Mentre imperversano gli incendi nel Mediterraneo, l’Italia conta le perdite ambientali | La voce dell’America

ROMA – Un’ondata di caldo nell’Europa meridionale, alimentata da forti venti caldi provenienti dal Nord Africa, ha contribuito agli incendi in tutto il Mediterraneo, anche in Italia, Grecia, Spagna e Turchia. I vigili del fuoco in Italia sono stati schierati da tutte le regioni per combattere gli incendi che imperversano in molte regioni del Paese, distruggendo migliaia di ettari di foresta.

L’aumento delle temperature nel sud Italia ha spinto i funzionari del ministero della salute a mettere in allerta alcune regioni del Paese, come la Sicilia. Gli incendi divampano da giorni sull’isola e in altre parti d’Italia mentre le autorità lottano per contenere gli incendi in rapida espansione che hanno distrutto migliaia di ettari di foresta.

Le autorità hanno dispiegato migliaia di vigili del fuoco e aerei lancia-acqua da tutta Italia, ma a causa dell’entità degli incendi, anche l’Unione Europea ha dovuto inviare risorse.

In Sardegna sono stati distrutti 20.000 ettari di foresta, costringendo all’evacuazione centinaia di persone. Gli incendi hanno distrutto terreni agricoli, bestiame, aziende e case, e c’è preoccupazione per le perdite di biodiversità dell’isola.

Christian Solinas, presidente della Regione Sardegna, descrive gli incendi come un “disastro senza precedenti”. I residenti hanno parlato di scene orribili.

In Sicilia, gli incendi sono ancora accesi in varie regioni poiché gli incendi hanno raggiunto anche la città meridionale di Catania, sulla costa orientale. Anche qui molti residenti sono stati costretti ad abbandonare le proprie abitazioni e la polizia è dovuta intervenire via mare per soccorrere circa 200 persone bloccate negli stabilimenti balneari a causa di incendi e fumo denso. L’aeroporto di Catania ha dovuto chiudere temporaneamente per fumo.

READ  I DOC / Moldavi che vanno alle urne in Italia devono avere un modulo di autocertificazione - Ziarul de Garda
Una vista di un incendio alla spiaggia Le Capannine di Catania, Sicilia, Italia, 30 luglio 2021, in questa immagine ottenuta dai social media. (Credit: Roberto Viglianiese / via Reuters)

Anche la regione Abruzzo è stata duramente colpita, con gli incendi che hanno inghiottito una pineta a Pescara, sulla costa adriatica, mandando in ospedale turisti e residenti dopo aver inalato il fumo.

Le autorità affermano che molti degli incendi sono stati causati da persone e hanno già effettuato alcuni arresti. Parlando alla televisione italiana, il sindaco di Pescara Carlo Massi ha descritto gli eventi nella sua zona come davvero drammatici e ha detto che i funzionari dovrebbero pagare.

Massi lo descrive come un attacco al cuore della città, il polmone verde di Pescara, le sue tradizioni, la sua storia, le sue radici. Il sindaco dice che gli incendi si sono sviluppati in diverse parti e che i venti hanno acceso enormi fiamme. Aggiunge che non aveva mai visto niente di simile prima e che le persone erano praticamente circondate dal fuoco.

Come in altre parti d’Italia, Massi ha affermato che l’impatto sull’ambiente locale è stato incommensurabile con l’intera area della Riserva Dannunziana, la grande pineta della città distrutta. Ha detto che faceva male vedere tutti quegli scheletri di alberi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *