Non ci sono nuovi decessi per influenza pediatrica nella Columbia Britannica questa settimana, afferma BCCDC

Il BC Centro per il controllo delle malattie Giovedì ha affermato di non aver documentato nuovi decessi correlati all’influenza tra bambini e giovani adulti nell’ultima settimana.

La dichiarazione, pubblicata nel settimanale Respiratory Epidemiology Digest, è arrivata dopo che l’ufficiale sanitario della contea, la dottoressa Bonnie Henry, ha promesso aggiornamenti settimanali sui decessi tra bambini e giovani adulti.

La promessa ha seguito le rivelazioni secondo cui quattro bambini e due adolescenti erano morti per una malattia correlata all’influenza. Si ritiene che alcuni dei decessi siano dovuti a infezioni batteriche secondarie, che sono possibili complicanze dell’influenza.

Leggi di più:

‘I bambini muoiono’: Un medico della Columbia Britannica parla di decessi legati a malattie respiratorie

Rapporto del giovedì Nella settimana terminata il 10 dicembre, dice, l’influenza A è stato il virus più frequentemente rilevato nella Columbia Britannica, restituendo risultati positivi nel 20% dei test.

La storia continua sotto l’annuncio

Il rapporto rileva inoltre che l’RSV (virus respiratorio sinciziale) continua a circolare a tassi più elevati del solito, presentandosi attualmente in circa il nove percento dei test, rispetto a una media storica di circa il cinque percento.


Clicca per riprodurre il video:

Chiedi a un esperto: anziani e stagione influenzale


Tra i bambini testati nei laboratori di Vancouver, tra cui BC Children’s Hospital, North Shore e Richmond, sia l’influenza A che RSV rimangono comuni e, nonostante il calo nelle ultime due settimane, entrambi compaiono ancora in circa il 28% dei test. .

“Sia la positività che il tasso di crescita dell’influenza sono stati superiori in questa stagione rispetto alla media quinquennale storica pre-pandemia (2014/15-2018/19)”, afferma il rapporto.

“Al contrario, il tasso di crescita e la positività al test della scorsa settimana per RSV sono paragonabili agli intervalli storici. La positività al SARS-CoV-2 tra i bambini rimane bassa (circa il 4%).”

La storia continua sotto l’annuncio

Leggi di più:

Il tasso di vaccinazione contro l’influenza BC per i bambini aumenta vertiginosamente dopo il blitz del fine settimana, ma la maggior parte rimane non vaccinata

Le visite agli operatori sanitari per malattie respiratorie stanno finalmente “iniziando a stabilizzarsi a livelli elevati” dopo essere aumentate costantemente da settembre, secondo il rapporto.

Tuttavia, i bambini rappresentano ancora un numero sproporzionato di tali visite.

In risposta alla micidiale stagione influenzale, lo scorso fine settimana la contea ha tenuto quella che ha definito una vaccinazione “blitz” che ha visto un aumento della percentuale di bambini con iniezioni.

Tuttavia, al 12 dicembre, quasi tre quarti dei bambini di età compresa tra sei mesi e quattro anni non erano stati vaccinati.

e copia 2022 Global News, una divisione di Corus Entertainment Inc.

READ  Buoni dati possono salvare vite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.