una guerra su vasta scala. Non ci sono media, nessuna informazione. Chiunque alzi la voce in qualsiasi modo viene arrestato”.

promozione aziendale

Per quanto riguarda Grachev, lui e il suo avvocato hanno intenzione di appellarsi contro la multa ricevuta per ridurla, ma ha detto che una raccolta fondi organizzata da un amico ha raccolto fondi più che sufficienti per coprire la condanna.

Il cartello “No alla guerra” non è più sulla sua officina di riparazione di computer, ma un altro schermo ricorda ai suoi clienti la posizione dell’azienda.

Legge che la società stava sollevando un poster, ma lo ha rimosso dopo essere stato multato.

“Molti clienti vengono da noi adesso… a causa di questa situazione.

“Questo episodio ha influenzato solo positivamente la nostra attività”.

READ  Gli agricoltori indiani in protesta puntano i riflettori sulle elezioni statali chiave

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.