Negozio di scambio | 6 mosse scioccanti in MotoGP che non ci aspettavamo accadessero

Negozio di scambio |  6 mosse scioccanti in MotoGP che non ci aspettavamo accadessero

Quindi è ufficiale… Tra un paio di mesi potremo finalmente vedere che aspetto ha Marc Marquez quando non guida, non parla o non indossa qualcosa legato alla Honda.

Ebbene sì, Marquez ha finalmente messo a tacere le voci e ha confermato che lascerà la Honda alla fine della stagione 2023 della MotoGP in favore di un passaggio, ancora da confermare, alla Ducati per correre al fianco del fratello Alex alla Gresini Racing.

Nella scala Richter dello shock provocato dalle mosse della MotoGP, non si può negare che questo sia in alto… In effetti, Marquez e Honda sono diventati così sinonimi, immaginiamo che lo spagnolo stia prenotando una procedura di rimozione del tatuaggio mentre parliamo.

Non è il primo – né sarà l’ultimo – a far tremare il paddock con un cambio di carriera agonistica, ma resta da vedere se sarà una decisione ispirata o sfortunata per il 59 volte vincitore di gare della MotoGP.

Il tempo lo dirà, ma potrebbe valere la pena controllare i documenti storici per determinare le possibilità…

Valentino Rossi sta benissimo anche quando innaffia le sue petunie…

Valentino Rossi

Honda > Yamaha (Parte 1)

Normalmente nessun pilota dovrebbe essere considerato più grande della squadra per cui gareggia… a meno che tu non sia Valentino Rossi, che è diventato così grande solo guardando qualunque cosa abbia due ruote e gridando “46‘.

In quanto tale, la sua firma del contratto è diventata l’obiettivo più desiderato e sacro del Campionato MotoGP per quasi due decenni… e questo era solo per il gusto di trarre profitto dalla merce!

Rossi non è mai stato ambizioso, quindi quando vincere con il marchio Honda con cui ha debuttato nella 500GP nel 2000 è diventato troppo di routine, ha negoziato un nuovo accordo con la Yamaha per il 2004.

Questo è stato un grosso problema, anche per molteplici ragioni. In primo luogo, la Yamaha è stata per decenni la rivale storica della Honda nei Gran Premi, rendendo la sua defezione simile a un tradimento. Tuttavia, in secondo luogo, la Yamaha, nonostante questa rivalità di lunga data, non rappresenta una sfida competitiva per la Honda da diversi anni.

READ  Tod's sostiene il Padiglione Italia alla Biennale d'Arte di Venezia

Tuttavia, quello che avrebbe potuto facilmente essere un pilota troppo sicuro di sé e che ha fatto il passo più lungo della gamba, ha invece confermato Rossi come una leggenda portando Iwata al suo primo titolo in oltre un decennio.

Valentino Rossi, Ducati Corse, Ducati GP11, moto 2011, foto [Gold & Goose]
Qualcuno ha detto genio…

Valentino Rossi

Yamaha > Ducati (Parte 2)

Quando la Ducati ha confermato ufficialmente che avrebbe finalmente fatto il salto dalle competizioni Superbike per unirsi ai ranghi della MotoGP, ci sono voluti circa quattro secondi perché iniziassero le domande sull’arrivo di Valentino Rossi.

Dato che le due icone italiane sono state amanti da Milano alla Sicilia e ritorno, era solo questione di tempo prima che si incontrassero in MotoGP. Il team Ducatisti ha finalmente realizzato il suo desiderio quando Rossi ha concordato con il marchio italiano i termini per un contratto biennale nel 2011 e nel 2012.

I rischi erano certamente alti, dato che Rossi questa volta ha scelto di lasciare la sua comprovata zona di comfort in Yamaha per l’ambiente meno sicuro della Ducati. Inoltre, Rossi stava sostituendo il suo acerrimo rivale Casey Stoner, e se Stoner poteva vincere su una Ducati, anche Rossi avrebbe potuto farlo.

Sfortunatamente, Rossi ha faticato ad adattarsi alla mediocre macchina da competizione della Ducati, ed è riuscito ad assicurarsi due stagioni che non solo sono state disastrose di per sé, ma alla fine sono state per lo più deludenti. Dopo due anni e solo tre podi, Rossi tornò in Yamaha e quegli anni in Ducati furono tranquillamente dimenticati.

Jorge Lorenzo, Repsol Honda, Campionato del Mondo MotoGP 2019, foto [Gold & Goose]
Jorge Lorenzo è pronto per il suo primo piano… non appena si presenta il ragazzo che gioca con il suo Game Boy

Jorge Lorenzo

Ducati>Honda

Anche se i suoi successi tendono ad essere eclissati dal maggiore affetto di cui gode il suo compagno di squadra – e grande rivale – Valentino Rossi, ci sono molte ragioni per cui Jorge Lorenzo merita di essere classificato tra i più grandi giocatori di tutti i tempi.

READ  Si chiude il sipario sui giochi con la stella di Cina e Ucraina

Certo, è facile fare paragoni con Rossi – soprattutto grazie a quel famoso ‘muro’ dei box – ma Lorenzo ha vinto tre titoli MotoGP davanti al rivale, partecipando anche al Ducati Challenge nel 2017.

Come Rossi, Cal Crutchlow e Marco Melandri prima di lui, Lorenzo ha avuto difficoltà ad ambientarsi con il team Desmosedici, tanto da voler correre solo poche gare nella stagione 2018 della MotoGP.

D’altro canto, la Ducati ci teneva che Lorenzo rimanesse, soprattutto quando la sua forma si è improvvisamente ribaltata con due vittorie consecutive, solo per scoprire che aveva segretamente concluso un accordo con la Honda per unirsi a lui dal 2019.

Beh, in quel momento sembrava una buona idea…

Marco Melandri, Hayate Racing Team, Kawasaki ZX-RR, MotoGP 2009, Azione [Gold & Goose]
La Kawasaki è diventata Hayate per una sola stagione…la migliore Kawasaki non lo è stata

Marco Melandri

Ducati > Hayate/Kawasaki

Un altro caso di “quello che avrebbe potuto essere”, la posizione dell’astro nascente Marco Melandri in MotoGP aveva già subito un netto calo durante un disastroso periodo di una stagione con la Ducati che ha fruttato solo tre risultati nella top-10 e una smorfia perpetua.

Voleva uscire e, fortunatamente, anche la Ducati voleva uscire, quindi quando la Kawasaki venne a offrirgli un contratto ufficiale per il 2009, le cose sembravano essere tornate al rialzo.

Questo fino a quando Kawasaki, preoccupata per una recessione globale, interruppe bruscamente il suo programma motociclistico dopo solo poche settimane, lasciando Melandri esausto, disidratato e senza lavoro.

Fortunatamente per lui, i resti del progetto Kawasaki MotoGP furono riuniti in quello che poi divenne il team Hayate Racing, con Melandri scelto al posto di John Hopkins (anche lui abbandonato) per guidare il suo impegno.

Con la Kawasaki uscita così tardi che lo sviluppo dell’ultima ZX-RR era già stato completato, il produttore giapponese è stato costretto a guardare cosa sarebbe potuto accadere mentre Melandri guidava il team con risorse limitate a numerosi risultati nella top ten.

READ  L'ex assistente di Jose Mourinho spiega perché Eric Ten Hag è riuscito al Manchester United
Maverick ViñalisAprilia RacingMoto Aprilia RS-GP2022celebrazione fotografica [Gold & Goose]
Felice o compiaciuto…? O sono la stessa cosa?

Maverick Vinales

Yamaha > Aprilia

Il destino a volte ha uno strano senso dell’umorismo. Prendiamo ad esempio lo scambio di Maverick Vinales dalla Yamaha all’Aprilia.

Se all’inizio della stagione MotoGP 2021 avessi detto a Vinales che essere licenziato dalla Yamaha a metà anno prima di essere prelevato dall’Aprilia sarebbe stata la cosa migliore che gli potesse capitare, ti avrebbe preceduto. Gli è stata data la possibilità di finire la frase.

Ma quando si è chiusa una porta – anzi, per essere più precisi, quando si è chiusa una porta dopo essere stato sbattuto fuori – se ne è aperta un’altra, e il team Aprilia Racing ha rilevato Viñales poco dopo essere stato licenziato dalla Yamaha per aver rotto “volontariamente” la sua moto. M1.

Non era una mossa che molti avrebbero necessariamente raccomandato qualche mese fa, ma nel 2022 l’ascesa di Aprilia è ben avviata e non passerà molto tempo prima che superi la Yamaha in calo nella classifica dei modelli.

Andiamo, Maverick, puoi fare un po’ di compiacimento se vuoi…

Enea Bastianini, Ducati Lenovo Corse, Ducati GP23, Moto Portoghesi, Portimao, Azione [Gold & Goose]
Enia Bastianini guardò Jorge Martin più intensamente della frenetica Kirsty Alsop

Ena Bastianini

Gresini Ducati > Ducati Corse

Mentre le voci di cui sopra in questa classifica sono mosse incentrate su un pilota di alto profilo che cambia produttore, ciò che rende questo, l’ingaggio della Ducati, Enea Bastianini, diverso, è che arriva direttamente dai vertici della serie del team.

Come uno di – se no IL – I posti più ambiti nel campionato MotoGP Sono iniziate le speculazioni su chi affiancherà Pico Bagnaia nel team ufficiale Ducati nel 2023 nel 2021. Con Jack Miller che fatica a brillare al fianco di Bagnaia, Jorge Martin è rapidamente emerso come il favorito succedergli. , situazione che nemmeno i vertici Ducati hanno smentito… almeno all’inizio.

Poi sono arrivati ​​Bastianini, le cui vittorie da protagonista all’inizio della sua seconda stagione in MotoGP nel 2022 hanno contribuito a dare il tono a una stagione fantastica che ha superato le aspettative, e Martin in sella a una Ducati di altissimo livello.

Ciò ha lasciato la Ducati di fronte a una decisione difficile da prendere, ma mentre molti si aspettavano che il team italiano restasse fedele alla sua struttura gerarchica “prossimo in linea”, Bastianini con Martin un po’ arrabbiato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *